E’ la stampa, bellezza (i titoli di venerdì 19 V 2017)

Ciociaria Oggi K2

CIOCIARIA EDITORIALE OGGI
(direttore Alessandro Panigutti)

Frosinone ci devi credere
Serie BNell’ultima giornata i canarini battono la “Pro” e agganciano il Verona al secondo posto. Ma non basta. Per conquistare la A bisognerà passare per la lotteria dei play off: giallazzurri in campo venerdì 26 maggio

SINTESI
Il Frosinone fa il suo dovere. Batte per 2 a 1 a Pro Vercelli e alla fine chiude la stagione regolare
al secondo posto. Ma non basta, perché a salire direttamente in Serie A è il Verona grazie alla migliore situazione negli scontri diretti rispetto ai canarini (2-0 per gli scaligeri al “Bentegodi” e 1 a 0 per i canarini al “Comunale”). Ma la beffa per la formazione ciociara non si ferma. Perché la squadra di Pasquale Marino chiude con nove lunghezze di vantaggio sulla coppia di quarte composta da Perugia e Cittadella. Vale a dire soltanto un punto in meno, un maledetto punto in meno, di quanto gli sarebbe bastato per conquistare la promozione diretta.

Segreteria Pd, ipotesi Alfieri

Il fatto Grandi manovre dopo la rottura della maggioranza interna. Ma sarà necessario andare a congresso. Il sindaco di Paliano fa parte dell’area di Scalia e Pilozzi ma ha ottimi rapporti pure con De Angelis

Guerra di nervi democristiana

Frosinone. Fabrizio Cristofari: «Il vento è cambiato e sono fiducioso di poter vincere al ballottaggio». Nicola Ottaviani: «Al primo turno è fondamentale superare il 40%, per poi chiudere la partita 15 giorni dopo». Ma i Cinque Stelle non mollano. E Bellincampi rilancia la sfida: sognare non è vietato

In fuga per non andare a scuola

Frosinone. Si difende il papà denunciato per abbandono di minori e maltrattamenti in famiglia dopo l’allontanamento dei figli. Il genitore sostiene di aver assunto un atteggiamento più rigido dopo aver scoperto che la ragazzina non seguiva più le lezioni

Revocato il sequestro della Saf

Operazione maschera Il tribunale di Roma ha accolto l’istanza avanzata dagli avvocati della Società ambiente Frosinone. Il gip evidenzia le divergenze interpretative sulla classificazione dei rifiuti a specchio e le conseguenti disparità di trattamento

«Qui nessuno è insostituibile». D’Alessandro saluta Evangelista

Cassino. Comune Il sindaco accoglie le dimissioni: «La delega? Abbiamo un assessore»

provincia-2

LA PROVINCIA
(direttore Dario Facci)

Avanti a testa alta
Serie B. Il Frosinone vince ma non va in A. Subito concentrati sui play off. Ben 9 punti di distacco
dal Perugia (quarto) e il parimerito con il Verona promosso non servono ai Leoni penalizzati da episodi

SINOSSI
Norme un po’ assurde infliggono al Frosinone di disputare il minitorneo dei play off per cercare di ottenere la massima serie. Pensare che la squadra di Marino ha chiuso il campionato a parimerito con il Verona e a nove punti dalla quarta in classifica ma non è promossa fa un po’ rabbia. Ma ora a tutto questo non si deve più pensare per concentrarsi senza retropensieri sulle prossime partite.

Per Maurizio l’abbraccio di una folla addolorata

Cronaca. Ieri le esequie nella chiesa di Laguccio del 37enne vittima di un atroce incidente. Cartelloni e striscioni in sua memoria. L’intera contrada riunita nel suo ricordo

Confusione sulle parole del Ministro

No alla demagogia sulla Valle del Sacco. La notizia importante è che sui problemi del fiume Sacco è attivato l’istituto Superiore di Sanità

La Asl sbotta e mena bacchettate a politici e candidati

Il caso. Troppe critiche all’azienda sanitaria. Le ultime critiche giunte da Forza Italia sul reparto di gastroenterologia fanno trabboccare il vaso. “Di certo non sono i politici a essere fonte oggettiva e attendibile di cosa pensa la gente!”

Impianto Saf, revocato il sequestro della struttura/

Colfelice. A deciderlo è stato il Gip di Roma. Con la decisione del Gip il presidente e il Cda riprendono pieni poteri

Chiusura sportello Acea, critiche al gestore

Sora. Destra e Sinistra d’accordo

Messaggero K2

IL MESSAGGERO
(direttore Luciano D’Arpino)

Niente miracolo, ora i playoff
Il Frosinone batte la Pro Vercelli 2-1 ma il Verona pareggia a Cesena e ottiene la promozione in A. Ora i Leoni dovranno giocarsi gli spareggi per sognare ancora

SINTESI
È durato quarantaquattro minuti il sogno del Frosinone di volare in Serie A passando dalla porta principale, quella della promozione diretta. Poi il gol del vantaggio del Perugia contro la Salernitana e il primo del Benevento a Pisa hanno spento i già flebili brandelli di speranza. Si è rivelata pressoché inutile, dunque, di certo amara, la vittoria contro la Pro Vercelli nell’ultimo turno di campionato. Ora per il Frosinone, che ha chiuso al terzo posto la stagione regolare, saranno playoff: un’altra possibilità per accedere nel massimo campionato. L’imperativo è concentrarsi scacciando la delusione.

Alberi, bar e balconi: così i candidati si fanno propaganda

Frosinone. Soluzioni e fantasie, manifesti e gigantografie: così gli aspiranti consiglieri comunali occupano gli spazi

Rifiuti, dissequestrato l’impianto Saf

La decisione del Gip di Roma: «La questione va approfondita, ma non ci sono più le esigenze per mantenere il sequestro». Accolta l’istanza della difesa che, sulla base di una consulenza, contesta le accuse sul traffico illecito e i codici a specchio

«Tante imprese pronte a investire ma bloccate dalla burocrazia»

L’allarme di Davide Papa, presidente di Unindustria Cassino: nel mirino le mancate autorizzazioni della Provincia

Latina Oggi K2

LATINA OGGI
(direttore Alessandro Panigutti)

Balena blu, ora indaga la Procura
Il primo passo negli accertamenti delicati e riferiti a relazioni di associazioni a tutela dei consumatori e assistenti sociali. Il fascicolo aperto dopo le segnalazioni dei giorni scorsi, determinanti le perizie su telefonini e computer dei minori.

SINOSSI
Adesso è diventato più che un semplice sospetto. «Balena blu», l’assurdo gioco dei suicidi, sarebbe realmente arrivata anche a Latina. E il sostituto procuratore Gregorio Capasso ha aperto un’inchiesta. Sul fenomeno, dopo le prime segnalazioni giunte da associazioni a difesa dei minori e assistenti sociali, si erano subito messe al lavoro le forze dell’ordine. Il dubbio appunto era quello che, anche in terra pontina, dei ragazzini possano essere stati agganciati da quanti, sfruttando soprattutto il web e in particolare i social network, attirano i minorenni in una trappola, quella nota come «Blue Whale», spingendoli alla fine a togliersi la vita.

Vigili, assunzioni dubbie

Minturno Inchiesta della Corte dei Conti sui contratti estivi prolungati per tutto l’anno. La vicenda già passata al vaglio degli ispettori. Si ipotizza il danno erariale.

Voleva vendicare il cane azzannato

Latina. Il figlio dell’uomo aveva impugnato una pistola per farsi giustizia da solo. Denunciati entrambi. La Volante sequestra l’arsenale di un pensionato: il suo chihuahua era stato aggredito da un pastore tedesco

Nerazzurri ko con l’Avellino. Ferullo sugli spalti

Calcio. Serie B.

Il Tempo K2

IL TEMPO
(direttore Gianmarco Chiocci)

«Pure Renzi mi vuole? Io penso ad Amatrice»
Parla Pirozzi Dopo l’affondo del centrodestra, l’idea Dem. Il sindaco: «Farò il partito dello scarpone tra le macerie»

Cuccioli clandestini: 8mila alla settimana
Boom di animali illegali dall’estero. Ogni 7 giorni affari per 5milioni di euro

il-giornale

IL GIORNALE
(direttore Alessandro Sallusti)

Babbo Renzi, la resa del capitano
Il carabiniere Scafarto al telefono: «Pagherò io per Woodcock». Intercettazioni, tra Napolitano e Pd volano insulti

Legge elettorale in Aula a giugno. Ma in Senato i numeri non ci sono
È scontro sui tempi della legge elettorale alla Camera. Matteo Renzi ha fretta di votare già a ottobre, il Pd chiede l’approdo in aula della legge il 29 maggio ma le opposizioni insorgono e chiedono lo slittamento
al 5 giugno. Al Senato i numeri sono a rischio. Ed è tensione anche sul testo. Forza Italia dice no ai colpi di mano. Il veto di Berlusconi: «Serve il proporzionale o si favoriscono Pd e Lega»

La Verità
(direttore Maurizio Belpietro)

Invece che sulle tangenti indagano sulla «Verità»
La Procura di Roma, che non ha perquisito la casa di babbo Renzi dove potevano esserci soldi «sotto la mattonella», ci accusa di rivelazioni di segreti. Sembra che accertare i fatti sia l’ultimo dei pensieri

La politica dei bonus ci condanna all’estinzione
Per le famiglie spendiamo metà della media Ue. Sgravi ridicoli per gli asili nido. E poi ci lamentiamo delle culle vuote