Bosco Faito

La Contea si riprende Bosco Faito: non un clima da faggio ma lui non lo sa

Il presidente della Regione Lazio Zingaretti, su proposta dell’assessora Lombardi, sta per modificare il regolamento del Monumento naturale: la gestione, dopo tante polemiche, passerà dalla ripudiante Provincia di Frosinone al richiedente Comune di Ceccano. La partita parte da più lontano e ora il centrodestra canta vittoria. Ma, secondo il sindaco FdI Caligiore, è il decreto della sussidiarietà

Caligiore 1 e Caligiore 2 su Bosco Faito, la differenza è “Fratello Pompeo”

Per l’amministrazione Caligiore esistono 2 Province di Frosinone. La Provincia inadempiente di ieri (quando Pompeo era candidato). E quella da ringraziare oggi a parità di nulla. Perché ora in Provincia si celebra la luna di miele fra Pompeo e FdI.

Il vento è cambiato anche nell’ex polveriera

Oggi, dopo quello nell’ex saponificio Annunziata, il sopralluogo nell’ex Snia Bpd: in mezzo al monumentale Bosco Faito. È ormai tempo di bonifica e analisi anche nella storica industria che faceva le bombe per la Seconda guerra mondiale. Il sindaco Caligiore: «Accelerazione delle bonifiche, emergenza ambientale inascoltata per anni»

Avvisi ai naviganti… della politica: acque agitate per il M5S

I retroscena della seconda giornata del Blue Forum di Gaeta. La contrapposizione tra le due anime del M5S. Caligiore reclama Bosco Faito. E prenota il team di Mastrangeli per a sua campagna elettorale. Perché Brunetta non si è presentato. L’orgoglio di Luigi Di Maio

Aree verdi abbandonate: la Regione sprona alla collaborazione

La Regione Lazio stanzia 900 mila euro per incentivare la sottoscrizione di convenzioni tra enti locali e associazioni per la manutenzione di aree protette, parchi e giardini finiti nel degrado. Anche all’attenzione della Provincia di Frosinone, gestore uscente del Monumento naturale di Bosco Faito

Quando Ceccano fu bombardata come Gaza

Ceccano, tra i fuochi di invasori e liberatori, fu distrutta ottant’anni fa. 102 le vittime civili nella cittadina ciociara: più grande di quella palestinese, ma con mezzo milione di rifugiati in meno. IndieGesta invita allora i “figli della guerra” a raccontare quei “giorni dell’ira”

Le Regionali e «il candidato di Ceccano»

A Ceccano, tra le due opposte e aspre narrazioni per le Elezioni Regionali 2023, si candidano due consiglieri comunali e una ex sindaca: Querqui (Pd), Corsi (Lega) e Maliziola (Demos). Ma anche il comunista Mingarelli (Unione Popolare). Per FdI «il candidato di Ceccano», se non il confinante Maura, è direttamente l’aspirante presidente Rocca. La corsa di Querqui, intanto, «non è un’investitura diretta come prossimo candidato a sindaco»

La bonifica della valle del Sacco? Merito mio. No è il mio

Lo sprint alla bonifica della Valle del Sacco è dovuto al commissariamento voluto dal Pd o alle pressioni di Fratelli d’Italia? Secondo il consigliere dem Buschini “parlano i fatti”. Da Ceccano, però, Caligiore e Del Brocco non mollano la presa

Il Pd confida nel Bonsignore: cosa significa la nomina del commissario

Quello che non vi hanno spiegato sul commissariamento del Sin della Valle del Sacco. Cosa c’è dietro. Le diverse chiavi di lettura politica. I milioni da spendere entro il 2023. Le colpe di alcuni sindaci che non hanno presentato la documentazione necessaria

Caligiore bis: «Arroganza del potere? No, pragmatismo del centrodestra unito»

Dall’esecutivo di Ceccano un primo bilancio del secondo mandato del sindaco di FdI: 270 delibere di Giunta, 10 sedute di Consiglio comunale e le opere realizzate in un anno. In conclusione, però, anche l’analisi politica di Caligiore: «Stiamo dimostrando come si lavora bene per la comunità con un centrodestra unito», proposto come modello in Ciociaria. Con tanto di controverso attacco al Pd

I No dei ‘quaquaraquà’ ed i silenzi degli omminicchi

Troppi No senza senso hanno fatto perdere grandi occasioni alla provincia. La gente spesso ha fatto bene a pronunciarli. Male invece hanno fatto i quaquaraquà che li hanno spinti. Ci siamo giocati il teleriscaldamento, abbiamo rischiato la Tav, il nostro futuro industriale è in bilico. I No sono un pericolo se non c’è un confronto. Che la politica non ha il coraggio di affrontare. Perché non è autorevole.

Il “Recovery” di Ceccano: il piano per diventare (quasi) normale

Tutto ma proprio tutto sul futuro sviluppo di Ceccano. Il Documento Unico di Programmazione. E le connessioni con i fondi del Recovery. Dove l’amministrazione ci sta e dove no

Caligiore canta vittoria, Compagnoni: “Campa cavallo”

Sindaco di Ceccano ed ex consigliere del Psi di nuovo l’uno contro l’altro. Lo scontro è su un progetto sul quale si erano ‘accapigliati’ anni fa. Ora rivendica: è finanziabile. Ma ha davanti altri 173 progetti.