«Abbruzzese e Scittarelli sono tornati insieme». «Falso: è Petrarcone a chiamarli»

[dfads params=’groups=105&limit=1&orderby=random&return_javascript=1′]

 

«La vecchia ditta si è ricomposta, Mario Abbruzzese e Bruno Scittarelli sono tornati insieme»: a rivelarlo dal palco, durante il suo comizio a Caira, è stato il sindaco uscente Giuseppe Golini Petrarcone.

Una mezza conferma arriva da alcune indiscrezioni, secondo le quali nelle ore scorse c’è stato un lungo incontro politico tra il consigliere regionale di Forza Italia e l’ex sindaco che lui stesso fece cadere cinque anni fa. L’incontro si sostiene sia avvenuto nell’ufficio politico di Cassino in cui ha sede Abbruzzese ed al termine i due ormai ex nemici sono andati a cena nel ristorante Giallo Limone.

Ad una mezza conferma fa seguito una smentita intera. «Non parlo da tempo con Bruno Scittarelli, il legame tra noi non è mai stato recuperato e ancora oggi i rapporti sono pessimi: i nostri avversari non sanno più cosa inventare, credo si tratti di un ottimo segnale perché mette in evidenza le loro difficoltà».

E la cena al Giallo Limone? «Veramente ero a cena nel locale accanto, il Place to be, con tre persone, nessuna di loro aveva i baffi e le foto potete andare a vederle su Facebook».

Ma se avesse fatto la tregua con Scittarelli, Abbruzzese lo direbbe? «Qui non c’è nessuna tregua con nessuno. Chiariamo subito una cosa, senza doverla ripetere per l’intera settimana che ci separa dal voto e dalla vittoria: noi non faremo accordi con nessuno, la nostra squadra è questa ed è la stessa dal primo minuto. Sono altri a fare gli accordi».

Ad esempio, chi: «A me risulta che sia il fronte di Petrarcone ad avere contattato sia Bruno Scittarelli che Massimiliano Mignanelli, per tentare un accordo. Noi andiamo avanti per la nostra strada».

1 commento

I commenti sono chiusi

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright