Acea, Forza Italia riunisce i sindaci

[dfads params=’groups=105&limit=1&orderby=random&return_javascript=1′]

 

Forza Italia riunirà i suoi sindaci nei giorni immediatamente successivi alle elezioni comunali di giugno e con loro esaminerà la posizione da assumere nei confronti di Acea e dell’ipotesi riapertura del dialogo con i Comuni. (leggi qui l’apertura del presidente PompeoLeggi qui l’apertura dell’a.d. Acea Ato5 Paolo Saccani).

Il Coordinatore Provinciale Pasquale Ciacciarelli ne ha parlato in serata con la sua vice Alessia Savo, sindaco di Torrice ed autrice di un articolato dossier contro il gestore idrico.

La posizione iniziale sarà quella sostenuta in serata dal sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani e cioè: «No a trattative al ribasso con Acea». (Leggi qui la posizione di Ottaviani).

Acea però ha in mano una serie di sentenze: deve essere risarcita con 75 milioni per i danni provocati dai sindaci non determinando la tariffa alla quale doveva essere pagato il servizio tra il 2009 ed il 2012; deve avere altri 53 milioni per non averla determinata tra il 2013 ed il 2015; deve avere 10,7 milioni per i danni subiti fino al 2007 per le cifre indicate in modo sbagliato dai sindaci al momento di mettere a punto l’apparato poi vinto da Acea.

«Ci sono state inadempienze da parte dei sindaci tanto quanto ce ne sono state da parte di Acea» taglia corto Ciacciarelli.

In giornata, sull’ipotesi di riapertura del dialogo tra Acea e Comuni erano intervenuti anche altri due sindaci della Consulta: Libero Mazzaroppi di Aquino (leggi qui l’intervento di Mazzaroppi) e Marco Galli di Ceprano ( leggi qui l’intervento di Marco Galli).

1 commento

I commenti sono chiusi

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright