Acqua, i sindaci sparano sul pianista

Il fronte dei sindaci anti Acea ha deciso di attaccare la Segreteria Tecnico Operativa.

La strategia politica di Nicola Ottaviani (Frosinone), Carlo Maria D’Alessandro (Cassino), Roberto Caligiore (Ceccano) è chiara: aumentare il “raggio” dell’offensiva: dopo il gestore e il presidente dell’Ambito Territoriale Antonio Pompeo, nel “mirino” anche i tecnici della Segreteria Tecnico Operativa.

Mentre l’Autorità per l’energia, il gas e il servizio idrico sta decidendo sulla tariffa del 2016-2019 (quella provvisoria, in atto, prevede già un aumento del 5%) e sul conguaglio (Acea lo ha quantificato in 77 milioni di euro), i sindaci dell’emendamento Ottaviani si stanno preparando al secondo tempo sull’argomento (loro hanno chiesto un congelamento in attesa di vedere come si definirà la vicenda della diffida ad adempiere).

Però la battaglia finale avverrà sulla richiesta o meno di risoluzione della convenzione con il gestore. Tra una settimana scade il termine entro il quale Acea dovrà produrre tutte le controdeduzioni, poi entro fine ottobre il verdetto finale della conferenza dei sindaci.

Un argomento, quello dell’acqua, sempre divisivo e decisivo. Lo scontro sarà durissimo. I sindaci anti Acea hanno deciso di sparare sul “pianista” (la Sto) per far “steccare” tutto il coro.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright