Acqua, a Latina 6 Comuni pronti a comprare la società

In provincia di Latina fanno sul serio. I sindaci di centrodestra avviano la formale manifestazione d’interesse per comprare le quote della società Acqualatina che sono in mano al privato. In pratica Idrolatina e Veolia. E provano a creare una gestione interamente in mani pubbliche.

L’intenzione di farlo l’avevano annunciata nei mesi scorsi. All’ultima assemblea dei Comuni avevano deciso di ordinare lo studio con cui vedere se si poteva fare. E se conveniva farlo. (leggi qui il precedente) In provincia di Latina infatti l’acqua è gestita da Acqualatina, società al 51% in mano ai Comuni ed al 49% in mano ad partner privato (IdroLatina, società del gruppo multinazionale francese Veolia).

In queste ore il sindaco di Fondi Salvatore De Meo ha scritto a Idrolatina e Veolia. Comunicandogli l’intenzione di acquistare le quote societarie della parte privata di Acqualatina. Una comunicazione fatta a nome del suo Comune e pure di Gaeta, Sperlonga, Monte San Biagio, Prossedi, Roccamassima ed altri che non hanno ancora ufficializzato la loro adesione all’iniziativa. Ma che si sarebbero già pronunciati a favore.

Lo stesso obiettivo è stato dichiarato dai sindaci del centrosinistra. Ma sinora non lo hanno fatto.

Sul piatto, intanto, resta l’offerta già formalizzata da Acea. E’ pronta a comprare ed offre 20 milioni di euro.

.
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright