Al centrodestra manca Forza Italia

Il Partito di Berlusconi non è più il perno della coalizione a livello nazionale e i riflessi si vedono anche nelle province. Per esempio a Frosinone. Cosa sta succedendo e quali potrebbero essere i riflessi.

La Lega è stato il primo Partito in assoluto alle Comunali di Alatri e Sora e il primo del centrodestra alla Provincia, dove hanno votato sindaci e consiglieri comunali. Motivo di soddisfazione per il coordinatore regionale Claudio Durigon e quello provinciale Nicola Ottaviani. Fratelli d’Italia ha tenuto botta alla grande: sia alle Comunali che alle Provinciali. Motivo  di soddisfazione per il segretario regionale Paolo Trancassini e per il presidente provinciale Massimo Ruspandini. Mentre nel centrodestra è scomparsa Forza Italia e questo dovrebbe essere un motivo  di preoccupazione per il coordinatore regionale Claudio Fazzone, ma anche per tutto il centrodestra.

Se manca Forza Italia

Claudio Fazzone

Senza l’area moderata il centrodestra fatica da matti a trovare sintesi di coalizione. A livello nazionale ma pure locale. Perciò Fazzone intende ottenere un risultato importante al Comune di Frosinone. Nel centrodestra. Con un proprio candidato a sindaco (Adriano Piacentini) e con una lista forte e competitiva. Senza perdere di vista però quello che potrebbe succedere a livello nazionale.

Giorgia Meloni, forte di sondaggi che la danno in crescita (unico Partito dopo la battaglia del Quirinale), vuole rifondare il centrodestra. Magari anche con alleanze con Forza Italia. Scavalcando quindi la Lega sotto questo punto di vista.

Matteo Salvini (al quale vanno gli auguri di pronta guarigione dal Covid) sta ondeggiando tra linea di governo e voglia di piazza. L’idea di una federazione sul modello dei Repubblicani degli Usa è tramontata sul nascere, dopo che il coordinatore nazionale degli “azzurri” Antonio Tajani ha chiuso tutte le porte.

Il banco di prova delle Comunali

Nicola Ottaviani

Manca un anno alle elezioni politiche e regionali del Lazio. Intanto però ci saranno le Amministrative di primavera. Un banco di prova per diverse leadership: quella di Giuseppe Conte nel Movimento Cinque Stelle, ma pure quella di Matteo Salvini nella Lega.

Le alleanza e i risultati delle Comunali (anche quello di Frosinone) avranno un peso e determineranno dei riflessi. Nel capoluogo ciociaro il centrodestra vuole vincere per la terza volta consecutiva, ma tutti i Partiti e le liste civiche dovranno contemporaneamente ottenere un risultato importante nel voto di lista.

Il centrosinistra da dieci anni è all’opposizione e sta faticando moltissimo per cercare di trovare una soluzione unitaria. Le partite nella partita sono diverse: il derby tra Lega e Fratelli d’Italia, ma pure la sfida tra Pd e Forza Italia per ipotecare il Centro. Ma la differenza la faranno le civiche, come sempre: quella di Gianfranco Pizzutelli, quella di Antonio Scaccia, quella di Fabrizio Cristofari. Quella di Nicola Ottaviani.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright