Banca Popolare del Lazio, Capecelatro presidente

Cambio al vertice della Banca Popolare del Lazio: a seguito dell'improvvisa scomparsa del  presidente Renato Mastrostefano il CdA nomina il notaio Capecelatro

Il notaio Edmondo Maria  Capecelatro di Velletri è il nuovo presidente del consiglio di amministrazione della Banca Popolare del Lazio.

Lo ha eletto il CdA riunito in via straordinaria a causa della improvvisa scomparsa del  presidente Renato Mastrostefano.

Edmondo Maria Capecelatro era stato eletto vicepresidente appena l’undici luglio scorso all’interno di un piano per il rinnovamento della governance di Banca Popolare del Lazio deciso nel “Piano Strategico” e nel nuovo Statuto approvati nel corso dell’Assemblea Straordinaria dell’otto gennaio. Un piano che aveva portato anche alla nomina del direttore generale Massimo Lucidi ad amministratore delegato,

Ora il CdA ha deciso di investire della carica di presidente il dottor Capecelatro e per coprire il suo posto  di consigliere, invece, ha cooptato Paolo Bologna.

Proprio nei giorni scorsi, Banca Popolare del Lazio era stata protagonista del convegno First-Cisl  di Fondi.

Aveva evidenziato che il tema della sfida digitale per le banche del territorio è diventato  centrale per il futuro e Massimo Lucidi ha lanciato un messaggio chiaro in  questo senso: «Le banche del territorio possono e devono pensare a  un’ottica di collaborazione per affrontare la sfida digitale,  diminuendo i costi e gli impegni che ciascuna, da sola, non  riuscirebbe a sostenere per essere realmente competitiva con i grandi  colossi. Ormai il digitale non è più rinviabile, bisogna agire per  governarlo, anche mettendosi insieme».

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright