«Revocate l’assessore nominato ‘in famiglia’ a Sora»: vertice a Frosinone

Convocata nella sede del Coordinamento provinciale a Frosinone la riunione sulla crisi scoppiata in Forza Italia a Sora dopo la nomina dell'assessore. Verso la richiesta di revoca del provvedimento.

Azzeramento della nomina dell’assessore ‘in famiglia‘ e riapertura del tavolo con cui individuare il componente mancante alla giunta del sindaco Roberto De Donatis. È la richiesta che verrà presentata tra qualche ora al coordinatore provinciale pro forma di Forza Italia Pasquale Ciacciarelli ed al coordinatore de facto Mario Abbruzzese. Saranno loro a cercare di imporre un collante alle troppe fratture che si sono aperte a Sora nel Partito con la nomina di Silvia Ucciero coniugata Taglialatela: moglie del tabaccaio Mariano, diventata assessore al posto del marito contro il quale erano stati posti troppi veti. (leggi qui ‘La giunta? Affare di famiglia. Mai Tagliatatela assessore. Allora nominano la moglie’)

 

A FROSINONE IL TAVOLO SU SORA

A chiedere la retromarcia sulla nomina dell’assessore saranno i grandi elettori che hanno sostenuto i consiglieri comunali di centrodestra. Quelli che hanno portato le preferenze ma pure i candidati che hanno avuto i voti anche se non abbastanza da risultare eletti.

In queste ore sono stati consultati. Gli è stato chiesto di prendere una posizione ufficiale: sia contro la designazione ad assessore passata dal marito alla moglie, sia contro la trappola architettata ai danni del Coordinatore comunale Serena Petricca per allontanarla da Sora mentre si procedeva con la nomina, facendole trovare tutto fatto al suo rientro in città (leggi qui ‘La grande trappola per Serena: così hanno fatto l’assessore’)

Il tavolo attorno al quale arrivare al chiarimento non sarà quello del circolo di Sora. Il confronto è stato avocato dal Coordinamento Provinciale di Frosinone e per questo la riunione avverrà nella sede di via Aldo Moro nel capoluogo.

 

TUTTI CONTRO TUTTI

Nessuno sa chi sarà presente.

L’ex vice sindaco Vittorio Di Carlo l’altro giorno ha detto che se questo è il Partito allora è meglio tornare con gli ex camerati di Fratelli d’Italia. Il Coordinatore comunale Serena Petricca ha annunciato le dimissioni. L’ex presidente del Consiglio Comunale Giacomo Iula ha detto di non essere più interessato. Ha abbandonato la chat del gruppo in maniera rocambolesca Alessandro Mosticone, il consigliere che ha imposto l’assessorato al suo amico Mariano Taglialatela e poi pur di aggirare i veti lo ha fatto avere alla di lui moglie Silvia Ucciero in Taglialatela. (leggi qui ‘Tutti contro tutti’).

Nell’ambiente scommettono che Vittorio Di Carlo ci sarà. E pure Serena Petricca, per pretendere spiegazioni sul trappole di cui è stata vittima e del quale tutti giureranno di saperne niente.

 

ANCHE IN FRATELLI D’ITALIA

Se Atene piange, Sparta non ride. Anche Fratelli d’Italia si trova ad affrontare in queste ore più di qualche frizione.

Massimiliano Bruni, consigliere con delega nell’amministrazione Social Forzista di Sora, ha minacciato di lasciare Fratelli d’Italia.

È stato uno dei primi ad aderire al Partito quando Giorgia Meloni, Ignazio La Russa e Guido Corsetto lasciarono Forza Italia creando la nuova formazione.

Vuole un ruolo per le prossime elezioni regionali. «Non per me stesso» assicura. E per chi allora? «Se Sora non avrà il giusto ruolo di rilievo che gli spetta alla prossima tornata elettorale, che abbia un nome su cui puntare affinchè la rappresenti nei luoghi decisionali e lo stesso debba essere deciso dal partito e per questo non chiedo una poltrona per me, se questo non avviene a malincuore lascio Fratelli d’Italia».

 

A quel punto, la delega verrà rimessa in discussione e bisognerà rimettere in piedi la stessa giostra che si è appena fermata per far salire Silvia Ucciero in Taglialatela?

 

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright