Blitz di Mosticone in Provincia: ma non mette in dubbio le firme

Il consigliere comunale di Sora Alessandro Mosticone, dopo l'esclusione dalla lista della Lega per le Provinciali, si informa sull'accesso agli atti. Ma non mette in dubbio la lista. Che infatti è regolare.

Non lancia la pietra. Ma nasconde lo stesso la mano. Alessandro Mosticone è tornato nel palazzo della Provincia a Frosinone. Il consigliere comunale di Sora lo ha fatto ventiquattr’ore dopo essere stato estromesso dalla lista della Lega per le prossime elezioni Provinciali. (leggi qui Provinciali 3 – Caos Lega: trappola a Mosticone, solo 9 candidati in lista).

Cosa è andato a fare? Nei corridoi ha sostenuto una cosa, nelle dichiarazioni ufficiali ne ha detta un’altra. A chi lo ha incontrato ha detto di voler esaminare la lista dalla quale è stato escluso. Ai taccuini dei giornali ha detto «Sono venuto solo ad informarmi sulla procedura per fare l’Accesso agli Atti». Per vedere la lista e verificare se è regolare? «No, non necessariamente. Avevo la curiosità di sapere come si fa una procedura e sono venuto ad informarmi». Ma per accedere a quali atti? «Nessuno in particolare, solo per sapere come si fa…».

Se anche volesse controllare la lista dalla quale è stato escluso, non troverebbe irregolarità: Non ci sono cancellature, non ci sono abrasioni, non ci sono tracce di sostituzioni fatte all’ultimo momento.

Allora come è possibile che il suo nome sia stato eliminato alle 11:15 e dopo un quarto d’ora circa la lista fosse pronta con le firme di una sessantina di amministratori sottoscrittori?

La risposta è semplice. Alle 11:15 c’è stata la telefonata del coordinatore regionale Francesco Zicchieri con cui comunicare ad Alessandro Mosticone la sua esclusione. Ma la decisione di non inserirne il nome nella lista con i candidati risale ad almeno 24 ore prima. Se non di più.

Infatti, alcune delle firme sono state raccolte la domenica mattina, a poche ore dalla scadenza. E nella lista non c’era traccia del consigliere di Sora. Tutto regolare.

Al limite potrà rimproverare che glielo hanno detto all’ultimo momento. Il che sarebbe, al massimo, un problema di etichetta. Ma non di atti ai quali fare l’accesso. Ecco perché Mosticone è andato solo ad informarsi. Ma si guarda bene dal pronunciare verbo sulla regolarità della lista.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright