Guerra aperta Ciacciarelli – commissario: «E’ venuto a fare un lavoro politico»

«Fino ad oggi abbiamo avuto rispetto istituzionale per il suo ruolo. Ma dal momento che si è messo a fare politica allora scendiamo in campo pure noi. L’annullamento dei contratti al Consorzio di Bonifica Valle del Liri è una scelta politica del commissario Raffaele Maria De Lipsis»

La dichiarazione di guerra è stata fatta questa mattina. Le ostilità cominceranno oggi pomeriggio alle 16. Forza Italia va all’attacco del commissario Raffaele Maria De Lipsis inviato da Nicola Zingaretti a Frosinone per unificare i tre Consorzi di Bonifica. (Leggi qui)

«Fino a quando ha fatto il tecnico non abbiamo parlato. Ma nel momento in cui è stato chiaro che sta facendo un lavoro politico abbiamo il dovere di intervenire». Parola di Pasquale Ciacciarelli, presidente del Consorzio Valle del Liri fino all’arrivo del commissario regionale. Ma anche coordinatore provinciale di Forza Italia. Soprattutto, l’uomo finito nel mirino per le assunzioni ritenute irregolari ed i bilanci non proprio limpidi. (Leggi qui)

L’altro giorno il commissario ha annullato le assunzioni fatte da Ciacciarelli. Erano finite da subito nel mirino della Regione (leggi qui). Ci avevano messo mano i giudici del Tar, confermando i dubbi dell’assessorato regionale (leggi qui il Tar). Ora De Lipsis ne ha preso atto ed ha agito di conseguenza.

Ma i contenuti devastanti per Pasquale Ciacciarelli sono altri. Sono quelli all’interno della relazione De Lipsis.

«Respingo con forza quei contenuti. E con me li respinge l’intero Consiglio d’Amministrazione che ha preso quelle decisioni. Oggi vi racconteremo come stanno in realtà le cose» ha annunciato Ciacciarelli.

Appuntamento alle 16 in Saòa Restagno nel municipio di Cassino.

§
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright