Buschini, Ruspandini, Ottaviani: i nuovi leader

Perché il rinvio delle comunali in autunno può favorire il presidente del consiglio regionale del Pd, il senatore e commissario di Fratelli d’Italia e il coordinatore della Lega nonché sindaco di Frosinone.

Perfino il rinvio delle elezioni Comunali in autunno (si svolgeranno in una data compresa tra il 15 settembre e il 15 ottobre) aiutano il centrodestra provinciale. La Lega di Nicola Ottaviani avrà almeno quattro mesi in più per organizzarsi  meglio in vista di un tavolo del Centrodestra che a questo punto può essere preparato con tutta calma. In previsione dell’appuntamento con le urne a Sora e ad Alatri.

Mauro Buschini

Stesso discorso per Fratelli d’Italia di Massimo Ruspandini. Diciamo la verità: andare alle urne in primavera avrebbe obiettivamente favorito il centrosinistra ad Alatri. O meglio: avrebbe favorito le strategie e il candidato del presidente del Consiglio Regionale Mauro Buschini, uno dei big del Partito Democratico. A Sora scenario completamente diverso, ma comunque con un centrodestra in difficoltà di sintesi. In questo caso però anche il centrosinistra non se la sarebbe passata benissimo. Ad ogni modo i nomi decisivi della politica locale in questo momento sono i tre appena fatti: Mauro Buschini, Massimo Ruspandini e Nicola Ottaviani.

I modelli esportabili

Il primo, presidente del Consiglio Regionale, è il fedelissimo di Nicola Zingaretti. Lo resterà qualunque cosa succeda il 13 e 14 marzo in assemblea. Certamente però anche Buschini dovrà capire bene cosa succederà alla Regione. L’accordo con i Cinque Stelle appare scontato, ma l’ufficialità e la formalizzazione non ci sono. In ogni caso però per Mauro Buschini è forse arrivato il momento di esportare in provincia di Frosinone i modelli vincenti alla Regione: dal patto d’aula alla moral suasion costante nei confronti dei Cinque Stelle Non può che essere lui ad avviare un nuovo modello di alleanza anche in provincia di Frosinone. Iniziando magari dalle comunali. (Leggi qui M5S pronto alle nozze. Il quesito c’è, manca Rousseau).

Il rinvio delle amministrative potrebbe favorire un disgelo tra il sindaco di Frosinone e coordinatore provinciale della Lega Nicola Ottaviani e il senatore e commissario provinciale di Fratelli d’Italia Massimo Ruspandini. (Leggi qui Ottaviani è convinto che si vince anche senza FdI).

I due sono consapevoli del fatto che alle elezioni politiche concorreranno entrambi. Con le amministrative in primavera e con il “caso” Fratelli d’Italia aperto al Comune capoluogo sarebbe stato impossibile provare a rasserenare il clima. Oggi c’è una possibilità più. Ma se verrà sprecata, allora poi sarà ancora più complicato provare a ricucire.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright