Calendario il 15 luglio, Grosso in trasferta per sfatare il tabù-esordio

All’Arena dello Stretto “Ciccio Franco” di Reggio Calabria si terrà la tradizionale presentazione del campionato che scatterà venerdì 12 agosto con l’open day. Dopo 2 debutti allo “Stirpe” il Frosinone dovrebbe cominciare il suo cammino fuori casa. Alla prima i canarini non vincono dal 2017 (2-0 a Vercelli)

Alessandro Salines

Lo sport come passione

La nuova Serie B, quella che in molti chiamano una sorta di “A2”, nascerà tra poco più di una settimana all’Arena dello Stretto “Ciccio Franco” di Reggio Calabria. Venerdì 15 luglio infatti la Lega sfornerà il calendario della 91^ edizione del cosidetto “campionato degli italiani” che scatterà nel week-end prima di Ferragosto con l’open day di venerdì 12 agosto. Quindi anche il Frosinone conoscerà il suo cammino che dovrebbe iniziare fuori casa, considerando che nelle ultime 2 stagioni ha esordito allo “Stirpe”.

Una “prima” che non sorride ai giallazzurri da 5 anni e quindi per Fabio Grosso ci sarà un motivo più per partire col piede giusto.

L’evento di Reggio Calabria

La presentazione del calendario di due anni fa

Come di consueto una delle 20 città del torneo ospiterà la festa dei calendari per testimoniare la vicinanza ed il legame che unisce la Lega ai territori della penisola. La manifestazione si terrà sulla ribalta della suggestiva Arena dello Stretto “Ciccio Franco“, un teatro di costruzione moderna sulla falsariga delle antiche arene greche, incastonato sul lungomare Falcomatà dove prima del terremoto del 1908 sorgeva il Molo di Porto Salvo.

Verranno svelate le 38 giornate del nuovo torneo che scatterà il 13-14 agosto e si chiuderà il 19 maggio. Un campionato che non andrà in pausa durante i Mondiali, a differenza di quanto accadrà per la Serie A e per i principali campionati europei. La stagione sportiva abbraccerà ben 14 regioni distribuite in modo omogeneo da nord a sud, da est a ovest con 6 capoluoghi di regione (Venezia, Genoa, Perugia, Bari, Palermo e Cagliari) rappresentati.

L’evento di Reggio Calabria è ricco di significati: ribadire innanzitutto le bellezze dell’Italia, valorizzandole all’interno di un contesto calcistico che ne promuova l’attrattività. La Lega inoltre vuole riconoscere il merito della nuova proprietà della Reggina, che ha saputo rilanciare in pochissimo tempo un club ed una tradizione calcistica con tantissimi tifosi in tutto il mondo.

Balata: una stagione spettacolare

Mauro Balata (Foto: Canio Romaniello / Imagoeconomica)

Il presidente della Lega sottolinea come sia stata scelta una location in una terra di grande importanza per l’Italia dal punto di vista paesaggistico, storico e sociale. “Ancora una volta il nostro Paese offre un palcoscenico d’indiscussa bellezza ad un campionato che appartiene agli italiani” ha detto Mauro Balata

Si preannuncia una stagione spettacolare e combattuta oltre che arricchita di piazze dalla grandissima storia sportiva. Devo ringraziare il patron Saladini e la Reggina 1914 per avere avanzato la candidatura della propria città quale organizzatrice della presentazione dei calendari a dimostrazione dell’ottimo lavoro della nuova proprietà amaranto. Desidero ringraziare il presidente Cardona e tutte le società che, nonostante la complessità del periodo che stiamo vivendo, danno quotidianamente esempio di impegno e passione.

La Reggina vuole fare bella figura e non lascerà nulla d’intentato per organizzare una rassegna all’altezza della situazione. “Desidero ringraziare anche a nome di Felice Saladini, il presidente Mauro Balata e tutti i presidenti – ha osservato Cardona – Saremo all’altezza per questo evento importante, per iniziare a segnare in modo indelebile il nuovo corso della Reggina”. “È una grande opportunità e un motivo di orgoglio per tutta la regione – ha aggiunto Saladini sui social –  Questo è il mio impegno, per il rilancio sportivo della Reggina 1914 e per la valorizzazione della nostra amata Calabria”.

Il Frosinone ed il tabù-esordio

Frosinone-Parma è stato l’open day del campionato scorso (Foto: Mario Salati / Alessioporcu.it)

La squadra di Grosso dovrebbe partire in trasferta, considerando che nelle ultime 2 stagioni ha debuttato tra le mura amiche del “Benito Stirpe”. L’anno scorso ha ospitato l’open day affrontando il Parma di Buffon in una partita terminata con un pirotecnico 2-2. Ma l’esordio non sorride al Frosinone da 5 anni quando i canarini di Longo vinsero 2-0 a Vercelli. Dopodiché 3 sconfitte ed un pareggio.

Nel 2018 in Serie A autentico rovescio (4-0) a Bergamo contro l’Atalanta. L’anno dopo altro ko pesante sul campo della matricola Pordenone. Due campionati fa scivolone interno (0-2) contro l’Empoli che alla fine conquistò la promozione diretta. Dodici mesi come detto il 2-2 allo “Stirpe” col Parma. Dunque il Frosinone proverà ad invertire il trend e poi iniziare col piede giusto è sempre importante. Ancor di più in una Serie B così competitiva.   

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright