Caperna, ciao ciao Dem (di C. Trento)

Il capogruppo alla Provincia sempre più vicino a Italia Viva di Matteo Renzi Intanto nel Pd si ragiona perfino sulla data del congresso. Incombe il fattore Emilia Romagna. Il nome nuovo rimane quello di Luca Fantini. Il ginepraio delle correnti interne

Corrado Trento

Ciociaria Editoriale Oggi

Ma il congresso provinciale del Pd si farà davvero a febbraio? Non è che magari verrà convocato per marzo oppure per aprile? Il fatto è che il 26 gennaio sono in programma le elezioni regionali dell’Emilia Romagna. Dall’esito delle quali, c’è poco da girarci intorno, dipenderanno il futuro del Governo e dell’alleanza giallorossa. Ragione per la quale sarebbe complicato fissare per febbraio un appuntamento del genere. Tanto più che in provincia di Frosinone la situazione è in evoluzione. 

Francesco De Angelis, leader di Pensare Democratico, ha detto chiaramente che la sua componente (maggioritaria in Ciociaria) non indicherà alcun candidato alla segreteria provinciale del Partito.

Francesco De Angelis – © Imagoeconomica Paola Onofri

Ha detto De Angelis: «Penso che la logica delle correnti sia superata. E che soprattutto vada superata. C’è bisogno di un cambio di marcia e la rivoluzione vera del partito è quella che si snoda attraverso il collegamento tra la piazza, il Paese reale e il popolo. Per questo abbiamo il dovere di guardare con attenzione a quello che sta succedendo con il cosiddetto movimento delle “sardine”, perché interpreta una voglia di partecipare attiva e importante». (leggi qui Democrat, i big muovono le torri: ma c’è la tregua)

Di Pensare Democratico fanno parte altresì il presidente del consiglio regionale Mauro Buschini e Sara Battisti, consigliere regionale del Partito. Il fatto di non indicare un candidato alla segreteria può essere letto sotto molteplici punti di vista. Secondo alcuni si tratta soltanto di una mossa formale, perché alla fine l’appartenenza ad un’area piuttosto che ad un’altra sarà comunque evidente. In realtà però la scelta potrebbe rappresentare anche una svolta. Perché il candidato alla segreteria dovrebbe mettersi in gioco fino in fondo, senza confidare cioè nella blindatura politica di De Angelis o Buschini.

Non è casuale infatti che proprio Francesco De Angelis, nell’incontro con gli amministratori della componente ad Acuto, abbia invitato i giovani a farsi avanti. Anzi, a bussare più forte, citando le parole di Massimo D’Alema di qualche anno fa. Il messaggio subliminale probabilmente è proprio questo: spingere chi intende candidarsi a farlo senza paracadute. (leggi qui Pd, la rivoluzione di De Angelis. Ora si va alla conta)

Luca Fantini

Il nome che continua a circolare maggiormente è quello di Luca Fantini, responsabile regionale dei Giovani Democratici. Vicinissimo al segretario nazionale Nicola Zingaretti ma anche al presidente del consiglio regionale Mauro Buschini. Sull’altro versante, nell’area Base Riformista, Antonio Pompeo sta studiando il da farsi. Nell’eventualità di un congresso provinciale indicherebbe un proprio candidato alla segreteria oppure cercherebbe un’intesa unitaria? Questo si capirà nelle prossime settimane. 

Intanto però domani, alle ore 18 presso il ristorante Memmina, è prevista la manifestazione di Italia Viva di Matteo Renzi. Il titolo è “Porte Aperte”. Ci saranno Valentina Calcagni (coordinatrice del comitato Italia Viva) e l’ex senatrice Maria Spilabotte. Entrambe renziane, hanno seguito questo nuovo percorso immediatamente.

Ma la sorpresa potrebbe arrivare dalla presenza di Germano Caperna, capogruppo del Partito Democratico alla Provincia e consigliere comunale di Veroli. In realtà Caperna la sua scelta l’ha già effettuata. Non è un caso che abbia partecipato all’ultima giornata della decima edizione della Leopolda a Firenze. (leggi Quelli in bilico su Leopolda 10: da Vittori a Caperna, in cerca del futuro)

Germano Caperna con Francesco Scalia

Evidente che la scelta di Germano Caperna è destinata ad avere dei riflessi nel Pd provinciale. Fedelissimo prima di Francesco Scalia e poi di Antonio Pompeo, Germano Caperna è alla sua terza esperienza da consigliere provinciale. Inoltre è capogruppo dei Dem all’ente di piazza Gramsci. Il dado però è tratto. Manca l’annuncio ufficiale, che però non è un dettaglio. 

*

Leggi tutto su

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright