Centrodestra, frontiera ciociara: l’attacco di Tajani all’asse Lega – Fratelli d’Italia

La decisione di Silvio Berlusconi di affidare Forza Italia ad Antonio Tajani è il chiaro segnale che il Partito avrà una rotta europeista e centrista. La provincia di Frosinone potrebbe essere uno dei laboratori politici.

Ormai è soltanto questione di tempo, ma Silvio Berlusconi affiderà ad Antonio Tajani il ruolo di vicepresidente nazionale di Forza Italia e dunque sarà lui da occuparsi del rilancio politico e di posizionamento di Forza Italia. Lo farà virando ancora più verso il centro e verso l’Europa. Lo ha ammesso in queste ore lo stesso Tajani (leggi qui La rivelazione di Tajani: «Di Maio voleva pagare il reddito di cittadinanza con i soldi Ue, gli è stato detto no»)

 

In questa provincia Tajani è radicato, come dimostra il fatto dell’annuale tre giorni fiuggina a settembre. Ma non solo: nella città termale va spesso e con i vari leader azzurri negli anni ha sempre avuto rapporti molto stretti: da Riccardo Mastrangeli ad Antonello Iannarilli, da Alfredo Pallone a Mario Abbruzzese. E a Nicola Ottaviani naturalmente. In questa provincia ha fatto eleggere Sestino Giacomoni, fedelissimo dei fedelissimi di Silvio Berlusconi.

 

Proprio in Ciociaria si troverà a fronteggiare quello che nel centrodestra appare ormai l’asse principale, formato dalla Lega di Matteo Salvini e da Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni. Su diversi argomenti il deputato Francesco Zicchieri (Lega) e il senatore Massimo Ruspandini (Fratelli d’Italia) si trovano più che d’accordo.

 

La Ciociaria sarà uno dei tanti laboratori per capire come si riposizionerà il centrodestra. Anche perché sin dall’inizio Zicchieri e Abbruzzese si sono guardati in cagnesco. La Lega si sta espandendo a livello di gruppi consiliari nei Comuni e di adesioni, spesso “pescando” nei delusi di Forza Italia.

 

Adesso il Carroccio ha confermato il consigliere provinciale: Angelo Costantini al posto di Andrea Amata. (leggi qui Provincia, la seduta finisce a pizza e fichi)

 

Silvio Berlusconi non intende lasciare ulteriori spazi a Salvini e sui territori proverà ad invertire la rotta. La provincia di Frosinone è in prima fila perché ci sarà Antonio Tajani. Prossimi mesi da monitorare attentamente.

.
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright