Ciacciarelli alla Lega. Lui nega: “Voci infondate”

Indiscrezioni romane danno Pasquale Ciacciarelli sulla rotta del Carroccio. Circostanza smentita sia dal consigliere regionale che dalla Lega. ma il tam tam è costante.

Non ora. Non subito. Forse nemmeno domani. Ma almeno per il momento Pasquale Ciacciarelli non è passato nella Lega. A Roma lo danno per certo: negli ambienti della Regione Lazio e nei palazzi del centrodestra. Il tam tam è iniziato nel pomeriggio, da cellulare a cellulare, da telegram a whatsapp.

L’indiscrezione vuole che a spalancare le porte del Carroccio al presidente della commissione Cultura sia stato l’ex Coordinatore cittadino di Roma Davide Bordoni. E che il passaggio per il momento riguardi solo lui ma non Mario Abbruzzese. Con il quale però i rapporti rimarrebbero costanti ed intatti.

Adriano Palozzi, Mario Abbruzzese, Pasquale Ciacciarelli

Pasquale Ciacciarelli nega. «Sono iscritto a Cambiamo, condivido il progetto di Giovanni Toti. Non capisco come possa essere nata questa voce che non commento perché non c’è nulla sul quale fare commenti. Io sono qui al mio posto di lavoro come sempre. Anzi, nei prossimi giorni lanceremo una serie di iniziative».

Più sibillina una fonte della Lega: «Ad oggi no».

Smentisce qualsisi smobilitazione Adriano Palozzi, consigliere regionale del Lazio e tra i fondatori nazionali di Cambiamo! con Toti. «Oggi a Roma, insieme al presidente Toti e ai parlamentari di ‘Cambiamo!’ ho preso parte alla conferenza stampa di presentazione del nuovo sito del nostro movimento politico, www.cambiamo.eu: una piattaforma virtuale graficamente bella, snella, semplice e immediata, che permetterà a cittadini e attivisti di iscriversi al partito e creare i vari comitati». Insomma, l’esatto contrario di ciò che dicono le voci.

Certo è che l’incontro è stato anche l’occasione per fare il punto sullo sviluppo del Partito. Ed il suo ruolo nel contesto nazionale. Giovanni Toti era uscito da Forza Italia per fare da testa di ponte per tutta l’ala di Forza Italia intenzionata a migrare verso la Lega in quelle che si riteneva fossero elezioni nazionali imminenti.

Invece la crisi di governo non ha portato alle urne ma ad una nuova alleanza giallorossa. La funzione di Toti non è così immediata. Per Palozzi «Bisogna continuare a lavorare a testa bassa, giorno per giorno, con l’unico e fondamentale obiettivo di sostenere e difendere diritti e istanze delle famiglie italiane».

Anche con Pasquale Ciacciarelli. Almeno per ora.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright