Ciccone ringrazia il governo e si candida la terza volta

In provincia di Frosinone, tra i Comuni chiamati al voto a giugno, solo Pofi ha un sindaco in scadenza del secondo mandato. Utilizzerà la nuova norma che ha esteso a 3 mandati il limite per i centri fino a 5mila abitanti

L’unico che poteva usufruirne tra i sindaci uscenti è Tommaso Ciccone, da dieci anni sindaco di Pofi ed arrivato al limite dei due mandati consecutivi consentiti dalla legge. Fino a ieri. Ora la norma è cambiata. I mandati sono stati portati a tre. Ma solo per i Comuni fino a 5mila abitanti. Una possibilità consentita finora solo ai centri con meno di 3mila abitanti.

Tommaso Ciccone ringrazia. E fa sapere che farà tesoro della nuova norma. Si candiderà per il terzo mandato consecutivo.

Via libera dal Senato

Palazzo Madama

Il via libera alla riforma della Legge è arrivato dal Senato con 190 voti a favore e 23 astenuti. Il testo era già stato approvato nei mesi scorsi da Montecitorio. Con questa seconda approvazione, la norma diventa Legge dello Stato.

A beneficiare della nuova norma sono altri 1.087 Comuni italiani. Tra quelli chiamati al voto nel proossimo giugno, in provincia di Frosinone c’era solo Pofi ad avere un sindaco in scadenza del secondo mandato.

Il provvedimento poi toglie a questi Comuni l’obbligo dell’effettuazione del controllo di gestione cioè la verifica trimestrale.

Il testo poi chiude le porte a chi è stato condannato per reati contro la Pubblica Amministrazione. Da ora non potrà vedersi affidati incarichi di vertice negli enti di diritto privato

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright