Cin cin con sorpresa: Pompeo annuncia un nuovo progetto politico nel 2020

La rivelazione avviene durante il brindisi di fine anno con gli amministratori della sua componente. Segnale al Pd per il Congresso: "Non sarà come nel passato. Basta vecchi schemi”. Esaltato il ruolo degli amministratori locali.

Un nuovo progetto politico per Antonio Pompeo. La notizia esplode tra un tappo di spumante che salta in aria ed un cin cin a calici levati. Il presidente della provincia di Frosinone e leader della componente Base Democratica lo ha rivelato durante l’incontro con i sindaci e gli amministratori che fanno riferimento alla sua area.

Antonio Pompeo

L’appuntamento è stato ieri a La Vignola, il country hotel alla periferia di Ceprano. È la location scelta per incontrare i fedelissimi: un’ottantina di persone in tutto. C’era il consigliere comunale e provinciale di Frosinone Alessandra Sardellitti, l’ex consigliere provinciale e comunale di Anagni Maurizio Bondatti; c’era l’ex sindaco di Colle San Magno e consigliere provinciale Antonio Di Nota. Con loro il consigliere comunale di Frosinone Norberto Venturi ed una lunga serie di amministratori arrivati da tutta la provincia.

Soprattutto c’era Francesco Scalia, l’ex senatore che stava nella Commissione Industria di Palazzo madama ed ora ha lasciato la politica attiva. Antonio Pompeo ha raccolto l’eredità politica e tenuto unita la componente.

I due si sono parlati a lungo nei giorni scorsi. Hanno esaminato il quadro provinciale. Soprattutto alla luce degli input lanciati qualche settimana fa dall’altra componente, quella che fa riferimento a Francesco De Angelis e Mauro Buschini: puntavano ad un congresso unitario. (leggi qui Metti una sera a cena da Rugantino: il Pd si riscopre unito e leggi qui Il silenzio di Pompeo raffredda la pista per il congresso Pd unitario).

Chi ha recepito i sussurri tra i due sostiene che Pompeo abbia spiegato a Scalia di non essere contrario per principio ad un congresso unitario. La sua ostilità invece è verso un percorso che non gli consenta di contarsi, verificare il suo peso politico. E metterlo alla luce del sole nel Partito.

Antonio Pompeo con gli amministratori provinciali

Forse serve per dare un peso preciso al “nuovo progetto politico” che Antonio Pompeo metterà in campo a gennaio 2020. Il presidente lo ha detto dopo avere fatto con i suoi ospiti l bilancio dei progetti realizzati in Provincia. Ha esaltato il ruolo degli amministratori locali «Sono stati fondamentali nel rilancio dei territori».

È stato a questo punto che ha anticipato il suo “nuovo progetto politico“: “Bisogna ritornare a fare Politica con la P maiuscola, ritrovando la vera mission della politica, quella che pensa al bene della propria comunità. A gennaio annunceremo i dettagli del nostro nuovo progetto: sarà dedicato agli amministratori”.

E poi il messaggio al Pd ed al Congresso che proprio ieri ha iniziato a muovere i primi passi. (leggi qui Congresso Pd, il 10 gennaio c’è la Direzione: non il Segretario). Pompeo ha avvisato: “Il prossimo Congresso provinciale non dovrà essere la fotocopia di quelli precedenti. È arrivato il momento di mettere da parte i vecchi sistemi“.

A gennaio rivelerà i dettagli. E forse anche il nome del suo candidato al congresso.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright