Cirillo: «Non sono del Pd e Mansueto dica se vuole stare con Ottaviani»

[dfads params=’groups=105&limit=1&orderby=random&return_javascript=1′]

 

«Se il dottor Giovanbattista Mansueto vuole diventare assessore della giunta Ottaviani lo deve dire con chiarezza, senza se e senza ma»: firmato, Pasquale Cirillo capogruppo di Impegno Civico al Comune di Frosinone.

E’ diventata una polveriera e tutti stanno attenti a non lasciar cadere il cerino acceso all’interno di Impegno Civico: il gruppo consiliare di Frosinone (Cirillo, Masecchia, Savo e Mansueto) che non ha mai voluto fare parte in maniera organica della maggioranza di Nicola Ottaviani ma più volte è stata la sponda che gli ha dato l’appoggio necessario nei momenti di difficoltà.

Le nuove tensioni sono cominciate la settimana scorsa, dopo che le voci di un incontro tra il capogruppo della Lista Ottaviani Luigi Benedetti ed il dottor Mansueto. Le indiscrezioni, mai smentite, riferivano dell’oferta di un assessorato ad Impegno Civico nella persona di Mansueto al quale assegnare le deleghe dell’ex vicesindaco Francesco Trina.

In assenza di una smentita, il capogruppo Pasquale Cirillo era sceso in campo giovedì mattina dichiarando ad Alessioporcu.it (leggi qui il precedente) ed aveva detto: «Il gruppo Impegno Civico non intende partecipare organicamente all’amministrazione Ottaviani come più volte ribadito. Non ha mai rivendicato alcun ingresso in giunta. Chiunque dovesse fare trattative in tal senso, lo farebbe a titolo del tutto personale e l’eventuale ingresso comporterebbe automaticamente la fuoriuscita dal Gruppo».

A stretto giro, nel pomeriggio era arrivata la risposta di Mansueto: «Per me Pasquale Cirillo parla a titolo personale. Non mi riconosco nella sua dichiarazione, dalla quale anzi mi dissocio».

Impegno Civico è uno dei terreni sui quali si stanno combattendo le prime manovre in preparazione della campagna elettorsale che partirà il prossimo autunno a Frosinone in vista delle Comunali 2017. Cirillo era finito nel mirino delle indiscrezioni nelle settimane scorse aprendo così un altro fronte di tensione: gli veniva rimproverata la sua vicinanza al Pd, addirittura c’era chi ipotizzava l’imminenza di un passaggio nelle file del Partito Democratico. E Riccardo Masecchia ha esplicitamente chiesto (leggi qui il precedente) a Pasquale Cirillo di smentire «scenari futuri ipotizzati sulla stampa. Con particolare riferimento ad un prossimo passaggio nel Pd o comunque nel centrosinistra».

Cirillo tenta di stemperare. Misura le parole e in serata, ad Alessioporcu.it dichiara: «ribadisco la mia appartenenza ad Impegno Civico, non sono mai stato tesserato Pd e non lo sono, faccio parte di un’esperienza civica ed intendo arrivare al termine della consiliatura in questo modo».

Le tensioni possono portare conseguenze nel gruppo? «Non vorrei che si creasse un caso Crescenzi bis, dove per ambizioni personali vengono meno le caratteristiche del gruppo. Se Manseuto vuole entrare in giunta e stare con Ottaviani lo deve dire senza se e senza ma».

A che titolo però fa questa domanda Cirillo, dal momento che nei giorni scorsi proprio Mansueto aveva posto in disucssione la sua legittimità? «Se c’è qualcuno che parla a titolo personale è proprio Mansueto: io la mattina avevo concordato la posizione politica con il resto del gruppo, prima di fare dichiarazioni».

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright