Frosinone, la beffa a Cittadella arriva al 90′

Al 90' la firma sul match è della bestia nera Beretta, al suo settimo sigillo contro i giallazzurri. La squadra di Grosso non subisce mai il dominio avversario tranne che in avvio di ripresa

Giovanni Lanzi

Se lo chiamano 'Il Maestro' non è un caso

CITTADELLA-FROSINONE – IL TABELLINO

CITTADELLA (4-3-1-2): Kastrati; Cassandro, Frare, Visentin, Donnarumma (35’ st Felicioli); Carriero (20’ st Magrassi), Pavan, Branca (31’ st Lores Varela); Antonucci (20’ st Vita; Baldini, Tounkara (1’ st Beretta).

A disposizione: Maniero, Manfrin, Perticone, Ciriello, Mattioli, Mazzocco, Embalo, Beretta.

Allenatore: Gorini.

FROSINONE (4-2-3-1): Turati; Sampirisi (26’ st Monterisi), Lucioni, Szyminski, Cotali; Boloca, Lulic; Oliveri (20’ st Bocic), Garritano (20’ st Ciervo), Caso (20’ st R. Insigne); Mulattieri (26’ st Moro).

A disposizione: Loria, Ravanelli, Kalaj, Mazzitelli, Borrelli, Rohden, Frabotta.

Allenatore: Grosso.

Arbitro: signor Davide Ghersini di Genova; assistenti Davide Miele di Torino e Claudio Barone di Roma1; Quarto Uomo Kevin Bonacina di Bergamo; Var Fabio Maresca di Napoli, Avar Christian Rossi di La Spezia; in tribuna il presidente del Frosinone, Maurizio Stirpe con il direttore dell’Area Tecnica, Guido Angelozzi.

Marcatore: 45’ st Beretta (C).

Note: spettatori paganti: 803 (di cui 64 ospiti); abbonati: 1.520 (quota abbonati euro 6.351,73); spettatori totali: 2.323; incasso totale: euro 11.694,00; angoli: 3-2 per il Frosinone; ammoniti: 22’ pt Tounkara (C), 44’ pt Caso (F), 17’ st Branca (C), 37’ st Felicioli (C), 45’ st Boloca (F); recuperi: 3’ pt; 4’ st.

La beffa arriva sui titoli di coda e Beretta – ancora lui, 7 gol in 12 confronti con i canarini – punisce un Frosinone che non ha meritato di perdere. Il Cittadella vince 1-0 ma i giallazzurri debbono recriminare per almeno 4-5 palle gol vanificate, oltre al legno colpito da Lucioni nel primo tempo pareggiato poi dall’incrocio dei pali di Baldini nella ripresa.

COSì IN CAMPO

Le formazioni

Nel Cittadella, che si schiera con il 4-3-1-2, davanti al portiere Kastrati c’è Visentin al centro in coppia con Frare, Cassandro a destra e Donnarumma a sinistra. Pavan è il play, Carriero e Branca le mezze ali, Antonucci è il rifinitore alle spalle di Baldini e Tounkara.

Il 4-2-3-1 del Frosinone con quattro novità rispetto alla gara vittoriosa con il Como, la quarta all’ultimo momento con la defezione di Rohden dopo il riscaldamento. Davanti al portiere Turati c’è Sampirisi sull’out basso di destra al posto dell’infortunato Oyono. Poi inamovibili Lucioni e Szyminski al centro e Cotali a sinistra. Cambia uno degli interpreti della mediana, al posto di Kone, anche lui alle prese con un problema fisico, c’è l’innesto di Lulic. È in coppia con Boloca. Avvicendamento nel ruolo di punta di riferimento dove Grosso opta per un giocatore più di movimento come Mulattieri. Alle sue spalle agiscono da destra a sinistra Oliveri (prima partita dall’inizio per lui), Garritano e Caso da destra a sinistra.

RIGORE? IL VAR DICE NO

Frosinone dalla buca d’angolo al 3’, la difesa del Cittadella libera senza affanno. Il Cittadella spinge nella metà campo del Frosinone. Un pericolo arriva da destra con Baldini che non arriva a deviare il cross da destra di Cassandro dopo un possesso prolungato dei veneti.

Il Frosinone si fa notare a sua volta. Lo fa con un palleggio interessante oltre la metà campo del Cittadella con tutti i giocatori di movimento dentro la manovra. Caso addomestica un pallone sull’out di sinistra, subisce anche fallo ma non è così per il direttore di gara.

Prima occasione vera della gara confezionata con una ripartenza ad un tocco del Cittadella. Pallone largo per Tounkara che aspetta l’inserimento di Baldini, piattone che si alza di poco sull’incrocio dei pali alla sinistra di Turati. Ripartenza mefistofelica del Frosinone al 12’, Garritano imbuca Caso che allunga perentoriamente. Dribbla il portiere che a sua volta tocca prima il pallone e poi inevitabilmente va sull’attaccante giallazzurro.

Il Var nega il penalty che il direttore di gara aveva assegnato. Resta il gran gesto tecnico del giocatore del Frosinone, limitato da un dribbling in più davanti al portiere del Cittadella.

Ancora Frosinone in area del Cittadella al 18’, Donnarumma lo copre, tacco dell’ex giocatore del Cosenza, Visentin legge per tempo e libera sull’accorrente Mulattieri. E’ sempre Frosinone, il pericolo per la porta del Cittadella arriva da un angolo di Garritano che Sampirisi mette di testa davanti a Kastrati, respinta del portiere che Lucioni stoppa di petto e in mezza rovesciata acrobatica indirizzo sul palo di sinistra rispetto all’angolo di tiro, sfera che sfiora Frare, scheggia il legno ed esce.

Ottimo momento per la squadra di Grosso che quando occupa la metà campo dei granata crea pericoli a ripetizione. Il Cittadella da parte sua tenta l’alleggerimento con Antonucci che si apre sulla corsia mancina, pallone tenuto bene a terra da Turati con le traiettorie su Baldini e Tounkara chiuse da Lucioni e Szyminski. Dopo la pausa, il pericolo granata arriva ancora dal piede di Antonucci stavolta a sinistra e troppo libero di affondare nel cuore della difesa giallazzurra, tocco maligno all’altezza dell’area piccola, ci mette un piede Sampirisi e Turati si ritrova il pallone tra le braccia.

TURATI E SAMPIRISI EVITANO IL GOL BEFFA

Poco oltre la mezzora il Frosinone innesca di nuovo i tre attaccanti nell’area del Cittadella, gran pallone di Garritano ma c’è un tocco in più da parte di Caso e Mulattieri entrambi di spalle alla porta e l’azione interessante se ne va.

Un’occasione se la confeziona da solo Garritano al 33’, ai 20 metri lascia partire un gran tiro alto di poco. Al 35’ aumentano le occasioni per la squadra di Grosso: rilancio di Turati al bacio, pallone sventagliato sulla corsa di Caso che prende alle spalle la difesa di casa ma tocca male sul tentativo di pallonetto davanti a Kastrati e il portiere ringrazia. Il Frosinone muove palla da destra a sinistra per allargare la difesa dei veneti, tentativo di Lulic che sparacchia alto con 5 compagni ad occupare l’area davanti a Kastrati.

Il Frosinone spreca e rischia grosso al 44’, l’immarcabile Antonucci si fa trovare libero in area tutto spostato a destra, sbocco al centro con un rasoterra che Turati smorza ma non blocca, quindi Sampirisi in copertura su Tounkara a 2 metri dalla porta ammortizza il tap-in, quindi ancora Turati provvidenziale a bloccare il pallone sulla linea.

Nei 3’ di recupero solo un colloquio chiarificatore tra Ghersini e Grosso prima del riposo. Frosinone poco preciso davanti a Kastrati, Cittadella pericoloso con Baldini e nel finale con Tounkara.

INCROCIO DI BALDINI, POI KASTRATI PROTGONISTA

Si ricomincia con Beretta al posto dell’ammonito Tounkara nel Cittadella, ‘spizzata’ di testa dello stesso neo entrato per Antonucci che alza di poco.

Turati attentissimo 1’ dopo, pallone di Antonucci per Baldini, diagonale destinato nell’angolo opposto, bravissimo il portiere canarino a terra. Si apre il Cittadella sulla catena di sinistra, Garritano legge e si infila da quella parte al 5’ ma sceglie la soluzione di forza, pallone che sfila via. Trema l’incrocio alla sinistra di Turati all’8’, botta di Baldini innescato da Carriero. La manovra del Frosinone sembra meno fluida del primo tempo dalla cintola in su ma i giallazzurri tornano all’improvviso a cavalcare l’onda e il Cittadella traballa.

Lampo del Frosinone al 13’, sulla corsa Mulattieri-Caso-Garritano seminano lo scompiglio, è un cioccolatino per l’ex del Chievo che spara tra le mani di Kastrati in uscita. Il Cittadella sbanda e 1’ è Caso servito da Lulic che vede lo spazio, Kastrati salva e poi ancora Caso di testa alza sulla traversa.

Tornano a fioccare le occasioni per il Frosinone, al 16’ ancora Caso-Garritano-Mulattieri, l’ex attaccante del Crotone non la stoppa in maniera impaccabile ma poi rimedia con un diagonale, Kastrati devia con le gambe e poi salva Frare mentre il pallone ballonzola a mezzo metro dalla porta.

GIRANDOLA DI CAMBI, BEFFA-BERETTA AL 90’

Tre cambi per Grosso al 20’. Dentro Ciervo (che si piazza a destra) per Garritano, Bocic (che passa a sinistra) per Olivieri e Insigne jr (sottopunta) per Caso. Due avvicendamenti anche nel Cittadella, dentro l’ariete Magrassi per Carriero e Vita per Antonucci. E 5’ dopo Grosso si gioca gli ultimi due cambi. Esordio in B e in maglia giallazzurra per Monterisi che rileva Sampirisi. Moro avvicenda Mulattieri. A 14’ dal 90’ Gorini getta nella mischia Lores Varela al posto di Branca.

Il Frosinone spreca ancora al 33’, gran pallone di Insigne per Ciervo che serve in area Moro. Ma l’ex del Catania non trova per due volte lo spazio e il tempo per la stoccata. Crampi per Donnarumma, dentro Felicioli a 10’ dal 90’. La partita si fa un po’ spezzettata e sale anche il livello di agonismo in campo, ne fa le spese Ciervo che prende il tempo a Felicioli al quale non resta che allargare il braccio.

Una ripartenza del Cittadella al 40’ non trova impreparata la squadra di Grosso che si riposiziona e chiude gli spiragli davanti a Turati. Spinge il Cittadella. Il Frosinone alleggerisce con Ciervo che lascia sul posto l’ammonito Felicioli ma trova la chiusura dell’ottimo Pavan. Rimedia un giallo Boloca al 90’. E sulla punizione di Varela, Turati in uscita si ostacola con Monterisi. Cade e perde il contatto col pallone. Che schizza come un coniglio, prima sbatte sulla traversa e poi trova il sinistro di Beretta che infila il suo settimo gol in 12 partite al Frosinone.

Che ha giocato ma anche sprecato tanto, probabilmente troppo per uscire con i punti da un campo maledetto.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright