Elezioni, Ciociaria frullata in quattro collegi: Ceccano con Aprilia

Un accordo sulla legge elettorale c’è. Ma la provincia di Frosinone esce a pezzi dal frullatore dei Collegi. I Comuni ciociari sono stati divisi tra quattro collegi elettorali: uno ha come epicentro Frosinone e l’altro ha Cassino. Invece Ceccano è stata dirottata sul collegio che eleggerà il deputato insieme ad Aprilia. Metà di quelli nella Valle dei Santi sono stati inseriti nel collegio che eleggerà il deputato insieme a Terracina, Gaeta ed i centri del Golfo. E’ quello che prevede il testo della riforma elettorale messo a punto ieri sera dopo il maxi emendamento presentato dal Pd Fiano a nome dell’alleanza che vede insieme Renzi, Berlusconi e Grillo.

 

I NUOVI COLLEGI

In base al testo emendato, il Lazio è diviso in due circoscrizioni: la Circoscrizione 1 comprende Roma e Provincia di Roma. La Circoscrizione 2 comprende le province di Frosinone, Latina, Rieti e Viterbo. A sua volta si divide in otto collegi.

Il collegio n°4 è quello che ha come centro principale la città di Frosinone. Lo compongono i Comuni di Acuto, Alatri, Anagni, Arnara, Boville Ernica, Castro dei Volsci, Collepardo, Ferentino, Filettino, Fiuggi, Frosinone, Fumone, Guarcino, Morolo, Paliano, Patrica, Piglio, Pofi, Ripi, Serrone, Sgurgola, Supino, Torre Cajetani, Torrice, Trevi nel Lazio, Trivigliano, Veroli, Vico nel Lazio.

Il collegio n°5 è quello che ha Cassino come centro principale. E’ formato dai Comuni di Acquafondata, Alvito, Aquino, Arce, Arpino, Atina, Belmonte Castello, Broccostella, Campoli Appennino, Casalattico, Casalvieri, Cassino, Castelliri, Castrocielo, Ceprano, Cervaro, Colfelice, Colle San Magno, Falvaterra, Fontana Liri, Fontechiari, Gallinaro, Isola del Liri, Monte San Giovanni Campano, Pastena, Pescosolido, Picinisco, Pico, Piedimonte San Germano, Pignataro Interamna, Pontecorvo, Posta Fibreno, Rocca d’Arce, Roccasecca, San Biagio Saracinisco, San Donato Val di Comino, San Giovanni Incarico, San Vittore del Lazio, Sant’Ambrogio sul Garigliano, Sant’Apollinare, Sant’Elia Fiumerapido, Santopadre, Settefrati, Sora, Strangolagalli, Terelle, Vallerotonda, Vicalvi, Villa Latina, Villa Santa Lucia, Viticuso.

Ceccano è stata inserita nel Collegio n° 6 . E’ quello che ha come città principale Aprilia. Ne fanno parte Ceccano, Giuliano di Roma. Con loro ci sono Aprilia, Bassiano, Cisterna di Latina, Cori, maenza, Norma, Priverno, Prossedi, Roccamassima, Roccagorga, Roccasecca dei Volsci, Sezze e Sonnino.

Molti dei Comuni della Valle dei Santi sono finiti nel Collegio 8. E’ quello che ha come città principale Terracina e comprende il Golfo e le isole. Dei Comuni Ciociari ne fanno parte Amaseno, Ausonia, Castelnuovo Parano, Coreno Ausonio, Esperia, San Giorgio a Liri, Sant’Andrea del Garigliano, Vallecorsa, Villa Santo Stefano. Della provincia di Latina ci sono Campodimele, Castelforte, Fondi, Formia, Gaeta, Itri, Lenola, Minturno, Monte San Biagio, Ponza, Santi Cosma e Damiano, Sperlonga, Spigno, Terracina, Ventotene.

 

IL SENATO

La situazione per il Senato della Repubblica vede il Lazio diviso in 14 collegi uninominali. Il Collegio 12 è composto da Velletri, Aprilia, Pomezia. Invece il Collegio 13 da Alatri – Frosinone – Sora – Cassino. Il Collegio 14 da Latina – Terracina – Formia.

 

IL FRULLATO E LA CALCOLATRICE

Il testo adesso passa all’esame dell’aula di Montecitorio.  Le votazioni inizieranno il 5 giugno sulla base del testo che ha preso forma ieri sera e che prevede il frullato di Ciociaria.

Il frullato è il risultato della necessità di fare in fretta per andare a votare subito. I collegi – dice la nuova legge – devono essere composti da un certo numero di abitanti. Quindi, in maniera superficiale e veloce, sono stati tolti da un collegio e messi in un altro i Comuni che stanno al confine. Commettendo svarioni come quello di Ceccano finita insieme ad Aprilia, solo per raggiungere il numero di abitanti necessario per creare il nuovo collegio. 

 

 

LE IPOTESI DI EMENDAMENTO

I deputati ciociari si sono mobilitati. Stanno lavorando ad una correzione dei collegi da introdurre attraverso un emendamento alla Camera. Per il Partito Democratico, il relatore potrebbe essere l’onorevole Nazzareno Pilozzi.

L’ipotesi alla quale si sta lavorando all’interno dei gruppi è di arrivare ad una divisione in 3 collegi. Uno che fa perno su Frosinone e che riassorba Ceccano. L’altro che fa riferimento su Cassino e riprenda tutti i Comuni della Valle dei Santi.

Ma c’è anche un’altra ipotesi. Prevede di dividere in tre collegi l’intero sud Lazio. In pratica, un collegio con la provincia di Latina, uno con la provincia di Frosinone ed uno con l’area Sora – Cassino – Formia – Gaeta.

§
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright