Quel congresso straordinario che il Pd non convoca (di C.Trento)

Corrado Trento

Ciociaria Editoriale Oggi

 

CORRADO TRENTO
Ciociaria Editoriale Oggi

 

 

 

Il fatto che Pensare Democratico abbia effettuato un’ analisi politica prima della direzione provinciale del partito (che dovrebbe farla il 10 luglio) è indicativo.

Significa che Francesco De Angelis non considera più prioritario l’ asse con il segretario Simone Costanzo. Anche se, allo stesso tempo, sottolinea che «un gruppo dirigente che si rispetti non ha la presunzione e la pretesa di farcela da sola. O peggio di trovare il capro espiatorio».

Nessuno può chiamarsi fuori da una riflessione senza sconti.

L’ idea di una conferenza programmatica in autunno è una conseguenza, ma oltre due mesi senza un chiarimento vero a livello provinciale potrebbero essere troppi.

Basta guardare a quello che sta succedendo all’ interno del circolo cittadino dei Democrat. Anche perché in autunno si sarà sostanzialmente a ridosso delle politiche e delle regionali, il che vuol dire che il tema delle candidature sarà prioritario.

Il punto è che nel Pd provinciale dopo ogni sconfitta c’ è sempre un’ altra “ battaglia” politica da affrontare. Questo comporta che le analisi del voto vengono spesso posticipate talmente tante volte che poi non si effettuano più.

Stavolta fare finta di nulla è impossibile però e probabilmente la strada maestra sarebbe quella di un congresso provinciale straordinario e anticipato. Senza accordi preventivi.

Per capire quali sono le strategie e gli effettivi rapporti di forza.

§

SCARICA DA QUI LA APP PER TUTTI I SERVIZI DI CIOCIARIA OGGI

Ciociaria Oggi

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright