Rimpasti in giunta, intrighi e coltellate dopo il dissesto (Conte della Selvotta)

I telegrammi del Conte della Selvotta sulla politica Cassinate. Dopo il dissesto il regolamento dei conti all'interno della maggioranza. Le voci di rimpasto in giunta. Il complotto contro la capogruppo di Forza Italia. L'asse con Secondino.

Domenico Malatesta

Conte della Selvotta

Un ingente sciame di api invase il Foro di Cassino”. ANNO CCVIII a.C. Tito Livio Libro XXVII.

Cassino 2018 d.C. Uno sciame d’api invade l’Aula consiliare.

*

 

GLI IRRESPONSABII

Una volta c’erano gli “impresentabili”, per definizione politica. Ora gli “irresponsabili”. Il nuovo termine lo ha coniato il sindaco di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro, dopo le esternazioni di alcuni consiglieri della sua maggioranza, soprattutto di Forza Italia. Un gruppo che si sta sgretolando a beneficio della Lega e di Fratelli d’Italia.

Cosa avrebbero fatto gli irresponsabili per fare arrabbiare il sindaco? Da mesi lo cannoneggiano su tutto fino alle “riserve” sul disssesto e poi sul piano urbanistico in relazione alle disposizioni sulla rigenerazione urbana.

«Siamo in dissesto ed invece di fare quadrato si fa l’opposto, si semina dissenso su tutto» dicono in coro sindaco e i suoi collaboratori più fedeli. E così CMD’A lancia l’allarme: «Mi dimetto e vi mando a casa e poi mi ricandido con nuove figure». Come anticipato ieri da Alessioporcu.it (leggi qui D’Alessandro: «Penso alle dimissioni: per ricandidarmi e mandare a casa gli irresponsabili»)

 

RIGENERAZIONE UMANA

Chi ha interessi a far passare, modificato, il piano della rigenerazione urbana? I nomi non si fanno ma tutti lo sanno.

La Lega ha puntato i piedi: senza discussione in Commissione l’argomento non si porta in consiglio. Tutti conoscono l’argomento ma molti dicono di no.

Nemmeno la sollecitazione dell’assessore Benedetto Leone è servita a placare le acque. «Questo Piano – ragiona l’assessore – è positivo per la città per un rilancio urbanistico. L’avrebbe votato anche il centrosinistra. Le cose buone della regione vanno apprezzate quando servono alla comunità. Ora, dopo il dissesto, serve una nuova agenda amministrativa con le priorità: migliore manutenzione e sicurezza per i cittadini. Ma molti non lo capiscono».

 

RIMPASTO IN GIUNTA

Per le liti in maggioranza la Lega intende rinviare il rientro di Carmelo Palombo in giunta. «A fare che cosa, dopo il dissesto e con questa situazione». Dicono.

Ma circolano anche altre voci di nuovi ingressi e rientri. L’ex commander M.A. avrebbe indicato dei nomi, ma qualcuno non gradito ai gruppi.

L’intenzione è di far fuori Dana Tauwinkelova perché di riferimento al consigliere Franco Evangelista. Al suo posto, con delega ai Lavori Pubblici, nominare assessore l’architetto Giancarlo Antonelli, appena licenziato dallo staff del sindaco per la legge del dissesto. Altri, invece, spingono per il rientro dell’ex assessore Paola Verde. Per lei il presidente d’aula Dino Secondino e Rossella Chiusaroli.

A questo punto Forza Italia avrebbe Lavori Pubblici e Urbanistica. Per la Lega gli equilibri non ci sono. Sempre se il sindaco rimane in carica.

 

IL NUOVO ASSE

Non deve sfuggire poi il nuovo asse interno a Forza Italia che nei fatti si è determinato: quello tra la capogruppo Rossella Chiusaroli ed il presidente d’Aula Dino Secondino. Un riavvicinamento nato quando il Presidente è stato lasciato a piedi in Regione Lazio, negandogli il ruolo di Capo Segreteria che gli era stato promesso per l’intera campagna elettorale delle Regionali in favore di Pasquale Ciacciarelli.

Vinte le elezioni, conquistata la presidenza della Commissione Cultura, arrivato il momento di onorare la cambiale politica, Secondino ha scoperto che l’incarico era poco più di un titolo onorifico. Mentre quello vero era stato confermato a Danilo Magliocchetti, consigliere comunale e provinciale di Frosinone, capo segreteria del Gruppo del Pdl ai tempi di Pallone, e poi sempre nel ruolo o in Presidenza del Consiglio Regionale o nel Gruppo. Espertissimo. Intoccabile. (leggi qui Al “Signore” la Pisana, al “Divino” la Politica. Ecco i capi della segreteria di Pasqualino)

Il mancato pagamento della cambiale ha determinato una certa amarezza in Secondino. Che però, con disciplina di Partito, non ha fatto polemica. Non ha alzato una sola volta la voce. Mai una parola fuori posto. Ma si è avvicinato a Rossellissima Chiusaroli. Che nel Partito è ormai finita nel mirino dei potenti.

 

RUMORI D’AULA

Il consigliere Franco Evangelista, in rotta di collisione con Forza Italia, è sempre più vicino a Fratelli d’Italia. Nelle prossime ore potrebbe cambiare casacca.

Rossella Chiusaroli, capogruppo di Forza Italia, dopo aver contestato aspramente il sindaco potrebbe perdere la carica. Sono in corso manovre pre sfiduciarla. Quasi certo che non avrà la candidatura alle Provinciali il prossimo anno, sempre se si voterà.

Al suo posto, M.A. avrebbe scelto Francesca Calvani. Sempre fedele e ubbidiente.

Anche il consigliere Gianluca Tartaglia, in coppia con Rossella, sarebbe sul piede di guerra. A questo punto i fedelissimi di Forza Italia sarebbero solamente tre: Gianrico Langiano, Francesca Calvani e Dino Secondino.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright