Costanzo studia la carta Turriziani per riportare al tavolo Venturi e Marini

Si sono visti in un ristorante di Frosinone. Lontano dal centro e seduti in un tavolo per due sistemato in un angolo sul fondo alla sala. Il segretario provinciale del Pd Simone Costanzo ed il consigliere comunale Andrea Turriziani sono stati a pranzo: menù molto ridotto, antipastino ed un secondo. Sono entrambi a dieta. Molto più ricco invece il menù politico: Costanzo ha voluto capire se Turriziani possa essere la soluzione attraverso la quale tenere incollati i cocci del Partito Democratico.

Le rivelazioni fatte in mattinata da Corrado Trento su Ciociaria Editoriale Oggi ed anticipate in nottata da Alessioporcu.it hanno fatto scattare tutti i campanelli d’allarme nel segretario provinciale. In pratica, Trento ha svelato che domenica il sindaco Nicola Ottaviani ed il suo predecessore del Pd sconfitto cinque anni fa Michele Marini si sono visti. Ed hanno parlato a lungo. E stando alle risposte date pare che Marini non abbia alcuna intenzione di appoggiare il dottor Fabrizio Cristofari alle prossime elezioni comunali. Intenderebbe invece restituirgli la cortesia di cinque anni fa, quando Cristofari (presidente dell’Ordine dei Medici nonché segretario del Pd cittadino) gli voltò le spalle nonostante Marini fosse sindaco uscente del suo Partito. E gli fece mancare il suo appoggio andando a sostenere Memmo Marzi. (leggi qui)

Simone Costanzo ha anche un altro problema. Deve riuscire a tenere Norberto Venturi, attuale segretario cittadino del Pd: nelle prossime ore potrebbe rinunciare alle Primarie e lasciare il campo a Cristofari. Venturi è rimasto deluso dal comportamento dei vertici Pd: riteneva che il ruolo di segretario fosse l’avvio di un percorso che lo avrebbe portato alla candidatura senza passare per le Primarie.

Non solo. Venturi e Marini hanno parlato a lungo nella giornata di sabato.

Costanzo oggi all’ora di colazione ha avuto una lunga telefonata con marini. A pranzo ha cercato di capire se la carta per rimettere in gioco l’ex sindaco ed il segretario cittadino possa essere Andrea Turriziani. In pratica, se Venturi dovesse lasciare il tavolo, Turriziani potrebbe entrare nella partita. Ma la mossa avrebbe senso solo se ci fosse la certezza che Marini e Venturi lo sostengano.

I passaggi chiave della chiacchierata li hanno fatti dopo mangiato: hanno lasciato il ristorante e, nonostante avessero mangiato pressoché nulla, hanno fatto una lunga passeggiata a piedi, voltandosi spesso per verificare che nessuno li seguisse da troppo vicino.

Maledette diete.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright