Cristofari, il medico che vuole esorcizzare il Pd

[dfads params=’groups=105&limit=1&orderby=random&return_javascript=1′]

 

A Cassino il Pd non ha neppure provato a trovare una sintesi e le primarie non sono state prese in considerazione, probabilmente perché c’era un sindaco uscente. Fatto sta che ci sono sostanzialmente due candidati dello stesso partito, Giuseppe Golini Petrarcone e Francesco Mosillo.

A Sora tutti con Ernesto Tersigni, che fa parte di Area Popolare di Alfredo Pallone. Il punto vero sarà verificare come si orienteranno i rappresentanti del Partito Democratico sul territorio.

Ad Alatri il problema non si è posto perché con Giuseppe Morini ci sono tutti. Però i precedenti di Ceccano, Isola Liri e Veroli restano agli atti.

Forse è per questo che Fabrizio Cristofari ha voluto bruciare i tempi e, con un anno di anticipo, ha lanciato la sua candidatura a sindaco. Proponendo le primarie, ma sapendo che non sarà facile organizzarle e soprattutto rispettarne poi l’esito. Soprattutto perché l’ex sindaco Michele Marini non sosterrà né Cristofari né altri che possano essere appoggiati dai Socialisti di Schietroma o da altri che nel 2012 preferirono andare con Memmo Marzi e non con lui.

Però Cristofari si è posto il problema e lo ha posto al partito.

Il Pd qualcosa dovrà pure dire. Probabilmente i risultati di Cassino, Alatri e Sora saranno importanti anche per capire come il centrosinistra vorrà organizzarsi a Frosinone.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright