Cristofari dopo il sondaggio: «Svincolato da Pd e Psi, proposta aperta per la città»

Via la zavorra dei Partiti. Fabrizio Cristofari compie una manovra di alleggerimento: calibra la sua coalizione più sui movimenti civici e meno sulla Politica. Lo fa all’indomani del sondaggio di Euromedia Research per Ciociaria Oggi che lo colloca all’inseguimento di Nicola Ottaviani. Una corsa alla quale può competere – hanno detto i numeri – solo grazie alla sua popolarità, molto meno per merito del Pd che invece risulta evanescente. (leggi qui i numeri di Euromedia Research per Ciociaria Oggi).

Sono i movimenti – dice l’analisi – il vero terreno nel quale andare a cercare i voti. C’è un terzo dell’elettorato che è indeciso. E si tratta soprattutto di pensionati, impiegati, casalinghe. La reazione di Cristofari è quella di puntare con decisione proprio dove c’è la fascia che non vuole votare. Oppure che è delusa dalla politica.

Nel pomeriggio, in una nota ha detto: «Mi rivolgo quindi a tutte le Associazioni, ai Movimenti, ai cittadini per ribadire la piena disponibilità al dialogo e al confronto, in vista di una collaborazione fattiva e finalizzata alla svolta per la città». 

E per essere ancora più chiaro sottolinea: «Lo faccio ritenendomi libero dai Partiti e dalle logiche partitiche, mettendo al centro Frosinone e i cittadini».

Non è una manovra di sganciamento. Cristofari sa che i Partiti hanno ancora la loro funzione e la loro capacità di aggregare. Ma il presidente dell’Ordine dei Medici ora ha la conferma dai numeri e dalle tabelle. E’ lui a trainare il carro del centrosinistra. Non sono il Pd e il Psi a portare lui.

Allora, la parola d’ordine è alleggerimento. «Il Pd e il PSI saranno senza dubbio elementi della coalizione, ma questo non mi impedisce di ritenermi svincolato e quindi determinato ad elaborare una proposta aperta, e tesa a difendere e sviluppare la città con progetti nuovi e condivisi».

Via la zavorra politica, apertura totale al volontariato, all’associazionismo. «Esorto tutti ad aprire una nuova fase nel segno della discontinuità. Ispirata ai principi dell’autonomia, della democrazia partecipativa, della qualità, del coraggio, della sicurezza e della vicinanza alla gente comune».

Il segnale d’allarme per il centrosinistra non arriva solo dalla mancata adesione al progetto sia da parte dell’ex sindaco Michele Marini e del segretario del circolo cittadino Norberto Venturi. Non arriva solo dall’assenza di segnali chiari sulla lista del Pd che dovrà sostenerlo.

La preoccupazione sta nei movimenti di truppe che sta compiendo l’avversario. Ad esempio, la lista Forza Frosinone presentata nelle ore scorse: al suo interno ci sono almeno quattro esponenti dell’area che cinque anni fa stava con l’ex sindaco Domenico Marzi. Elementi di Centrosinistra. Che invece si collocano nel fronte di Ottaviani: per cinque anni sempre meno di Forza Italia e sempre più civico.

§
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright