Da Milano a Terracina: il Salvini in difficoltà

Il sondaggio di Pagnoncelli per il Corriere è impietoso verso Salvini. Aveva ragione Bossi con i suoi allarmi. Rimasti inascoltati. Lega al 3% in Campania. Il caos Terracina e Fondi. L'analisi di Buonasorte

di ROBERTO BUONASORTE *

Il Senatur, anche se malconcio, se ne intende ancora oggi della questione settentrionale, e aveva avvertito Salvini. Quando il Capitano ha imposto alla Lega nord la svolta nazionale cercando di andare a sfondare nel centro sud, il vecchio Bossi cercò di farglielo capire in tutti i modi.

Gli disse: “Lascia stare Matteo, noi siamo nati per difendere le ragioni del nord operoso e produttivo a differenza di un centro ed un meridione d’Italia che vive di evasione e assistenzialismo”. E ancora: “Può darsi che all’inizio quelli ti seguono, ti applaudono, ma poi ti mollano per salire sul nuovo carro del vincitore, come è loro abitudine…”.

UMBERTO BOSSI. FOTO © BENVEGNU’ GUAITOLI / IMAGOECONOMICA

Ma lui – Salvini – niente, va avanti come un treno e si gasa, impazzisce nel sentire il napoletano che dal balcone del quartiere Sanità gli grida “Jamme Salvini, ‘e napuletane stann c’u te”. E che impressione sentire il pugliese (e però la Lega in quella regione ha commissariato il partito con un abruzzese…) con quell’accento inconfondibile gridare “Ma-ttééé-o”, “Ma-ttééé-o”. 

Sulla fine che farà la Lega in Sicilia, terra sempre anticipatrice degli eventi, ci asteniamo dal dare giudizi. Lì può succedere di tutto.

I numeri del sondaggio

Il sondaggio del Corriere

Nando Pagnoncelli proprio ieri, sul Corriere, ha pubblicato l’ultimo sondaggio sulle intenzioni di voto nelle prossime regionali in Campania. Il governatore Dem Vincenzo De Luca vincerebbe con oltre 20 punti di vantaggio. A nulla servirebbe – per il povero Caldoro –  il raddoppio di voti a Fratelli d’Italia che passerebbe dal 5,8% delle Europee al 10,2%. E nemmeno il leggerissimo incremento di Forza Italia (che in Campania resterebbe il primo Partito del Centrodestra) passando dal 13,7% delle Europee al 14%.

Tutto ciò non basta, perché la Lega crollerebbe dal 19,2 delle ultime Europee ad un misero 3,3. Proprio così, poco più del 3 per cento…

Si dimostra dunque – esattamente come fu per Alleanza Nazionale – che solo Fratelli d’Italia può avere un ruolo da protagonista nel Paese, e muovendosi sulle orme di Fini (solo fino a quando Gianfry non è impazzito inanellando una cazzata dietro l’altra) potrà ottenere successi fino a qualche mese fa inaspettati. 

Salvini richiama la vecchia guardia

Roberto Maroni con Matteo Salvini. Foto © Carlo Lannutti / Imagoeconomica

Intanto, sempre dalle indiscrezioni di stampa di ieri – non smentite, anzi… – sembrerebbe che Salvini abbia chiesto a Bobo Maroni di tornare in campo offrendogli, addirittura, la candidatura a sindaco di Varese nella imminente scadenza del 2021.

È lo stesso Maroni che Salvini ha fatto fuori da Presidente della Lombardia preferendogli quel Fontana che tanto ha fatto parlare di sé durante l’emergenza Covid. 

Il Capitano dunque richiama in servizio la vecchia guardiafiutando, probabilmente, quella fronda che da Bossi a Giorgetti, da Maroni fino anche a Calderoli potrebbe, subito dopo le regionali, metterlo sotto accusa con il rischio di fare la stessa fine (e anche questo lo anticipammo sul nostro blog) dell’altro Matteo?

Non sappiamo, vedremo…

Il caso Terracina e Fondi

SALVINI E ZICCHIERI, A TERRACINA

Il fronte cosiddetto “sovranista”, intanto, si prepara ad un derby surreale e all’ultimo sangue nel Lazio (in particolar modo nel sud del Lazio) dove, anziché andare unito e compatto, la Lega ha stretto un patto con Forza Italia nel tentativo di ridimensionare Fratelli d’Italia che in quella provincia ha avuto la “colpa” di eleggere  furor di popolo addirittura un Parlamentare europeo, l’ex sindaco di Terracina Nicola Procaccini. (Leggi qui Fondi e Terracina, il centrodestra diviso cerca credibilità).

Questo ha indotto l’altro terracinese, Francesco Zicchieri, coordinatore regionale della Lega, a stringere un patto di ferro con il coordinatore regionale di Forza Italia, senatore Claudio Fazzone, nel tentativo di isolare il partito della Meloni.

Operazione che non riuscirà: a Terracina, quando proprio il resto del centrodestra sfiduciò l’allora sindaco Procaccini, la città venne chiamata a votare di nuovo per le Comunali. Chi vinse? Procaccini.

La stessa cosa accadrà tra tre settimane, dicono i sondaggi: “non a Fondi però!”, replicano piccati i signori delle tessere e delle clientele locali. Ma mai dire mai…

*: Roberto Buonasorte è consigliere regionale del Lazio, iscritto al Gruppo FdI

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright