Danilo Magliocchetti, l’Assessore ai (buoni) Rapporti

Il nuovo sindaco di Frosinone, Riccardo Mastrangeli, gli ha affidato anche la delega ai Rapporti con la Regione Lazio. Nello specifico curerà processi comunicativi tra gli uffici del Comune e della Pisana. Il già capogruppo consiliare della Lega è diventato Assessore. Anzi Facilitatore. E ha conquistato anche il Centro Storico e le Università

Marco Barzelli

Veni, vidi, scripsi

«Mi perdoni, chiedo scusa. Poiché sono impegnato con un giornalista, cortesemente, potrebbe richiamare tra dieci minuti? Questo in ogni caso non è un Ufficio, è un Assessorato. Ma per carità, mi metto a sua disposizione, ma tra dieci minuti». Il neo assessore Danilo Magliocchetti è entrato ormai in azione all’interno del comunale Palazzo Munari. Non poteva mancare la prima telefonata strana. Di quelle che arrivano alla rinfusa in Municipio.

Ma anche Magliocchetti, come il nuovo sindaco di Frosinone Riccardo Mastrangeli, ha maniere da Lord. Quel fare signorile, una riconosciuta eleganza, negli abiti e nei modi. Ben lontana idealmente dal cartello “Becero Populista” che Carlo Calenda, tra le altre, attacca sulle spalle di Matteo Salvini. Ma non di Giancarlo Giorgetti. Azione sfugge qualsiasi rapporto con il Segretario della Lega, ma fa l’occhiolino alla Lega governista del cadente Governo Draghi.

I tre dati di fatto

L’abbraccio “politico” tra il sindaco Mastrangeli e la neo assessora Sardellitti

I dati di fatto sono tre: a livello nazionale Fratelli d’Italia e Lega sono nell’agenda nera di Calenda;

Alessandra Sardellitti dirigente provinciale di Azione (autosospesa ma la Segreteria provinciale ha congelato la sua sospensione) è nella nuova Giunta comunale di centrodestra; (Leggi qui: Top e Flop, i protagonisti del giorno: venerdì 15 luglio 2022).

Terzo elemento. La Lega di Frosinone, quella del coordinatore provinciale Nicola Ottaviani, non ha le fattezze del populismo. Al limite, nella migliore delle accezioni, esalta il popolo Pasquale Ciacciarelli: il responsabile dell’organizzazione del Partito in provincia di Frosinone. Ma soprattutto è il carattere becero il marchio impresso da Calenda. Che la Treccani attribuisce a una «persona che manifesta la sua rozzezza d’animo e di abitudini con modi volgari e insolenti». No, non è la Lega di Ottaviani.

Magliocchetti Assessore…

L’esordio di Danilo Magliocchetti tra i banchi della Giunta Mastrangeli

Già capogruppo consiliare della Lega, costruttore della Lista del Carroccio in campo alle Elezioni 2022, ora nella nuova Giunta comunale di Frosinone. Il sindaco Mastrangeli, a Danilo Magliocchetti ha attribuito le deleghe a Centro storico, Artigianato locale e Rapporti con le Università, con il Consiglio comunale e con la Regione Lazio.

Mastrangeli, nel presentarlo in seno alla sua Giunta, ha detto che «Magliocchetti è una grande risorsa da sfruttare». Contestualmente lui si è detto pronto: «Dovete sfruttarmi». In Regione è stato responsabile della segreteria particolare del Presidente del Consiglio (Mario Abbruzzese) tra il 2012 e il 2013.

Poi, dopo esser stato attivo presso la Direzione Risorse Umane e Sistemi Informativi, è approdato nella segreteria del consigliere regionale di Forza Italia Giuseppe Simeone.

… anzi, Facilitatore

La Giunta Mastrangeli

La Pisana la conosce bene. E il sindaco ha affidato proprio a lui il ruolo di facilitatore tra gli uffici del Comune e quelli della Regione. E lui si è messo a disposizione di tutti gli assessori e consiglieri, anche per la segnalazione di finanziamenti o qualche oliatura in materia di autorizzazioni. Per certi versi lo faceva già da capogruppo consiliare della Lega: stare sul pezzo. Ma i livelli saranno due: politico e amministrativo. Alla Politica baderà direttamente Mastrangeli: rapporti con il governatore del Lazio e i vari assessori.

Tra le Macchine Amministrative di Comune e Regione, invece, si piazzerà Danilo Magliocchetti. Che non può non partire dai ringraziamenti: «Mi corre l’obbligo di ringraziare innanzitutto il sindaco Mastrangeli e il gruppo consiliare formato da Giovanni Bortone e Rossella Testa, che mi hanno indicato come assessore. Chiaramente, al contempo, la Lega. A partire dal coordinatore provinciale Nicola Ottaviani e dal consigliere regionale Pasquale Ciacciarelli. Un sentito grazie, non da ultimo, a tutti coloro i quali si sono candidati nella lista del Partito e hanno consentito di raggiungere il risultato di oltre mille voti».

Assessore, a livello provinciale la Lega si era sinora imposta sempre come primo Partito del centrodestra, vedi Alatri e Sora. Nonché in Provincia. Ma a Frosinone, come a Ceccano, ha prevalso FdI. Al netto della super votata Lista Ottaviani. Il risultato, il 4.33%, è stato al di sopra, pari o al di sotto delle aspettative?
L’ex sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani, coordinatore provinciale della Lega

«Considero assolutamente soddisfacente il risultato ottenuto grazie all’impegno di tutti quanti i candidati. Ci hanno messo la faccia, si sono impegnati, hanno portato il loro patrimonio di consenso consentendo di poter eleggere due consiglieri e avere una rappresentanza in giunta».

«Il risultato è soddisfacente perché, in un momento in cui alcuni Partiti pagano lo scotto di stare al Governo, una piccola perdita di consenso è assolutamente naturale e fisiologica. A Frosinone la Lega ha certamente tenuto. Questo significa che il Partito è vivo e non solo a Frosinone ma in tutta la provincia. È presente sul territorio con tanti amministratori, tutti di grande capacità e di elevate qualità umane e professionali».

Anche altre deleghe importanti, ma partiamo dai Rapporti con la Regione Lazio. Non sempre facili, anche a livello burocratico

«È una delega che mi viene affidata in funzione chiaramente del mio ruolo lavorativo e operativo in Regione. Mi metterò a disposizione del sindaco e dell’intera Amministrazione per cercare di agevolare, laddove possibile, processi di comunicazione con tutti quanti gli uffici regionali per quanto riguarda finanziamenti, contributi e autorizzazioni».

«È chiaro che mi fa enormemente piacere mettere a disposizione la mia operatività in Regione per fare da facilitatore dei processi di comunicazione e interrelazione tra il Comune di Frosinone e la Regione Lazio».

Spiccano al contempo i Rapporti con le Università e la cura del Centro Storico. Come intende procedere?
Rossella Testa, già assessora al Centro Storico, ora consigliera comunale

«Entrambe sono deleghe particolarmente significative. Proprio in queste ore, conformemente all’indicazione del sindaco Mastrangeli sto cercando di attivare una serie di contatti con le Università di Roma e Cassino e gli atenei privati per concordare quanto prima degli appuntamenti prima o subito dopo le ferie. Capirò quali sono le possibilità per ampliare la sede universitaria di Frosinone ed eventualmente individuare nuovi corsi».

Al Centro Storico si registra il passaggio di testimone con Rossella Testa, risultata la seconda più votata dopo il dottor Giovanni Bortone. Qual è la sua visione?

«L’azione sarà in continuità con quanto fatto ultimamente dall’assessore Testa. Chiederò a lei, ovviamente, di darmi un contributo importante di conoscenza ed esperienza nella gestione di questa importante delega».

«Già nella precedente Amministrazione il centro storico ha avuto nuova vitalità, una nuova residenzialità, anche grazie agli studenti dell’Accademia di Belle Arti. Quindi una nuova vivibilità, obiettivo centrato. È chiaro che la nuova Amministrazione si pone l’ulteriore obiettivo, ancor più ambizioso, di rendere il centro storico il salotto buono della città. Il nostro obiettivo è quello di dare ancor più vitalità, vivibilità e socialità».  

Gli ormai consiglieri Bortone e Testa riceveranno altre specifiche deleghe?
Il dottor Giovanni Bortone, neo consigliere, con il sindaco Riccardo Mastrangeli

«Per ora il sindaco ha stabilito solo quelle per i consiglieri Lista Mastrangeli Sindaco, che non ha rappresentanza diretta in Giunta. C’è totale sinergia con il gruppo consiliare della Lega, che ho già ringraziato e continuerò a ringraziare per tutti i contributi di sollecitazione e aiuto. Sia in aula consiliare che nella gestione delle deleghe. Il professor Bortone è un medico e professionista di elevata e grande professionalità. Rossella Testa ha avuto una precedente esperienza amministrativa molto significativa. Il loro contributo è importante, fondamentale nella gestione di tutte le deleghe».

Mastrangeli, come Sardellitti e l’alleato consigliere Vicano, confidano in un laboratorio politico in cui possa inquadrarsi anche Azione. Ma Calenda, Leghisti e Fratelli d’Italia, li definisce “beceri populisti”. Pensa che possa davvero succedere?

«Parleremo dell’eventuale ingresso di Azione in un contesto di centrodestra quando questo avverrà. Al momento non mi sento di fare commenti su questo bensì sull’ingresso in giunta dell’avvocato Alessandra Sardellitti, persona di grande professionalità e grande competenza. Così come apprezzo anche il sostegno del consigliere Mauro Vicano nel corso della consiliatura, anch’egli persona stimatissima che può dare un contributo importante alla maggioranza. Apprezzo le due personalità presenti, Azione non è all’ordine del giorno. Il dato di fatto è che abbiamo Alessandra Sardellitti in Giunta e Mauro Vicano in Maggioranza».

Nicola Ottaviani, Claudio Durigon, Danilo Magliocchetti

Per le Comunali 2022 ha dovuto costruire la lista della Lega senza i voti di Ottaviani. È stato necessario costruire un doppio assetto: da un lato quello civico, concentrato nella Lista Ottaviani, dall’altro lato quello politico nella lista di Partito. Non è stata una scelta egoista, ma strategica: Ottaviani ha sempre voluto che le sue amministrazioni avessero le mani libere dalle possibile ingerenze di Partito.

Quel migliaio di voti li hanno portati a casa soprattutto gli ormai consiglieri Bortone e Testa: 209 l’uno e 204 l’altra, già assessora preferita da appena cinque frusinati in meno. Ma anche candidati consiglieri come il primo dei non eletti Dino Iannarilli. Magliocchetti, non da ultimi, ha ringraziato anche loro. Ma non è ovviamente soltanto grazie a loro che è diventato Assessore alla Facilitazione.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright