Il 118 in Indonesia, il treno dei sogni e il famoso salto del tornello (di L. D’Arpino)

La sala operativa del 118? Per il Dg della Asl di Frosinone con le attuali tecnologie potrebbe stare pure in Indonesia. I pendolari ciociari sperano nel nuovo Ad di Ferrovie dello Stato. I giornalisti, sull'assenteismo negli uffici decentrati della Regione, non hanno capito: erano sportivi che si allenavano al salto del tornello

Luciano D'Arpino

Giornalista, Regista e Autore teatrale, dirige la redazione di Frosinone de 'Il Messaggero'

di Luciano D’ARPINO

per IL MESSAGGERO

*

«La centrale operativa del 118? Con le attuali tecnologie potrebbe stare anche in Indonesia, si deve invece lavorare sul potenziamento del 118 in modo che i pazienti possano essere portati in tempi celeri presso strutture adeguatamente attrezzate».

La risposta è stata data dal commissario dell’Asl di Frosinone Luigi Macchitella ai giornalisti che lo interrogavano sull’opportunità di accorpare la sede a Latina.

Il giorno dopo la Fials ha presentato un esposto alla Procura per chiedere la verifica immediata dell’agibilità dell’edificio in terra pontina.

Al di là di come andrà a finire questa storia è curioso il fatto che si pensi che sia del tutto indifferente se chi risponde alle chiamate del 118 sia a Frosinone, a Latina oppure in… Indonesia.

Certo, oggi Google maps aiuta ma, hanno già fatto notare con forza i sindacati, un ciociaro capirà subito dove si trova la casa vicino a Bosco Faito, da dove arriva la chiamata, rispetto a un operatore pontino e i soccorsi partiranno quindi qualche minuto prima, tempo che potrebbe rivelarsi prezioso.

Se poi chi chiama parla in ciociaro stretto allora ci vorrà anche l’interprete e, sicuramente, uno bravo lo si troverà anche in Indonesia, ma il meccanismo appare perlomeno farraginoso.

 

Questa settimana, però, è arrivata anche una notizia che ha risollevato l’orgoglio ciociaro: il fiuggino Gianfranco Battisti, infatti, è stato nominato amministratore delegato della Ferrovie dello Stato. E’ uno, insomma, che sui treni ha potere di vita e di morte.

Subito i politici ciociari, di tutte le fazioni, hanno esultato per questa nomina e hanno fatto a gara a chi lo conosceva da più tempo assicurando immediati vantaggi per il territorio.

Lo sperano di cuore i pendolari ciociari che da tempo chiedono treni ad alta velocità sulla linea Cassino- Frosinone-Roma non avendo finora ottenuto nulla dagli stessi politici che fanno festa.

C’è chi attende fiducioso persino il “tavolo sul problema” promesso dal consigliere regionale del Pd Buschini.

 

Infine l’altra notizia buona è arrivata dal mondo sportivo, in una nuova specialità chiamata “salto del tornello”, dove sembra che i ciociari brillino in modo particolare.

In otto hanno dimostrato notevoli capacità, ma i soliti giornalisti cattivi non hanno capito nulla e hanno scritto che si tratta di furbetti del cartellino che saltavano i tornelli per rientrare in ufficio e che per questo sono stati indagati dalla Finanza per truffa.

Incompetenti.

 

LEGGI TUTTO SU IL MESSAGGERO

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright