Fca risorge a settembre, il biscione Alfa Romeo romba in Europa

I dati di vendita del Gruppo Fca a settembre 2019: torna il segno positivo. Bene tutti i marchi. Alfa Romeo sugli scudi in tutta l'Europa. Tirano Giulia e Stelvio. Intramontabile Giulietta. Da Record la Ypsilon Monogram e la Panda Trussardi. I dati per ogni modello

Il Biscione torna a rombare. E lo fa sulle strade di tutta l’Europa. Lo dicono i datri divendita del gruppo Fca Fiat Chrysler Automobiles nel mese di settembre. Torna il segno positivo: era molto tempo che non si vedeva.

Vendite in crescita

Fca cresce del 12,8% in Europa. Nel trimestre luglio – agosto – settembre Fiat Chrysler Automobiles ha registrato le vendita di 200.200 vetture. In questo modo si è garantita una quota del mercato pari al 5,4%.

Uno degli ingressi ad Fca

Sono andati bene utti i marchi: da Jeep ad Alfa Romeo, da Fiat a Lancia, da Abarth a Ferrari.

Alfa Romeo sugli scudi, come gli antichi condottieri che venivano portati in trionfo dopo la battaglia. Il marchio che oggi ha a Cassino Plant la sua produzione Premium registra oltre 4.100 immatricolazioni. A settembre aumenta le vendite del 25,9% e mantiene stabile la quota allo 0,3% del mercato.

Alfa Romeo è andata bene in Italia (+33,9%), in Germania (+21,5%), in Francia (+26%), nel Regno Unito (+5,5%) e in Spagna (+100%).

Giulia, Stelvio, Giulietta

Da segnalare le importanti crescite di tutte e tre le produzioni di Cassino Plant.

Giulia a settembre ha registrato un aumento delle vendite pari al 19%.

Giulietta nell’allestimento Veloce

Stelvio che il mese segnando una crescita del 39,9%.

Giulietta non risente degli anni; nonostante sia stata annunciata la fine del modello e la sua imminente uscita di produzione, la berlinetta di Cassino centra un eroico +51,1%. (leggi qui Alfa Romeo, Giulietta dice addio a Cassino Plant dopo 10 anni d’amore).

Inossidabile Lancia

In forte crescita anche Lancia. Il marchio ormai è confinato solo al mercato italiano e nel III trimestre 2019 ha immatricolato 11mila vetture, con un +34,9% rispetto allo stesso periodo del 2018.

Inoltre, in settembre le vendite del brand sono state quasi 4.200, in crescita del 23,3% per una quota stabile allo 0,3%.

Infine, nel progressivo annuo Lancia registra 45.800 vetture, +29,2% rispetto al 2018 per una quota dello 0,4%, in crescita di 0,1 punti percentuali.

Tutto grazie agli allestimenti della Ypsilon ed alle politiche commerciali: l’auto rimane un riferimento nel segmento femminile, sinonimo di eleganza e di affidabilità. I continui aggiornamenti degli interni e delle livree la rendono un0auto eternamente giovane: l’esempio più recente è la nuova serie speciale Monogram lanciata ad ottobre.

La Lancia Ypsilon nella versione monogram di ottobre 2019

Ypsilon nel terzo trimestre dell’anno e a settembre è seconda alle spalle di Panda. Il traguardo dell’ottimo risultato del 2018 (con 48.600 Ypsilon vendute) è ormai molto vicino. Chi ha acquistato una Ypsilon nel 2019 è mediamente più giovane rispetto ai clienti degli anni precedenti e in generale la clientela del modello Lancia ha il maggior numero di donne ed è più giovane della media del segmento B’.

Grande Jeep

Il marchio Jeep chiude il terzo trimestre dell’anno con quasi 40.200 auto vendute e una quota dell’1,1%. Decisamente positivo il risultato di settembre con oltre 11.800 immatricolazioni (+18,1%) e quota allo 0,9%. Quasi 132.400 le Jeep vendute nel progressivo annuo, lo 0,8% in più per una quota stabile all’1,1%.

Il marchio ottiene risultati positivi in Francia (+36,9%), in Italia (+27,7%), in Germania (+6,3%) e in Spagna (+4,6%).

La Jeep Renegade nell’allestimento S

Chi compra Jeep non si accontenta dei modelli base. Preferisce gli allestimenti premium. I numeri dicono che la versione S di Renegade (la più completa della gamma) lanciata a maggio in Italia ha già il 7% di mix’. Renegade cresce nel trimestre del 26,2%, in settembre del 40,65% e nel progressivo annuo del 14,4%;

Compass aumenta le vendite in settembre (6,6%); Cherokee nel trimestre aumenta le vendite del 10,4%, in settembre del 34,4% e nei primi nove mesi del 2019 dell’8,9%.

Cresce anche Fiat

In crescita anche il brand Fiat nel corso dell’ultimo mese del terzo trimestre. Con poco meno di 49 mila immatricolazioni, il marchio aumenta le vendite del 10,8%, per una quota al 3,8%. Il marchio cresce in Spagna (+60,5%), in Germania (+26,8%), in Francia (+8,3%) e in Italia (+3,4%).

Fiat può fare affidamento su solide certezze nel segmento A: i vari modelli di 500 e di Panda chiudono settembre con risultati positivi. La prima è la più venduta della categoria: oltre 17.400 registrazioni in settembre (+5,8%). La Panda aumenta le vendite nel trimestre (+11,6%), in settembre (+2,4%) e nel progressivo annuo (+14%). E recentemente ha stabilito un nuovo record con la commercializzazione della prima versione ”luxury” con la serie speciale Trussardi appena lanciata.

La Panda nell’allestimento Trussardi 2019

Risultati di rilievo arrivano anche da molti altri modelli: 500X stabilmente tra le top ten in Europa della sua categoria aumenta le vendite in settembre (+40%) anche grazie alla recente commercializzazione della versione Sport.

Segnali positivi per gli ultimi mesi dell’anno anche da Tipo, che in settembre cresce del 111,6%. E da 500L, che incrementa le vendite del 6,5%: entrambi i modelli registrano una crescita superiore rispetto al segmento di riferimento.

Il mercatino

Un’iniezione di vendite è attesa per la fine di questa settimana con il mercatino dell’usato: vetture a chilometri zero appena immatricolate, auto dirigenziali, stock comprati dai grandi gruppi di concessionarie. Nel centro Italia verrà ospitato ancora una volta nei piazzali dello stabilimento Fca Cassino Plant dove organizza le vendite il gruppo Ecoliri.

Nelle scorse edizioni, la formula super scontata ha garantito la vendita di migliaia d’auto.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright