Dieci righe e il resto in edicola (mercoledì 7 IX 2016)

Ciociaria Oggi K2

Bombe anarchiche, un arresto
Scripta manent. Maxi operazione della Digos in tutta Italia: coinvolto anche Marco Bisesti di Pontecorvo. Secondo i magistrati l’associazione Fai avrebbe organizzato oltre 50 azioni sovversive contro politici e forze dell’ordine

È stato raggiunto ieri mattina dall’ordinanza di custodia cautelare per un’ipotesi di associazione sovversiva insieme ad altri 7. Marco Bisesti, originario di Pontecorvo, classe ’83, è finito nel faldone della colossale inchiesta della Digos contro la Fai, la Federazione anarchica informale. La stessa che secondo la magistratura si sarebbe resa responsabile – nei suoi 13 anni di vita – di almeno 50 azioni sovversive. Come i pacchibomba indirizzati a Prodi, Cofferati, Chiamparino. La più importante, secondo le ipotesi degli inquirenti, quella “dedicata” ad Adinolfi, amministratore delegato dell’An – saldo nucleare gambizzato nel 2012 per mano del nucleo “Olga”. Secondo la magistratura torinese, infatti, si tratterebbe di “cellu – le” scollegate ma con finalità ideologica. Con agganci persino in Russia. Altri 8 gli indagati, tra cui un cinquantenne di Aprilia.

 

«Non siamo sciacalli. Gridiamo verità»
Un racconto fiume per riferire su quanto accaduto ad Amatrice: parlano le tre persone denunciate. Insieme ai ragazzi di Roma e Nettuno anche Marco Migliorelli, originario di Roccasecca, ha dato la propria versione

Un racconto forte, pieno di emozione. Lucido e preciso in ogni passaggio. I tre giovani denunciati dalla polizia per una durissima ipotesi di sciacallaggio hanno deciso di prendere la parola per gridare la loro verità. «Vogliamo solo giustizia, niente di più» hanno sottolineato Marco Migliorelli originario di Roccasecca, Tiziano Nardò di Nettuno e Alessandro Cola di Roma. «Siamo stati con le mani nelle macerie per otto giorni, aiutando a portare via i corpi, accanto a volontari, vigili e protezione civile come supporto tecnico per quanto riguarda il rifornimento benzina, ilcambio deigruppi elettrogeni, le consegne di quanto possa essere utile in tragedie come quella che ha travolto Amatrice. Nessuno di noi avrebbe mai immaginato una cosa del genere» ha spiegato con grande disappunto Tiziano Nardò, 27 anni di Nettuno, candidato con una lista civica nella ultima tornata elettorale e con la passione innata per il (…)

 

Stelvio arriva a febbraio
Alfa. Il Suv anticipa i tempi: entro fine anno parte la produzione. Sul mercato nel primo trimestre 2017. Di Maulo ieri a Cassino: «Siamo fiduciosi, ma visti i ritardi di Giulia è presto per parlare di assunzioni»

«Lo Stelvio sarà presentato a novembre nel corso del prossimo Los Angeles Auto Show, che si svolgerà nella metropoli americana a partire dal prossimo 18 novembre. Potrebbe dunque essere quella la data giusta per vedere dal vivo per la prima volta il nuovo Suv del Biscione. A novembre si dovrebbero svolgere anche i primi test drive ufficiali e probabilmente ci saranno anche i primi contatti dello Stelvio con la stampa specializzata, al pari di quanto accaduto lo scorso mese di maggio con la Giulia. Il debutto in concessionaria dovrebbe quindi avvenire a febbraio. Dunque rispetto a quanto rivelato negli scorsi giorni dal responsabile di Fca in Italia, Gianluca Italia, che parlava di Ginevra o di giugno, sembra esserci qualche speranza di poter vedere Alfa Romeo Stelvio prima del previsto ». Parole e (…)

GLI ARTICOLI COMPLETI LI TROVI SUL GIORNALE IN EDICOLA DOMANI OPPURE PUOI SCARICARE DA QUI LA APP PER TUTTI I SERVIZI DI CIOCIARIA OGGI
 

 

Inchiesta K2

 

Un pontecorvese tra gli eversivi /
La Polizia di Stato ha dato corso all’operazione denominata “Scripta Manent” nei confronti della Federazione Anarchica Informale. Sette arresti in varie città italiane, uno a Pontecorvo

Si è conclusa ieri mattina l’operazione denominata “Scripta Manent” nei confronti della Federazione Anarchica Informale (Fai). La Digos di Torino ha arrestato sette anarchici, tra cui Marco Bisesti, 33enne originario di Pontecorvo, e ne ha indagati altri otto. Inoltre, i poliziotti con l’ausilio di unità cinofile antiesplosivo hanno effettuato oltre 30 perquisizioni sia nei confronti di anarchici che di 29 abitazioni tra Piemonte, Liguria, Lazio, Emilia Romagna, Lombardia, Sardegna, Abruzzo, Campania e Umbria. Agli indagati è contestato il reato di associazione con finalità di terrorismo ed è attribuita agli stessi l’esplosione di tre ordigni: uno presso (…)

 

Renzi, il referendum e la ricandidatura del sindaco Ottaviani /
Senza elezioni anticipate correrebbe ancora per la fascia. Altrimenti sono pronti in tre

Il dietrofront del presidente del Consiglio Renzi sulle conseguenze del “no” al referendum rilancia l’ipotesi della ricandidatura di Ottaviani. Infatti se il premier non abbandona e resta la scadenza naturale di legislatura, il sindaco uscente non avrà l’opzione della candidatura in Parlamento. Se invece non si dovesse ricandidare e preferisse attendere il voto politico per riproporsi, sarebbero pronti in tre a raccogliere la sfida a sindaco di centrodestra (…)

GLI ARTICOLI COMPLETI LI TROVI NEL QUOTIDIANO IN EDICOLA

 

 

Il Tempo K2

Virginia chieda scusa oppure si dimetta
L’opinione di Peter Gomez

L’assessore all’ambiente della giunta M5s di Roma sapeva di essere sotto inchiesta per violazione della legge sui reati ambientali da fine luglio. Il 18 di quel mese, tramite il suo avvocato, aveva presentato una richiesta di accesso al registro segreto degli indagati. Dopo pochi giorni era arrivata dalla cancelleria penale una risposta positiva. Un documento che contiene esclusivamente l’indicazione del numero di procedimento penale, l’indicazione del reato ipotizzato e la data di iscrizione. In questo caso la carta chiariva, direttamente o indirettamente, due fatti. Il primo: l’inchiesta sull’assessore Muraro era partita ad aprile, quando ancora l’esperta di rifiuti nemmeno immaginava che sarebbe stata chiamata a far parte di una giunta comunale. Il secondo: dopo sei mesi dall’iscrizione i magistrati (quindi a ottobre) avrebbero deciso se notificare a Paola Muraro una richiesta di proroga delle indagini o se archiviare. (…)

 

L’ARTICOLO COMPLETO LO TROVI NELL’EDIZIONE IN EDICOLA OPPURE PUOI COMPRARE DA QUI UN NUMERO DIGITALE A PARTIRE DALLE ORE 6

 

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright