Diversamente renziani: Pompeo riflette (di C. Trento)

Foto © AG. IIchnusaPapers

Faccia a faccia con Andrea Marcucci. All’orizzonte il summit di Base Riformista. Ieri si è svolta la seduta della Conferenza Stato – Città – Autonomie Locali

Corrado Trento
Corrado Trento

Ciociaria Editoriale Oggi

Nei palazzi della politica li chiamano “diversamente renziani”. Sono gli esponenti del Pd di Base Riformista, la corrente che fa riferimento a Luca Lotti e Lorenzo Guerini. La domanda è: continueranno a rimanere nel Partito Democratico (come hanno fatto fino a questo momento) oppure qualcuno potrà sentire (e seguire) il richiamo della foresta dell’ex rottamatore, leader di Italia Viva?

Andrea Marcucci © Imagoeconomica

È quanto probabilmente sta cercando di capire anche Antonio Pompeo, presidente della Provincia di Frosinone, dell’Upi Lazio e sindaco di Ferentino. Ieri a Roma ha avuto un lungo faccia a faccia con il senatore Andrea Marcucci. Nei prossimi giorni dovrebbe esserci un confronto anche con il senatore Alessandro Alfieri, coordinatore di Base Riformista. La componente peraltro si riunirà alla Camera.

Bocche cucite e massima cautela su questo punto, soprattutto perché probabilmente non è chiara la rotta. Fra l’altro non sarà secondaria la tre giorni di Bologna (15-17 novembre), dove Nicola Zingaretti darà indicazioni precise sulle strategie dei Democrat.

Intanto, sempre ieri, Antonio Pompeo ha partecipato, nella sede del ministero dell’Interno, alla prima riunione, dopo l’insediamento del nuovo Governo, della conferenza Stato-Città-Autonomie Locali. Al tavolo c’erano il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie Francesco Boccia, il viceministro dell’economia e delle finanze Laura Castelli e i sottosegretari Achille Variati e Salvatore Margiotta. C’era anche il presidente della Provincia, presidente di Upi Lazio e membro della Direzione nazionale di Upi, Antonio Pompeo.

Un’occasione importante per riavviare un costruttivo dialogo interistituzionale sulla riforma del Testo Unico degli Enti Locali e, in particolare, sulla necessità di revisione della Legge 56 (cosiddetta Legge Delrio) relativa alla situazione delle Province.

Antonio Pompeo con il sottosegretario Achille Variati

«L’incontro – ha dichiarato il presidente Pompeo – è quanto mai significativo dell’importanza e della necessità di tornare ad avviare un confronto costruttivo, franco e leale sulle funzioni degli enti locali. E sull’opportunità evidente di contribuire, attraverso le nostre proposte, al disegno di legge di revisione del Testo unico degli enti locali. Così come sul bisogno di ridefinire le funzioni amministrative assegnate a Comuni, Città Metropolitane e Province. Un dibattito sul quale occorre un’attenzione specifica proprio a queste ultime. L’obiettivo comune deve essere quello di risolvere ed eliminare tutte le criticità che da anni rendono difficoltosa l’erogazione dei servizi ai Comuni. E, contestualmente, di assicurare alle Province la capacità di svolgere il ruolo assegnato loro dalla Costituzione Italiana».

Ha sottolineato Pompeo: «Sono certo che, anche grazie all’impegno del sottosegretario Achille Variati, si possa inaugurare una stagione di sereno e proficuo dialogo. Una stagione in cui restituire a Province ed enti locali la stabilità amministrativa ed economica di cui hanno bisogno».

Il presidente della Provincia Antonio Pompeo

È stato proprio il sottosegretario Variati, peraltro, a designare il presidente Antonio Pompeo come membro della direzione nazionale dell’Upi. Quindi il presidente della Provincia di Frosinone ha concluso: «L’inserimento di 3 miliardi e 450 milioni di euro per la messa in sicurezza e l’efficientamento energetico degli edifici delle scuole secondarie superiori e dei 3,4 miliardi in 15 anni per il finanziamento degli interventi relativi a programmi straordinari di manutenzione della rete viaria di Provincia e Città metropolitane, inseriti nella legge di bilancio varata dal Governo, sono senza dubbio un risultato positivo che testimonia l’impegno e il lavoro portati avanti dall’Upi».

*

Leggi tutto su