Dottore prenda lo stetoscopio e se ne vada: Carrano è illegittimo

[dfads params=’groups=105&limit=1&orderby=random&return_javascript=1′]

 

Caro dottore prenda lo stetoscopio e se ne torni al suo ambulatorio: lei non può stare alla Asl. Lo ha detto la sezione Lavoro del Tribunale di Frosinone al dottor Francesco Carrano direttore del Distretto Sanitario B di Frosinone. La nomina fatta a suo tempo dalla manager Isabella Mastrobuono «è affetta da nullità insanabile e per questo si deve procedere alla immediata rimozione, ripetendo la selezione».

La nomina aveva suscitato un vespaio di polemiche: non perché il dottor Carrano sia un pessimo medico bensì per il fatto che era esterno alla Asl, presidente provinciale dei medici di famiglia Fimmg e quindi un esterno che rappresentava un costo in più per l’azienda.

Infatti, con la deliberazione 924 del 27 agosto scorso la Asl ha dovuto stipulare un apposito contratto di collaborazione con il dottor Carrano affidandogli un incarico a tempo determinato per l’espletamento delle funzioni di Direttore del Distretto B, con una spesa di 105mila euro lordi annui, per tre anni.

Non trattandosi di un dirigente/dipendente interno, ma di un soggetto esterno, il contratto di collaborazione a tempo determinato – ha stabilito il giudice – costituisce tecnicamente una nuova assunzione che comporta una spesa aggiuntiva.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright