E Rotondo porta le vitamine alla Forza Italia di Quadrini

Anselmo Rotondo si sposta sull'area di Forza Italia che fa riferimento a Gianluca Quadrini. "Riforma del Partito ma fermi restando gli ideali forti del presidente Berlusconi".

Nella vita fa il farmacista. E per passione fa il politico. Come missione fa il sindaco di Pontecorvo. Anselmo Rotondo ha una profonda convinzione: quella che lo lega a Forza Italia. Oggi ancora di più: ha deciso di aderire all’area che fa riferimento al coordinatore regionale Claudio Fazzone ed al suo vice Gianluca Quadrini.

Il sindaco Anselmo Rotondo con l’assessore Armando Satini ed il vice coordinatore Gianluca Quadrini si sono incontrati in mattinata ad Arce nella sede della Comunità Montana guidata da Quadrini.

«Pensiamo – ha detto il sindaco Anselmo Rotondodi poter programmare un’azione politica di rilancio sul territorio e poi ampliarci oltre i confini territoriali del nostro amato partito Forza Italia. Abbiamo condiviso il passaggio fondamentale ossia che noi eravamo, siamo e saremo di Forza Italia  e non intendiamo percorrere strade brevi per dover o poter aderire ad altri Partiti».

C’è il tema del rinnovamento. Quello sollecitato da Claudio Fazzone, radicale e fatto dall’interno. E c’è il rinnovamento voluto dal governatore della Liguria Giovanni Toti, al quale fanno riferimento invece il vice coordinatore nazionale Enti Locali Mario Abbruzzese, il capogruppo in Regione Lazio Antonello Aurigemma, l’ex vice presidente d’Aula Adriano Palozzi, il presidente della Commissione Cultura Pasquale Ciacciarelli. Fino ad oggi Rotondo è stato in sintonia con Mario Abbruzzese. Ora la frequenza è più in linea con quella su cui trasmette Gianluca Quadrini.

«Vogliamo rivoluzionare e ristrutturare il Partito di Forza Italia, secondo le indicazioni principali del presidente Silvio Berlusconi. Non abbiamo bisogno di vie brevi per questo tipo di ristrutturazione. Il vice coordinatore regionale di Gianluca Quadrini ha ascoltato le mie e le nostre idee e concorda pienamente sull’azione riformatrice di questo Partito. Ma fermo restando gli ideali forti del presidente Berlusconi. Cercheremo di costruire insieme questo cammino per arrivare ad aprirci con gli amministratori che la pensano come noi per ridare maggiore forza e vigore al nostro Partito”.

Per Gianluca Quadrini, ora Forza Italia «entra in una fase rivoluzionaria, complessa e delicata su indicazione del presidente Silvio Berlusconi. È necessario aprire agli amministratori locali e ai giovani che devono riavvicinarsi alla politica».

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright