È Vincenzo Galassi il nome ‘in pectore’ di Pompeo

È il presidente dell'Ordine degli Avvocati di Frosinone Vincenzo Galassi il nome 'in pectore' al sindaco uscente di Ferentino Antonio Pompeo. Ha consultato gli alleati. Convergenza totale. Chi è vicino al presidente coonferma "Sta valutando”

Porta il nome di un famoso generale al servizio del Re di Spagna e poi delle milizie del Papa e di Napoleone Bonaparte. Con la passione sfrenata per l’archeologia: a lui si deve l’importante ritrovamento del tumulo nella necropoli del Sorbo. Vincenzo Galassi ha in comune molte cose con quell’ufficiale ed archeologo. Come lui indossa una divisa: non quella militare ma degli avvocati alla quale ha giurato comunque lealtà; guida pure lui un gruppo di coraggiosi: da anni è presidente del Foro di Frosinone. E ora potrebbe diventare sindaco della sua città: Ferentino.

Le indiscrezioni assicurano che è suo il nome in testa all’elenco preparato dal sindaco uscente e presidente della Provincia Antonio Pompeo. Ne ha parlato solo con i fidatissimi. Per tastare il polso. La risposta è stata unanime, collegiale: si. Sul nome dell’avvocato Galassi sarebbero disposte a convergere tutte le liste che fino ad oggi hanno appoggiato per dieci anni Antonio Pompeo.

Chi è Galassi

Il presidente Galassi (al centro) con il Tesoriere dell’Ordine Fabrizio Zoli

Avvocato penalista è uno dei massimi esperti negli aspetti del diritto Penale connesso alla Pubblica Amministrazione. In pratica. Nel suo studio difficilmente passano assassini e truffatori: bussano sindaci e assessori da tutto il centro Italia, amministratori d’azienda e tutti quelli che hanno a che fare con il governo dei territori.

Ma non disdegna i casi di cronaca se sono complessi ed hanno un risvolto umano. Come quello di Willy Monteiro Duarte, il ragazzino di Paliano assassinato di botte a Colleferro. L’avvocato Galassi insieme al suo collega Domenico Marzi faceva parte del collegio che assisteva i familiari dello studente ucciso.

Convinto in maniera profonda del valore dell’associazionismo, Vincenzo Galassi ha costruito più volte la squadra degli avvocati chiamata a governare la categoria a Frosinone. Da due mandati è lui a presiederla. Nella scorsa tornata ha centrato ben 556 preferenze.

Ama il mare, ne adora il profumo, poche cose lo placano come lo scrutare l’infinito. Ma va anche in montagna: passo da alpino non disdegna le camminate in compagnia.

Sessant’anni, sposato, padre di due figli: uno lo ha perduto quattro anni fa in una tragedia della strada. È stato il suo dolore più grande. Il suo esordio con la Pubblica Amministrazione non è stato dei più efficienti: nato il Prima Maggio ha potuto essere registrato solo il giorno successivo perché gli uffici comunali erano chiusi.

La scelta di Pompeo

L’iniziativa di sabato scorso

Antonio Pompeo ha individuato lui come suo possibile successore già da mesi. Per la sua competenza in materia di diritto e quindi per la sua capacità di governare una macchina amministrativa complessa come quella di Ferentino. Per la sua capacità di fare squadra ed aggregare. E per la sua popolarità: trasversale. A tutti gli schieramenti politici.

Rientra alla perfezione nel profilo definito da Antonio Pompeo: il leader dei renziani rimasti nel Pd predica da mesi un Partito che abbia la capacità di aprirsi. Ed accogliere quei mondi che sono esterni alla politica ma sarebbero disposti ad impegnarsi.

Sabato scorso il presidente Vincenzo Galassi era all’iniziativa che ha segnato l’avvio della campagna elettorale di Antonio Pompeo per le prossime Regionali del Lazio. Si sono appartati, parlando in maniera fitta per una buona ventina di minuti. Al termine c’è stato un visto abbraccio che non è sfuggito ai presenti. (Leggi qui: Tutti divisi alla festa grande di Pompeo. E leggi anche Fischi e fiaschi della XLII settimana 2022)

Chi gli sta vicino predica prudenza: “sta valutando”. La coalizione è pronta fare quadrato.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright