Salera-Caligiore, la possibile sfida per il dopo Pompeo

Salera Caligiore

Diversi sindaci stanno già pensando alle elezioni per la presidenza della Provincia. Mancano ancora più di due anni e in diversi devono prima essere eletti o confermati. Ma l’argomento c’è. Attenzione anche a Cretaro e Natalia.

Mancano più di due anni alle elezioni per la presidenza della Provincia, ma diversi sindaci ci stanno facendo un pensierino. Fra dodici mesi però si tornerà alle urne per rinnovare i consiglieri provinciali e in quell’occasione capirà chi tra centrodestra e centrosinistra avrà la maggioranza. Poi però bisognerà fare il conto con gli esiti delle comunali che si svolgeranno successivamente.

Enzo Salera
Il sindaco Enzo Salera © Roberto Vettese

Intanto però alcuni sindaci sono già al lavoro per costruire la candidatura alla presidenza della Provincia. Primo fra tutti Enzo Salera, di Cassino. Il quale vuole lanciare un’operazione che riporti il sud della Ciociaria protagonista nell’agone politico. Lui a Cassino ha vinto con una coalizione di centrosinistra fortemente civica e caratterizzata da una spiccata autonomia. Certamente ha avuto il sostegno del Pd, ma in modo tumultuoso e comunque non senza spaccature e polemiche. (leggi qui Un anno di Salera, il sindaco che ha rotto (gli schemi) ).

Nel centrodestra chi potrebbe ambire ad una candidatura alla presidenza della Provincia è Roberto Caligiore, se dovesse però essere confermato sindaco di Ceccano. L’esponente di Fratelli d’Italia ci sta pensando da tempo. Ma ci sono pure altre possibili designazioni. Per esempio quella del sindaco di Veroli Simone Cretaro, fra l’altro vicinissimo ad Antonio Pompeo ma limitato dalla durata residua del suo mandato. Potrebbe giocarsi le sue carte pure Daniele Natalia, di Anagni. Conferma permettendo naturalmente.

Roberto Caligiore

Pochi mesi prima delle provinciali si voterà anche per le comunali di Frosinone, dove il quadro si preannuncia molto frammentato. Però il sindaco del capoluogo potrebbe indubbiamente costituire un effetto traino molto forte, anche in virtù del voto ponderato. Tanto si è capito che anche in questa legislatura le cose non cambieranno e chela riforma di Graziano Delrio continuerà a caratterizzare l’assetto della Provincia. Naturalmente il presidente in carica, Antonio Pompeo, non se ne starà con le mani in mano. Cercherà di sostenere candidati di sua fiducia. Sia Enzo Salera che Simone Cretaro potrebbero esserlo.

Sarà una partita importante quella per la presidenza della Provincia. Guai a sottovalutarla.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright