Fantini segretario, Costanzo presidente, a Pompeo il vice: il Pd trova la sintesi

Intesa raggiunta: Luca fantini sarà segretario provinciale unitario. Simone Costanzo presidente del Pd. Ad Antonio Pompeo il vice. Via le correnti. Nasce il Partito Democratico nuovo.

Accordo raggiunto: Luca Fantini sarà il segretario provinciale di tutto il Partito Democratico. Via le componenti, giù gli steccati, esattamente come aveva chiesto Nicola Zingaretti. La prova concreta sarà la lista unitaria che sosterrà la sua elezione durante il prossimo congresso. Lì convergeranno gli esponenti che fino ad oggi sono stati Pensare Democratico (l’area che fa riferimento a Francesco De Angelis, Mauro Buschini e Sara Battisti), Base Riformista (Antonio Pompeo), Area Dem (Simone Costanzo), lasciando la porta aperta a tutte le altre sensibilità interne.

I protagonisti del Congresso

L’accordo è stato raggiunto in serata. A tavola, durante un confronto che ha messo di fronte tutti i big provinciali. La strada era stata aperta lo scorso novembre da Francesco De Angelis annunciando che Pensare Democratico non avrebbe presentato un suo candidato di bandiera per la Segreteria. (leggi qui Democrat, i big muovono le torri: ma c’è la tregua). È stata spianata ieri da Antonio Pompeo annunciando che anche Base Riformista avrebbe rinunciato a presentare un nome identitario. (leggi qui Pd, torna l’unità: Pompeo non schiera il candidato).

Sarà Congresso vero. Ma basato sul dialogo. Un percorso che rafforza il ruolo di Luca Fantini e ne aumenta il peso specifico: perché sarà il Segretario nel quale tutti si sono riconosciuti, evitando la conta.

La logica degli equilibri vuole che anche le altre due componenti abbiano un ruolo nel Partito Democratico nuovo che nascerà da questo congresso provinciale. Su questo punto non c’è un patto, non c’è un’intesa. Ma l’unità, nel centrosinistra è sempre stata costruita sulla condivisione.

Così, la logica vuole che l’area Antonio Pompeo esprimerà il vice segretario provinciale: lo aveva fatto capire nei giorni scorsi, il presidente della provincia chiedeva la possibilità di contribuire alla definizione delle politiche del Pd.

Simone Costanzo e Francesco De Angelis

Allo stesso modo, l’area di Simone Costanzo esprimerà il Presidente provinciale del Partito: è molto probabile che sia proprio l’attuale sindaco di Coreno Ausonio. Costanzo era stato Segretario provinciale fino alle Regionali del 2018, poi si era dimesso per candidarsi alla Pisana. Tornerà in prima linea.

La strada del dialogo unitario era stata tracciata nelle settimane scorse durante la cena organizzata ad Isola del Liri dall’ex senatore Francesco Scalia per il suo compleanno. Era stata la prima volta in cui tutte le sensibilità maggiori nel Pd si erano ritrovate insieme dopo anni di discussioni e divisioni. (leggi qui Metti una sera a cena da Rugantino: il Pd si riscopre unito). Poco alla volta, tutti i tasselli del mosaico sono andati al loro posto. Fino alla cena di giovedì sera.

Nessuno commenta. Nelle prossime ore ci sarà l’annuncio. Luca Fantini può festeggiare: sarà Segretario unitario. Nicola Zingaretti può festeggiare altrettanto: nasce il Partito Democratico nuovo.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright