E Fardelli fa fuori il Pd

Fardelli cancella il Pd dal manifesto del suo convegno. E si firma come capogruppo della Lista Buongiorno

FARDELLI FA FUORI IL PD

Sarà perché il Pd non gli risponde da mesi e non lo fa entrare nel suo Gruppo in Regione?

Oppure  sarà perché Salvatore Fontana gli ha approntato un mega ricorso e nessuno nel Partito ha alzato un dito per difenderlo?

Marino Fardelli ha deciso ripagare con la stessa moneta i vertici Dem della provincia di Frosinone. Ha degradato Simone Costanzo: gli ha tolto la carica di Segretario Provinciale del Partito Democratico. Sul manifesto con il convegno Lo Sviluppo dell’Agriturismo e la multifunzionalità dell’impresa agricola lo ha degradato a semplice Consigliere comunale di Coreno Ausonio.

Simone Costanzo non è l’unico ad essere finito nel mirino del Marino Furioso: pure Francesco Scalia e Maria Spilabotte sono stati indicati sul manifesto semplicemente con ‘senatore’ senza indicare il Partito di appartenenza. Stessa sorte per Nazzareno Pilozzi: è solo ‘deputato’

 

FARDELLI NON STA NEL PD

Il manifesto è stato molto apprezzato da Salvatore Fontana, ruvido delegato all’assemblea nazionale Pd in quota Emiliano.

L’immobiliarista cassinate ha offerto una taglia pur di avere una copia di quel volantino a sfondo verde e scritte non troppo evidenti.

Cosa ne vuole fare? Allegarlo al ricorso predisposto per impugnare l’elezione di Marino Fardelli a segretario cittadino Dem (leggi qui ‘I sei punti del ricorso di Fontana contro Fardelli’).

Fontana sostiene che Fardelli non potesse essere candidato né avere la tessera Pd perché capogruppo in Regione della Lista per Giulia Bongiorno Presidente. E, a norma di Statuto, questo lo renderebbe incompatibile.

Perché è importante quel manifesto? Perché sotto, in fondo alla pagina, in piccolo piccolo sta scritto:

Iniziativa a cura del Gruppo Consiliare Regione Lazio LB OL Con Zingaretti – mfardelli@regione.lazio.it

La pistola fumante.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright