Attenzione, arriva Fazzone: tutti a cena a casa di Adriano

Tutti a cena a casa dell'ex coordinatore provinciale Adriano Roma. Per decidere le strategie in vista del vertice di lunedì. Quando arriverà a Frosinone il potentissimo coordinatore regionale Claudio Fazzone. Intanto Ottaviani e Piacentini.

Tutti a cena a casa di Adriano Roma. Per prepararsi alla riunione di lunedì pomeriggio alle ore 18. Hanno deciso lì, allo Sterparo di Arnara, le strategie da mettere in campo. Tra una salsiccia fresca fatta in casa ed una spasa di polenta con le spuntature. Gli incontri più riservati, l’ex coordinatore provinciale di Forza Italia ed ex consigliere regionale del Lazio li tiene in quel villino appartato.

 

Cosa dovevano preparare di così importante?

 

Lunedì arriverà a Frosinone il potentissimo Claudio Fazzone. È l’uomo che ha deciso quasi da solo le candidature per Camera e Senato nel Lazio. Il Coordinatore Regionale di ferro che ha mandato all’aria tutti gli equilibri costruiti comodamente da Forza Italia a Frosinone. E che lui invece gli ha sparigliato: cambiando i nomi dei candidati per le Regionali, calando dall’alto il nome di Carlo Gagliardi. Che ora cambia la prospettiva in vista delle prossime Comunali e della candidatura a sindaco dopo Ottaviani. È l’uomo che in una notte ha tolto il Partito dalle mani di Pasquale Ciacciarelli e lo ha affidato ad Adriano Piacentini. Lui ha rimesso in campo Antonello Iannarilli. Dicono sia stato lui a condannare Mario Abbruzzese: confinandolo nel collegio per la Camera e negandogli quello al Senato dove avrebbe incamerato i voti del Nord.

 

Cosa vuole Claudio Fazzone dal Coordinamento di Frosinone? Che futuro disegnerà per Mario Abbruzzese, ex consigliere regionale del Lazio ora senza incarichi? In che modo accoglierlo: con gli scudi alzati e le spade sguainate come la volta scorsa? (L’altolà di Forza Italia al potentissimo Fazzone)

 

Per decidere tutto questo, Adriano Roma ha convocato allo Sterparo i fedelissimi di Mario Abbruzzese e Pasquale Ciacciarelli.

 

Tra i più preoccupati per il futuro c’è Riccardo Del Brocco che tra una salsiccia e l’altra dice: «Vediamo ora cosa riesce a fare Tajani per Mario“.

Ma tra i commensali c’è chi guarda le cose con meno speranza e più realismo. E riflette: «Bisogna riflettere su cosa sarà questo Partito con Mario ridotto così»

Uno azzarda: «Mica vorrete dire che dobbiamo iniziare a guardarci attorno?»

 

Nello stesso momento, a pochi chilometri di distanza, a Frosinone il coordinatore provinciale Adriano Piacentini era in compagnia del sindaco Nicola Ottaviani. Và da se che entrambi non erano nella lista degli invitati.

Anche loro stavamo preparando la linea da tenere con Claudio Fazzone. Ma senza salsicce e vino.

La rotta tracciata è quella della continuità: si riparte, sulla base dei risultati conseguiti e dei nuovi equilibri che sono emersi, con il dovuto rispetto per tutti. Ma ognuno al suo posto. E chi non vuole essere della partita… esca allo scoperto. Perché – hanno stabilito Ottaviani e Piacentini – si riparte comunque.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright