Fazzone: Il centrodestra troverà la sintesi

Il coordinatore regionale di FI: tenere conto dei livelli locali. Angelo Pizzutelli (Pd): attraverso le primarie recuperare la coalizione

Corrado Trento
Corrado Trento

Ciociaria Editoriale Oggi

«Il discorso è semplice. I coordinamenti regionali dei Partiti hanno competenza su un tema come quello delle candidature a sindaco di un Comune capoluogo. Ma è altrettanto evidente che se la classe dirigente locale trova un’intesa forte, allora non si può non tenerne conto». Il senatore Claudio Fazzone, coordinatore regionale di Forza Italia, interviene nel dibattito in corso sul tema della candidatura a sindaco di Frosinone.

Le posizioni

FdI non resterà a guardare gli alleati

La situazione all’interno del centrodestra non è semplice. Il sindaco Nicola Ottaviani vuole le primarie. Da qualche tempo, però, Ottaviani è anche coordinatore provinciale del Carroccio e in questa veste ha un ruolo politico che gli alleati stanno valutando.

Massimo Ruspandini, senatore e leader di Fratelli d’Italia, ha detto che c’è massima fiducia negli esponenti locali del Partito. Aggiungendo però: «Se qualcuno pensa che FdI o il senatore Ruspandini restino a guardare e che gli altri decidano per noi, delle due l’una: o non ci conoscono o si sbagliano di grosso». Sottolineando pure che il centrodestra è cambiato. (Leggi qui Ruspandini: altolà alla Lega sul candidato a Frosinone).

In precedenza il deputato Claudio Durigon, ormai di fatto coordinatore regionale della Lega, non si era nascosto. Dichiarando che è perfino normale che la candidatura a sindaco di un Comune capoluogo è argomento da tavolo regionale delle coalizione. (Leggi qui Candidato sindaco e tavolo regionale: la linea Durigon).

Sintesi, equilibrio, metodo

Argomenta Claudio Fazzone: «Bando alle ipocrisie. Ci sarà una sorta di quadro di sintesi e di equilibrio che il centrodestra troverà per quanto riguarda le candidature a sindaco dei capoluoghi di provincia. E quindi è normale che di questo assetto bisognerà tenere conto. Però se si arriva ad una condivisione dei livelli locali dei Partiti su una candidatura a sindaco, sarebbe miope non tenerne conto. Perché sono poi i livelli locali a conoscere bene il territorio, le sfaccettature, le liste e tutto il resto».

Massimo Ruspandini con Claudio Fazzone e Nicola Ottaviani

«Non penso che una cosa escluda l’altro. Non penso cioè che una bozza di ripartizione a livello regionale possa escludere un accordo di carattere locale. Forte, autorevole, condiviso. Stesso ragionamento e medesima prospettiva se ci fosse un’intesa unanime e unitaria dei livelli regionali dei partiti. Il sindaco Nicola Ottaviani preferirebbe le primarie? Si può discutere di tutto, figuriamoci del metodo».

In provincia di Frosinone, però, c’è un problema a monte della coalizione. E cioè che non si riunisce da tantissimo tempo. Troppo. Rileva Claudio Fazzone: «Vero. Come al solito dico quello che penso. E cioè che questa mancanza di riunioni sistematiche sia dovuta pure al fatto che i Partiti sono spesso divisi al loro interno. Se cioè si percepisce che ci sono più voci tra loro dissonanti all’interno di un partito, allora questo è un problema per quanto riguarda le riunioni a livello di coalizione».

Rileva ancora Claudio Fazzone: «Il centrodestra ha le carte in regola per continuare a vincere a Frosinone e sono sicuro che sapremo trovare un’intesa nel capoluogo. Forza Italia naturalmente dirà la sua in un contesto di pari dignità tra forze politiche alleate».

Le strategie dei Democrat

Sul versante del centrosinistra il Rubicone è stato attraversato. L’intenzione è quella di celebrare le primarie di coalizione. Aperte, partecipate, con una forte e significativa presenza di liste civiche. Anche in un contesto trasversale, nel senso di recuperare consensi che a livello politico sono posizionati nel centrodestra. (Leggi qui De Angelis: “Primarie decisive per vincere”).

Tra i possibili candidati alle primarie ci sono Mauro Vicano (già manager della Asl ed ex presidente della Saf) e l’ex sindaco Michele Marini. Ma sempre nei Democrat si sente pure il nome di Andrea Turriziani. Insomma, situazione in completa evoluzione.

Mauro Vicano e Michele Marini

Angelo Pizzutelli è il capogruppo del Partito Democratico in consiglio comunale. Spiega: «Le primarie rappresentano il massimo esercizio di democrazia all’interno di un partito e di una coalizione. Se si deciderà che questa è la strada maestra, sarò favorevole. Fra l’altro la considero anche una straordinaria opportunità per recuperare la coalizione di centrosinistra, che è quella che in passato ha fatto la differenza. Anzi, storicamente il centrosinistra riesce a recuperare voti e percentuali con la coalizione. Nel 2012 e nel 2017 l’unità non c’è stata. Adesso però mi sembra che possano esserci le condizioni per tornare all’impostazione originaria. Con una forte e autorevole partecipazione anche di liste civiche».

«Si sta lavorando, e bene, in questo senso. Da un lato è fondamentale recuperare la coalizione e caratterizzare la presenza dei partiti del centrosinistra. Dall’altro è importante aprire alle civiche, che sono in grado di rappresentare un valore aggiunto non indifferente. A tenere insieme tutto questo ci sarà il programma. Ancora una volta la Ciociaria arranca sul versante della qualità della vita. Noi dobbiamo assolutamente mettere in campo una proposta amministrativa all’altezza della situazione. Su questo è fondamentale insistere. E alla fine sarà proprio questo il collante più forte».

Ambiente in agenda fin da ora

Intanto domani alle 18, in diretta sulla pagina facebook del circolo del Pd di Frosinone, si svolgerà l’iniziativa sull’ambiente per illustrare le fasi dell’avvio delle operazioni di bonifica della discarica di via Le Lame.

Modererà l’evento Stefania Martini, presidente del circolo frusinate ma anche della Federazione provinciale. Interverranno Luca Fantini e Andrea Palladino, rispettivamente segretario provinciale e del circolo frusinate. Quindi sarà il presidente del consiglio regionale Mauro Buschini ad illustrare le fasi della bonifica.

Andrea Palladino, Stefania Martini, Angelo Pizzutelli © Giornalisti Indipendenti

Rileva in una nota il circolo del Pd: «Le operazioni di bonifica della discarica partiranno grazie ad un investimento regionale di oltre 10,8 milioni di euro. Questo è un ulteriore e significativo risultato dell’azio – ne del governo regionale».

Si riunisce il Consiglio

Intanto il presidente del consiglio comunale Adriano Piacentini ha convocato l’ultima seduta ordinaria dell’anno. Seduta che naturalmente si terrà in videoconferenza. Si terrà il 21 dicembre alle ore 9 in prima convocazione e il 22 dicembre alle ore 18 in seconda.

Gli argomenti all’ordine del giorno sono sei. Tra i quali l’approvazione del Piano economico finanziario relativo all’anno 2020. E poi l’adozione del provvedimento di analisi dell’assetto complessivo delle società partecipate.

*

Leggi tutto su

Leggi tutto su