Ferentino tra gloria passata e futuro: chi vota chi alle Provinciali

Negli ultimi 30 anni Ferentino ha sempre avuto figure di prestigio e tutte in ruoli chiave dell'ente Provincia. Le due candidature in campo per il Consiglio. E la conta che ci sarà su ognuna

Emiliano Papillo

Ipsa sua melior fama

La città di Ferentino prova il grande colpo: eleggere due consiglieri provinciali. In campo Luca Zaccari per la Lega ed Alessandro Rea nel Polo Civico dove tutti lo considerano un Dem messo lì da Francesco De Angelis per verificare il peso della componente Pensare Democratico nella città guidata dal leader dell’area avversaria Base Riformista.

Passato e presente gloriosi

Ferentino esprime il presidente in carica che è anche il sindaco della città, Antonio Pompeo.

Giuseppe Patrizi

La città ha avuto negli ultimi 30 anni un suo rappresentante in piazza Gramsci a Frosinone. Lo dimostra il fatto che sia nel 1995 che nel 1999 é stato eletto l’ex sindaco Piergianni Fiorletta per non dimenticare nel 2004 l’elezione di Alessandro Semplici. Nella stagione 1995-2004 ha avuto un assessorato (prima) ed un posto da consigliere (poi) Francesco Giorgi che è stato anche  vicesindaco in città. In quel periodo è stato presidente un altro politico di Ferentino: l’avvocato Francesco Scalia.

Poi c’è stata l’era di Giuseppe Patrizi (presidente facente funzioni dopo le dimissioni di Antonello Iannarili, commissario straordinario con l’arrivo della riforma Delrio). E Pio Riggi. Fino alla doppia elezione con la nuova modalità di voto, quello ponderato che ha dato la possibilità della doppia elezione a presidente per il sindaco di Ferentino Antonio Pompeo.

Chi vota chi

L’attuale sindaco della città resterà in carica almeno per un altro anno. Nel frattempo provano l’elezione a consigliere Luca Zaccari della Lega ed Alessandro Rea da poco passato dal Centro Solidale per Ferentino ad essere indipendente. E nelle ultime ore a Ferentino Nel Cuore dell’ex vicesindaco Luigi Vittori. (Leggi qui Fantini fissa la tregua nel Pd di Ferentino).

Luca Zaccari  avrà l’appoggio del consigliere regionale Pasquale Ciacciarelli. Che si conterà su di lui in una sfida che coinvolge tutta la Lega: Nicola Ottaviani lo farà puntando i suoi voti su Andrea Amata; Anselmo Rotondo ha in lista il suo presidente del Consiglio comunale Katiuscia Mulattieri; Gianfranco Rufa sta lavorando per Giuseppe Pizzuti di Alatri; Gianluca Quadrini corre da solo per dimostrare di avere ancora i numeri con cui reclamare una candidatura alle Regionali; per lui sta girando in lungo ed in largo l’onorevole Francesca Gerardi.

Luca Zaccari

A Ferentino Luca Zaccari potrà contare sul suo voto e molto probabilmente  su quello di Maurizio Berretta amico di Partito che è un leghista non allineato.

Rea invece potrà contare su quattro voti: il suo e degli altri consiglieri di Ferentino nel Cuore, Piergianni Fiorletta, Giovanni Dell’Orco e la new entry Angelo Picchi ex Pd. Quattro voti importanti considerando che ogni voto ponderato conta a Ferentino 228 voti.

Ma il vero asso pigliatutto nella città ernica sarà Antonella Di Pucchio di Isola del Liri vicinissima al sindaco Pompeo. Avrà 10 voti, tutti i consiglieri vicini al primo cittadino più lo stesso sindaco. Due voti gli andranno dai Pd Luigi Ceccarelli e Mariano Pennacchia, due dalla civica Pompeo sindaco ovvero Claudio Pizzotti e Giuseppe Iorio, uno dall’indipendente Nicola Dell’Olio, due dagli indipendenti Giancarlo Lanzi e Stefano Zaccari, uno da Fare Futuro ovvero Alessandro Cellitti Zunda.

L’ultimo voto dal nuovo consigliere di maggioranza Giuseppe Virgili.

Resta l’ultimo consigliere, Franco Collalti di Fdi che molto probabilmente esprimerà il voto al suo partito con in pole Daniele Maura.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright