Operazione disgelo: Cristofari incontrerà Marini

Il presidente dei medici pronto a incontrare direttamente Michele Marini. Ma intanto ha compilato i moduli per la candidatura alle primarie del 20 novembre

Corrado Trento

Ciociaria Editoriale Oggi

Ha compilato i moduli per la candidatura alle primarie del Pd e la raccolta delle firme è quasi ultimata. Fabrizio Cristofari, però, sta anche analizzando la situazione. Chi lo conosce bene non esclude che, in caso di mancate risposte dal partito, il presidente dell’ordine dei medici possa valutare l’idea di un passo indietro. Perfino in caso di vittoria alle primarie.

Ma Cristofari non ama le situazioni di stallo e allora ecco che potrebbe decidere di effettuare lui stesso la “strambata”. Termine che descrive l’improvviso cambio di direzione impresso ad un’imbarcazione in movimento. Un faccia a faccia con Michele Marini lontano sia dai riflettori che dai vertici del Pd. Per un chiarimento a due definitivo.

I primi segnali ci sono stati e c’è chi parla di una telefonata già avvenuta tra Cristofari e Marini. Le maglie del riserbo però sono strettissime.

Intanto però Michele Marini continua ad essere al centro dell’attenzione politica. Questa mattina lungo incontro con il responsabile politico della nuova Democrazia Cristiana, Costantino Crescenzi. L’incontro è avvenuto al bar La Brasileira, in via Verdi. Nel pomeriggio, dopo l’immancabile partita del sabato a “calciotto”, Michele Marini ha partecipato ad una festa organizzata dal Centro sociale anziani della stazione. L’ex sindaco ha avviato una serie di incontri sul territorio con i propri sostenitori e la partecipazione ad eventi come la Strafrosinone o ad un evento come quello di ieri rappresentanto il segnale, per alleati e avversari, che in realtà Marini un pensiero alla candidatura a sindaco continua a farlo. Anche se continua a smentire una simile opzione.

Peraltro con i consiglieri comunali Luigi Arduini, Stefania Martini e Antonello Galassi ha un confronto continuo. Stesso discorso con Alessandra Maggiani, candidata alle primarie del Partito Democratico. Senza considerare che Gaetano Ambrosiano, esponente di Sinistra Italiana, continua a lavorare all’ipotesi di una lista “arancione” che raccolga forze di sinistra e che abbia in Michele Marini e Norberto Venturi i possibili candidati a sindaco.

Infine non va dimenticato che Michele Marini nelle scorse settimane ha avuto anche un faccia a faccia con Gianfranco Pizzutelli, referente del Polo civico, gruppo che appoggia Nicola Ottaviani in consiglio comunale.

Non si è spenta l’eco del lungo colloquio (quaranta minuti) al Campo Coni tra Michele Marini e Nicola Ottaviani. I prossimi giorni saranno decisivi. Due gli incontri che Michele Marini potrebbe avere a stretto giro di posta: con il leader dei Dem Francesco De Angelis e con il segretario del circolo cittadino Norberto Venturi.

Ma è evidente che se davvero Fabrizio Cristofari dovesse prendere l’iniziativa, sarebbe quello il summit destinato a fare la differenza. In un senso o nell’altro. Sul tavolo restano le elezioni del 2012, teatro della frattura politica nel centrosinistra. In quattro anni non c’è mai stato un chiarimento, fino a quando però Fabrizio Cristofari ha chiesto scusa, «oggi per allora », all’ex sindaco.

La risposta immediata di Michele Marini fu: «Prendo atto». Poi però la svolta non c’è stata. Si tratta di capire quanti e quali spazi possono esserci nella sostanza. Nel Partito Democratico però c’è chi invita a guardare avanti, ritenendo che, una volta arrivati al turno ballottaggio, la partita ricomincia da zero a zero

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright