Fontana, Marcelli e la nuova mappa del potere a 5 Stelle

La sottosegretaria al ministero della Transizione ecologica e il capogruppo alla Regione scalano le posizioni pentastellate. Si va verso un Movimento dove a dare le carte non sarà più Luigi Di Maio, ma Giuseppe Conte e Vito Crimi. E Roberta Lombardi. Al palo Luca Frusone ed Enrica Segneri.

Ilaria Fontana sottosegretario al ministero della Transizione ecologica, Loreto Marcelli capogruppo del Movimento Cinque Stelle alla Regione Lazio. Due incarichi “istituzionali” di grande livello e di forte impatto, che testimoniano come stia cambiando l’assetto del Movimento Cinque Stelle. Anche in provincia di Frosinone. (Leggi qui Top e Flop, i protagonisti del giorno: 18 marzo 2021).

Il modello a 5 Stelle

Si va verso un modello che vedrà Giuseppe Conte alla guida. L’ex premier darà al Movimento un profilo più moderato e comunque ancorato all’Europa e nel solco dell’atlantismo. Beppe Grillo aveva ragione anni fa quando diceva che in ogni caso il Movimento Cinque Stelle del “Vaffa” aveva contenuto la protesta sociale in un ambito politico. Evitando degenerazioni.

Roberta Lombardi (Foto: Livio Anticoli / Imagoeconomica)

Oggi c’è un ulteriore cambiamento, ma non è vero che quelli della prima ora non sono protagonisti. Una della prima ora è Roberta Lombardi, candidata alla presidenza della Regione Lazio, poi capogruppo del Movimento e adesso assessora. Come della prima ora è Vito Crimi. C’è un obiettivo indebolimento di Luigi Di Maio, non fosse altro perché nella partita (persa) del Conte 3 non è riuscito a fare la differenza.

La nascita del Governo Draghi ha mandato in frantumi le leadership del Pd e dei Cinque Stelle. Beppe Grillo è stato abile a puntare su Giuseppe Conte da subito.

Chi sale e chi scende

In provincia di Frosinone salgono le azioni politiche di Ilaria Fontana e Loreto Marcelli, scendono quelle di Luca Frusone ed Enrica Segneri.

I Cinque Stelle sono un Partito che finora non ha puntato al radicamento nel territorio. Ragione per la quale a dare le carte sono quelli che a livello nazionale fanno parte dell’area che guida il Movimento. Ilaria Fontana è vicinissima politicamente a Vito Crimi, mentre Loreto Marcelli è un fedelissimo della Lombardi.

Luca Frusone, pure lui della prima ora, è stato sempre con Luigi Di Maio. Si tratta di capire adesso come potrà succedere a livello locale. Se cioè i Cinque Stelle proveranno a darsi un’organizzazione più robusta oppure no.

Nel frattempo però la mappa del potere  è cambiata.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright