De Angelis ha finito: «Il Consorzio nasce a marzo»

Nel corso di un convegno Francesco De Angelis annuncia che la settimana prossima consegna a Nicola Zingaretti il suo lavoro. In primavera parte il nuovo Consorzio Industriale Unificato

Francesco De Angelis ha finito il suo lavoro. “Credo che la prossima settimana consegnerò alla Regione Lazio ed a Nicola Zingaretti il mio lavoro”. Il progetto di fusione dei Consorzi Industriali del Lazio è pronto: il commissario Francesco De Angelis ha tracciato il percorso politico e giuridico che porterà alla creazione di un Super Consorzio, capace di organizzare lo sviluppo industriale in maniera armonica coinvolgendo tutti i territori. Un potentissimo braccio operativo dell’assessorato alle Attività produttive, capace di occuparsi di internazionalizzazione e ricerca universitaria, di fondi europei e organizzazione del commercio.

In pratica: fine delle politiche industriali ragionate per area geografica. Con il Consorzio Unificato, l’ampliamento del porto di Gaeta verrà pensato tenendo conto delle sue potenzialità per lo stabilimento Stellantis Cassino Plant. Le politiche per l’Automotive Cassinate terranno conto della cantieristica nautica nel Golfo.

In primavera si parte

Automotive
(Foto: Imagoeconomica)

Il progetto di fusione degli attuali 5 Consorzi Industriali è pronto. Con lui è stato sviluppato anche il piano strategico e messo a punto il nuovo statuto. «Se tutto va bene, se non ci sono intoppi e credo che non ci saranno – assicura Francesco De Angelisa marzo-aprile nascerà nel Lazio il più grande Consorzio industriale d’Italia».

L’annuncio è arrivato durante i lavori del seminario sul “Sostegno alla competitività del territorio attraverso il recupero e la valorizzazione dei siti industriali dismessi nella provincia di Roma“. Un confronto organizzato dalla Camera di Commercio di Roma insieme al Consorzio per lo sviluppo industriale Roma Latina.

«Non è solo un’operazione che semplifica e snellisce – ha aggiunto Francesco De Angelisma dentro questo processo cambiamo la mission dei consorzi industriali. Grazie alle norme approvate in Consiglio regionale di fatto mettiamo in campo nuovi strumenti e nuove attività, come la gestione degli incentivi alle imprese, la gestione dei fondi strutturali e l’investimento sul tema delle infrastrutture con una dotazione molto importante. Non solo saremo il più grande consorzio industriale d’Italia, ma costituiremo uno strumento utile al territorio e alle imprese“. (Leggi anche Super Consorzio: “Si va avanti in ogni caso”).

Le sedi del Consorzio rimangono

L’area portuale

Il commissario Francesco De Angelis ha spento sul nascere le preoccupazioni dei territori che temono di perdere un importante strumento per lo sviluppo industriale delle loro aree. «Non ci deve essere questa preoccupazione – ha detto – ma non ci deve essere perché si tratta di una opportunità da cogliere perché diventiamo più grandi e dunque più forti».

E su Latina, Frosinone, Roma, Gaeta, cassino? Francesco De Angelis assicura: «Sul territorio ci saremo. Le sedi saranno operative, a sostegno delle imprese. Nel nuovo statuto abbiamo anche individuato nuovi strumenti. È un processo che parte dal basso e coinvolge tutti con l’unico obiettivo di rendere piu’ competitivo il tessuto economico della regione. Credo che insieme ce la faremo».

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright