Frosinone-Roma, la beffa arriva all’ultimo secondo

Beffa atroce per il Frosinone che all’ultimo secondo incassa la rete della sconfitta dopo aver agguantato il 2-2 a 10’ dal 90’.

Giovanni Giuliani

Giornalista malato di calcio e di storie

FROSINONE (3-5-2): Sportiello, Goldaniga, Salamon, Capuano; Zampano, Chibsah (31’ st Trotta), Viviani, Cassata, Beghetto (14’ st Molinaro); Ciofani (21’ st Pinamonti), Ciano.

A disposizione: Salvati, Iacobucci, Gori, Maiello, Valzania, Sammarco, Brighenti, Krajnc, Verde.

Allenatore: Baroni.

ROMA (4-2-3-1): Olsen; Santon, Marcano, Manolas (31’ st Fazio), Kolarov; De Rossi, Nzonzi (20’ st Cristante); El Shaarawy, Pellegrini, Perotti (20’ st Zaniolo); Dzeko.

disposizione: Cerantola, Mirante, Juan Jesus, Coric, Fazio, Florenzi, Pastore, Kluivert.

Allenatore: Di Francesco.

Terna arbitrale.  Arbitro, sig. Gianluca Manganiello della sezione di Pinerolo (To); assistenti sigg. Sergio Ranghetti della sezione di Chiari e Filippo Meli della sezione di Parma; IV Uomo, sig. Aleandro Di Paolo di Avezzano (Aq); VAR sig. Luca Pairetto di Nichelino (To), Assistente VAR sig. Giacomo Paganessi di Bergamo.

Marcatore: 5’ pt Ciano, 30’ pt  e 50’ st Dzeko, 31’ Pellegrini, 35’ st Pinamonti.

Note: spettatori: abbonati 11.197 per un rateo abbonati di euro 244.9044,50; paganti 3.866 per un incasso di euro 108.000; angoli: 8-3 per la Roma; ammoniti: 39’ pt El Shaarawy, 41’ pt Dzeko, 23’ st Goldaniga, 33’ st Cassata; recuperi: 1’pt; 5’ st.

*

Una beffa atroce, tremenda. Il Frosinone perde al 95esimo in maniera rocambolesca contro la Roma dopo aver ripreso la partita e dopo aver rischiato anche di vincerla. Il calcio è così, a volte davvero beffardo.

 Questa è una sconfitta che fa malissimo e probabilmente segna la stagione in maniera definitiva. Finisce con lo stadio ammutolito perché perdere così  ti toglie il fiato. Alla fine la Nord applaude e canta.. che sarà sarà. Allo  Stirpe finisce, dunque,  2-3: decide un gol di  Dzeko che si becca con i tifosi di casa per tutta la gara.

PRONTI, VIA E… GOL FROSINONE

Nel Frosinone c’è l’ex Viviani a guidare la mediana. Beghetto si riprende dall’inizio la fascia sinistra mentre in avanti con Ciano agisce Daniel Ciofani. Nella Roma, come previsto, il diffidato Zaniolo parte dalla panchina.  In difesa c’è Manolas e si rivede dall’inizio Perotti.

La partenza di gara ci offe un Frosinone subito in palla e senza timori e subito… in gol.

I ciociari provano a far male e ci riescono a stretto giro di posta. Dopo neanche cinque minuti il gol lo firma Camillo Ciano che, sfugga un errore sull’asse Zonzi -De Rossi e fa partire un bolide di sinistro che Olsen respinge in maniera “strana” mandandolo nella sua porta. Esplode lo Stirpe. Per l’attaccante campano è il settimo sigillo in stagione. Ai giallazzurri il gol in casa mancava da inizio dicembre.

La Roma sembra stordita mentre il Frosinone continua nel suo ottimo inizio. Se la Roma pensava di fare una passeggiata sbaglia di grosso.

OCCASIONISSIMA PER IL RADDOPPIO 

Al decimo il Frosinone potrebbe raddoppiare. Azione manovrata dei canarini: Beghetto la crossa, Ciofani tenta di intervenire  di testa, la sfera arriva a Ciano che col mancino da ottima posizione spara altissimo. Che occasione per il Frosinone… 

La risposta della Roma arriva al 14esimo con El Shaarawy ma il suo colpo di testa viene deviato in angolo da un ottimo Sportiello.

Il Frosinone continua a spingere e  Beghetto dalla sinistra continua a mettere palloni pericolosi in mezzo all’area: per i difensori giallorossi c’è da fare gli straordinari.

La Roma prova a destarsi con Pellegrini ma il suo sinistro a rientrare termina sul fondo abbondantemente. E’ il 19esimo.

LA ROMA PAREGGIA E VA IN VANTAGGIO IN UN MINUTO

La Roma sembra nervosa; su tutti Dzeko che  risponde al pubblico che lo becca. Intanto il Frosinone continua a tenere a bada i giallorossi. La gara, però,  cambia in un  minuto, poco più.

Pareggia Dzeko al 30esimo sfruttando una dormita  di Goldaniga colossale dopo un rinvio di testa di Salamon. Per il Frosinone e’ una doccia fredda, freddissima. 

Ma poco dopo arriva il raddoppio. L’azione la fa ripartire lo stesso Dzeko, palla per El Shaarawy che serve sul secondo palo Pellegrini: è il gol dell’1-2. I ciociari protestano per un presunto fuorigioco ma per l’arbitro il gol è buono.

Il  Frosinone prova a riorganizzare le idee dopo un terribile uno-due e a ristabilire subito la parità ma Ciano, ancora lui, trova la respinta di Olsen al 34esimo.

Intanto arriva il giallo per El Shaarawy, poco dopo anche per Dzeko. La gara e nervosetta. Dopo un minuto di recupero si va al riposo.

SI RIPARTE CON POCHE EMOZIONI

Frosinone e Roma ripartano con gli stessi undici. I ciociari vorrebbero raddrizzare subito il match ma non è facile e nei primi dieci minuti della ripresa non accade poi molto. Dopo dodici minuti  la conclusione di Viviani e’altissima.

 Al14esimo primo cambio per i canarini. Dentro Molinaro e  fuori Beghetto.

Al Frosinone servirebbe uno scatto, il pubblico spinge ma Olsen pericoli non ne corre nei primi venti minuti. La Roma non ha alcuna intenzione di accelerare e gestisce. Di Francesco fa entrare Zaniolo e Cristante per Perotti e Nzonzi

Al 21esimo fuori Ciofani per Pinamonti che ha subito un’ occasione su cross di Zampano ma l’attaccante non ci arriva bene.

 Passano i minuti e Cristante dentro l’area prova a mettere la zampata, i ciociari si rifugiano in angolo. Poi ci prova Dzeko di testa, ma senza fortuna. Intanto entra anche Trotta per Chibsah. Baroni si gioca tutto ciò che ha in panchina. Esce l’infortunato Manolas, in barella,  per Fazio. Prende il giallo anche Cassata.

PINAMONTI GOL, LO STIRPE ESPLODE 

Quando la gara sembra non offrire altre emozioni il Frosinone trova il pari al 35esimo:  l’azione la fa partire Molinaro, la sfera arriva a Pinamonti che scarica per Ciano che gli rida la palla, l’attaccante di Cles non può sbagliare. 2-2. Lo Stirpe non si tiene più. E’ una bolgia.il Frosinone cerca la vittoria. 

Al 39 esimo Trotta chiama Olsen al grande intervento. Intanto anche  in Tribuna si scaldano gli animi mentre sul campo Trotta impegna ancora il portiere giallorosso.

 Il Frosinone  ci prova con tutte le sue forze a provare l’impresa. L’arbitro concede cinque minuti di recupero. Quando la gara sembra avviarsi verso il 2-2 Dzeko manda nella disperazione il popolo giallazzurro firmando il 2-3.  

 Lo stadio e’ attonito. Perdere così fa male, malissimo.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright