Frosinone, buona la prima: con la Carrarese è poker

Foto: © Emiliano Grillotti

Vince e convince il Frosinone nella prima sfida da tre punti. Segna 4 goal alla Carrarese. Soprattutto, la formazione di Nesta gioca un buon calcio, sfiora gol a ripetizione e si prende un mezzo rischio a metà del primo tempo.

Giovanni Lanzi
Giovanni Lanzi

Se lo chiamano 'Il Maestro' non è un caso

FROSINONE – CARRARESE 4-0

FROSINONE (4-3-1-2): Bardi; Salvi, Brighenti, Ariaudo, Beghetto; Paganini, Maiello, Gori; Ciano; Citro, Trotta.

A disposizione: Iacobucci, Bastianello, Zampano, Verde, Matarese,  Tribuzzi, Vitale, Obleac, Krajnc.

Allenatore: Nesta.

CARRARESE  (4-2-4): Forte; Ciancio, Conson, Tedeschi, Mezzoni; Pasciuti, Cardoselli; Valente, Maccarone, Biasci, Bentivegna.

A disposizione: Pulidori, Mignanelli, Scolari, Manzo, Manneh, Fortunati, Maccabruni, Petruccioli.

Allenatore: Baldini.

Marcatori: 10’ pt Ciano, 43’ pt Paganini, 3’ st Ariaudo, 36’ st Tribuzzi.

Note: spettatori: 3.174 di cui 74 ospiti per un incasso di euro 20.155,00; angoli: 7-5 per il Frosinone; recuperi: 2’ pt.

La partita

Vince e convince il Frosinone che si impone 4-0 sulla Carrarese ma il bottino poteva essere molto più ampio. Due a zero per il Frosinone alla fine del primo tempo grazie alla reti di Ciano e Paganini e altri due gol nella ripresa con la  zuccata di Ciano in avvio e la prima rete tra i professionisti di Tribuzzi.

Frosinone – Carrarese Foto: © Emiliano Grillotti

La squadra di Nesta gioca un buon calcio, sfiora gol a ripetizione, diverte gli oltre 3.000 spettatori presenti in una serata di caldo africano. Tutti i giallazzurri degni di menzione, qualcosa di più si attende da Trotta, sempre puntuale comunque all’appuntamento col pallone ma da rivedere nella stoccata finale.

Prossimo turno con il Monopoli tra sette giorni, con i pugliesi che hanno battuto il Cosenza dell’ex Braglia.

In campo

Nesta deve rinunciare a Szyminski, Dionisi, Capuano e Besea. Nel 4-3-1-2 Bardi tra i pali, pacchetto centrale con Brighenti e Ariaudo, Salvi sulla corsia di destra, Beghetto su quella di sinistra. In mezzo al campo Maiello è il vertice basso della mediana a rombo  con Paganini e Gori che fungono da intermedi e Ciano agisce a ridosso delle punte Citro e Trotta.

Frosinone-Carrarese Foto: © Emiliano Grillotti

Sul fronte toscano Baldini si presenta con un 4-2-4 molto ‘sprintoso’, maglie bianche e numeri affatto leggibili. L’ex della Viterbese, Forte, a difesa dei pali con Ciancio e Tedeschi centrali, Conson sull’out di destra e Mezzoni omologo di sinistra. L’ex tecnico dell’Empoli recupera Cardoselli in mezzo al campo dove agisce in coppia con l’ex Carpi Pasciuti, Bentivegna e Valente sono i laterali, l’esperto Maccarone a supporto di Biasci nel cuore della difesa canarina.

In panchina il neo acquisto Mignanelli, nella lunga lista di assenze c’è anche la punta Tavano.

Tre occasioni

Frosinone in attacco, palla da Beghetto a Gori che serve Ciano: tocco di prima per Trottta che con una magia si libera in area, ma Forte para di piedi. La risposta della Carrarese è nei piedi di un intraprendente Bentivegna che poi incespica sul pallone appena superato Beghetto e l’azione sfuma.

Foto: © Emiliano Grillotti

La squadra di Baldini osa dalla cintola in su, Maccarone fa da sponda all’inserimento di Valente che si accentra ma la difesa giallazzurra fa buona guardia. Al 9’ Trotta si fionda su un pallone complicato da gestire al limite dell’area, anticipa il difensore con l’esterno destro, la sfera si impenna sulla traversa. Il gol è nell’aria: al 10’ Citro vede Ciano al limite, marcature larghe, il fantasista campano vede lo spazio e infila l’immobile Forte alla sua sinistra.

E’ di Ciano il primo gol in una partita ufficiale della stagione 2019-’20. La Carrarese si schiaccia in area, palla telecomandata per Paganini che si fa trovare all’appuntamento col pallone ma Forte stavolta è attento sul sinistro ad incrociare dell’intermedio canarino.

La squadra di Nesta al 17’ trova praterie libere con Beghetto che supera Conson ma poi non vede Ciano e Paganini liberi a destra, il pallone è per Trotta ma è troppo lungo.

Padrone del campo

Il pallone è inevitabilmente sempre tra i piedi dei giallazzurri che appena varcano la metà campo avversaria affondano il coltello nel burro: al 22’ Beghetto vede Ciano liberissimo al limite, stop, sguardo alla porta e staffilata che Forte devia come può, a Paganini non riesce il tap-in a due metri dalla linea bianca.

Frosinone – Carrarese Foto: © Emiliano Grillotti

Beghetto è una spina nel fianco dei toscani, pallone in quantità industriale dentro l’area avversaria, come al 24’ quando Trotta non ci arriva ma Ciano sì, palla un metro fuori. Ci prova per la prima volta la squadra di Baldini al 24’: botta di Pasciuti e deviazione in angolo di un attento Bardi. Beghetto senza soluzione di continuità dalla sua parte, pallone in mezzo per Trotta che stoppa di petto invece di incocciare di testa una ghiotta occasione e la Carrarese riparte con Valente a destra dove il Frosinone dimentica le marcature preventive, pallone imbucato per Biasci in netto anticipo su Brighenti ma l’attaccante apuano cicca clamorosamente il pallone a 6 metri da Bardi.

Trotta non sfonda, Paganini non sbaglia

I giallazzurri danno l’impressione di poter far male alla Carrarese ogni qualvolta sorvolano col pallone l’area toscana ma la squadra di Baldini gioca in maniera sbarazzina dalla cintola in su.

Ancora Forte protagonista poco prima del 40’, Trotta dal limite cerca la botta sotto la traversa ma l’ex portiere della Viterbese con un gran balzo devia in angolo. Azione da manuale del Frosinone al 41: Maiello-Gori-Ciano-Trotta e tap-in fuori di destro.

Frosinone – Carrarese Foto: © Emiliano Grillotti

Il raddoppio giallazzurro è maturo e arriva a 2’ dal riposo: la palla circola da Salvi per Gori, si allarga per Beghetto, stop and go sulla linea di fondo, cross per Paganini che infila alle spalle di Forte. Al 45’ dialogano Citro, Gori e Trotta, diagonale del tecchienese e palla di poco fuori. Dopo 2’ di recuperi l’arbitro manda tutti a prendere una boccata di fresco negli spogliatoi.

Ariuaudo fa tris

Ad inizio ripresa Baldini spedisce in campo Mignanelli (che i tifosi del Frosinone ricorderanno per un drammatico Ascoli-Frosinone 2-1 nella stagione 2016-’17, costato poi la promozione) al posto di Ciancio. Ma il Frosinone al 3’ fa 3-0: punizione di Ciano sotto la tribuna Est, Ariaudo spunta alle spalle della difesa apuana, Forte incerto e palla sotto la traversa.

Si sveglia la Carrarese, Bardi attento su un diagonale appena dentro l’area da parte di Valente, poi Beghetto con un tocco rischioso ma calibrato al millimetro spedisce in angolo. La squadra di Nesta macina gioco e dà anche spettacolo: al 7’ Paganini si infila bene nell’area dei toscani imbeccato da Maiello ma il sinistro al volo non preciso. Entra Tribuzzi al 13’ per un Gori largamente positivo.

Frosinone – Carrarese Foto: © Emiliano Grillotti

Il Frosinone piace pur nella grande differenza di valori che si notano in campo. Bel diagonale di Mezzoni al 21’ sul tocco ad uscire di Manneh, palla un metro fuori con Bardi comunque ben proteso in tuffo. Il Frosinone dà spettacolo: Citro-Ciano-Trotta sempre di prima, l’attaccante campano dall’altezza del dischetto del rigore si fa deviare in angolo da Forte con un balzo prodigioso.

Esordio per Tribuzi

Intanto arriva il terzo cambio per Nesta: fuori un ottimo Beghetto, al suo posto Zampano che ne rileva anche i compiti a sinistra. C’è spazio per il quarto gol al 36’, primo tra i professionisti di Alessio Tribuzzi che con una bordata risolve un duetto tra Ciano e Citro che serve il compagno con grande altruismo.

Il finale è pura accademia del Frosinone che il 18 agosto sarà atteso da un altro confronto interno per il quarto turno di Coppa Italia.