Frosinone e Grosso nel destino. De Lucia: “È la mia occasione”

Il portiere campano torna in giallazzurro dopo sei anni per recitare un ruolo da protagonista. Ritrova il tecnico che lo fece debuttare tra i cadetti e si dice pronto a vestire la maglia da titolare.

Alessandro Salines

Lo sport come passione

Il Frosinone, Fabio Grosso e la Serie B. Quando il destino riannoda i fili tutto torna. Anche la storia di Victor De Lucia, neo portiere giallazzurro che si è presentato in conferenza nel ritiro di Ferentino. Una storia che solo in apparenza sembra la stessa di tanti ragazzi che giocano a pallone ed invece non lo è.

Evidentemente tutto era già scritto come alcune volte capita. Dopo sei anni in giro per l’Italia a parare, De Lucia ha ritrovato la maglia del Frosinone ed il tecnico Grosso che lo aveva fatto debuttare in B, un campionato dove oggi vuole affermarsi e magari spiccare il volo perché nel calcio mai dire mai. L’estremo difensore, 25 anni, torna in Ciociaria con un buon bagaglio di maturità ed esperienze: 130 presenze tra i professionisti distribuite tra Catanzaro, Bari (ha esordito in B con Grosso) e Feralpi Salò dove ha giocato le ultime 3 stagioni sfiorando la promozione.

Ed ora è pronto a giocarsi le sue carte in un campionato importante come la Serie B.

IL RITORNO A FROSINONE

De Lucia è stato giallazzurro nella stagione 2014-2015, reduce dalle parentesi alle giovanili del Napoli e del Parma ed al Fondi (8 presenze in Lega Pro tra il 2011 ed il 2013). Ha militato nella Primavera con il tecnico Roberto Sesena, vecchia gloria del Frosinone anni ’80.

Cinque panchine in B nel torneo che ha regalato la prima promozione in Serie A dei canarini. Poi Latina, Taranto, Catanzaro, Bari e Feralpi Salò dove nella stagione appena conclusa ha disputato da protagonista i playoff fino alla semifinale persa contro l’Alessandria. Il Brescia lo ha cercato ma il Frosinone era nel suo destino. Il 2 luglio la firma sul contratto biennale.

A 25 è l’occasione che voleva. “Assolutamente sì, è andato tutto come speravo – dice entusiasta il portiere nato a Maddaloni in provincia di Caserta – È l’età perfetta per mettermi in gioco, per di più in una realtà così bella e in un campionato altrettanto affascinante”. Il ritorno a Frosinone è stata una scelta ponderata. “L’assetto societario e la composizione tecnica della squadra hanno contribuito a convincermi che Frosinone fosse la destinazione migliore, dandomi una chance per giocare in serie B dopo aver fatto tanta gavetta”, prosegue De Lucia. 

PRONTO PER LA SERIE B

Portiere ben strutturato fisicamente dall’alto dei suoi 187 centimetri, reattivo tra i pali ed interessante nelle uscite (un fondamentale dove è migliorato molto), De Lucia non vede l’ora di tuffarsi nella nuova avventura. Un campionato molto difficile e competitivo.

Conosciamo tutti le difficoltà che presenta il torneo, lo ha dimostrato nel corso degli anni – afferma il portiere – La prossima stagione lo sarà ancora di più, anche per il valore tecnico-tattico delle squadre che lo compongono. Prevedo una stagione avvincente, bella e dura”.

Pronto a giocare titolare anche se la concorrenza non mancherà considerando che la situazione-portiere è ancora fluida. “Non voglio essere presuntuoso ma dopo che giochi titolare tre stagioni in Lega Pro, sei pronto per fare il salto di qualità – sottolinea De Lucia – Spero di dare delle ottime impressioni e proseguire nel mio percorso di crescita”.

PROGETTO TRIENNALE

De Lucia è tornato a Frosinone consapevole dei programmi societari che ha compreso e sposato con grande entusiasmo. Un club che ha ritrovato più strutturato rispetto a 6 anni fa. “Sicuramente è cambiato tanto, a cominciare dallo stadio nuovo – confessa il neo giallazzurro – Forse uno dei più belli che abbia mai visto. E poi trovo una società più organizzata ed ambiziosa. Quando l’ho lasciata sei anni fa era una famiglia aperta. Ora è ugualmente una famiglia ma, come ho detto, più organizzata”.

Il progetto triennale disegnato da Stirpe lo stimola. “In questi 3 anni abbiamo l’opportunità di progettare il nostro futuro, esattamente come ha fatto intendere la società, partendo da questa stagione che dovrà essere di consolidamento – osserva il portiere – Andremo su tutti i campi a dare battaglia, è quello che vogliono la società e i tifosi. Sarà un percorso avvincente, difficile ma ce la metteremo tutta”. (Leggi qui Frosinone, Stirpe apre il nuovo nuovo ciclo).

Un progetto triennale come alla Feralpi. “Ho capito che quando sposi dei progetti, questi sono sempre a lungo termine e mai nel breve”, chiosa Victor.

LE AMICHEVOLI

La società ha ufficializzato il calendario delle amichevoli precampionato. Si partirà mercoledì 21 luglio alle 17 a Trevi nel Lazio. Poi sabato 24 a Fiuggi alle 17 sfida contro l’Alatri.

Sempre nella cittadina termale mercoledì 28 si giocherà Frosinone-Viterbese. Dopodiché due appuntamenti allo “Stirpe”: il primo sabato 31 luglio alle 17 al cospetto della Ternana in un antipasto di campionato e poi il 4 agosto alle 18 match con l’Avellino

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright