Frosinone-Empoli: finisce 3-3 e di più non si poteva fare

Frosinone-Empoli 3-3 Finisce con un pareggio ma con tanti segnali nuovi. Il ritiro ha creato amalgama. Il Frosinone due volte in vantaggio. Di più, da questo collettivo, non si può chiedere

Fabio Cortina

Alto, biondo, robusto, sOgni particolari: molti

Frosinone-Empoli 3-3

FROSINONE (3-4-1-2): Sportiello; Goldaniga, Ariaudo, Capuano; Zampano, Chibsah, Maiello (36’ st Gori), Molinaro; Ciano; Campbell (20’ st Vloet), Ciofani (39’ st Pinamonti).

A disposizione: Bardi, Ghiglione, Soddimo, Brighenti, Cassata, Salamon, Besea, Beghetto, Crisetig.

Allenatore: Longo.

EMPOLI (4-3-1-2): Provedel; Di Lorenzo, Maietta, Silvestre, Antonelli (33’ st Pasqual); Acquah, Capezzi (21’ Bennacer), Krunic; Zajc (21’ st Ucan), La Gumina, Caputo.

A disposizione: Terracciano, Saro, Brighi, Traoré, Jakupovic, Untersee, Marcjanik, Rasmussen, Mraz.

Allenatore: Andreazzoli.

Terna arbitrale – Arbitro: Sig. Daniele Orsato della sezione di Schio; assistenti sigg.Lorenzo Manganelli della sezione di Valdarno e Mauro Vivenzi della sezione di Brescia; IV Uomo sig. Gianluca Manganiello di Pinerolo (To); Var Juan Luca Sacchi di Macerata; assistente Var sig. Stefano Del Giovane di Albano Laziale (Roma).

Marcatori: 7’ Silvestre (aut), 32’ pt Zajc, 3’ st Silvestre, 9’ (rig) e 17’ st Ciofani (rig).

Note: spettatori: 12.287; abbonati: 11.197 per un incasso di euro 244.944,50; spettatori paganti: 1.090 per un incasso di euro 16.690; angoli: 8-5 per l’Empoli; ammoniti: 6’ pt Zajc, 23’ st Maietta, 41’ st Bennacer, 42’ st Molinaro, 45’ st Ciano; recuperi: 5’ st.

 

*

Un’altalena di emozioni che però porta solo un punto. Una gara, quella con l’Empoli che termina 3-3 e si fatica a capire se siano due punti persi o uno guadagnato.

Di certo per l’intensità e per l’attenzione il Frosinone meritava i tre punti, ma l’Empoli ha giocato la gara della vita così come i giallazzurri a cui si può imputare forse solo una pausa di mezzora nel primo tempo che ha portato i toscani all’1-1.

 

In campo

Il Frosinone si schiera con i tre giocatori offensivi, come aveva anticipato Longo. Dietro giocano Goldaniga, Ariaudo e Capuano, Maiello torna in mezzo al campo. Andreazzoli non cambia il suo 4-3-1-2 e si affida a Caputo e La Gumina davanti, con Zajc a supporto.

Si parte subito forte, il Frosinone dimostra che vuole comandare la partita. Su punizione dalla sinistra di Ciano Provedel esce male, contro cross da destra di Zampano e palla in corner.

Al 5′ riparte veloce l’Empoli con cinque uomini, Acquah mette in mezzo per Caputo che arriva con un attimo di ritardo. La squadra di Longo riprende subito il comando delle operazioni e ci prova con Ciano da fuori, ma il suo tiro è altissimo.

 

Primo vantaggio

E’ il minuto numero otto quando il Frosinone passa per la prima volta in vantaggio in questa stagione: palla geniale di Ciano per Zampano che si incunea in area e mette un pallone radente, nessuno attacca il primo palo ed allora è un preoccupatissimo Silvestre a toccare il pallone e a mandarlo nella propria porta.

E’ il vantaggio è una liberazione per l’intero stadio. L’Empoli prova a reagire all’11’ ma il tiro di Zajc finisce altissimo.

Ora la squadra di Longo vuole fare uscire l’Empoli e prova a ripartire come quando al 17′ Ciano combina con Ciofani, entra in area e prova il sinistro a giro debole.

Nei minuti successivi dominano gli sbadigli, ma l’Empoli comincia a prendere campo. Di Lorenzo scende a destra al 26′ e mette in mezzo un pallone basso, La Gumina anticipa tutti di tacco, ma Sportiello è bravissimo a dire no.

Il Frosinone non riesce più ad uscire ed allora la squadra di Andreazzoli comincia a collezionare corner alzando la pressione.

 

Primo pareggio

Puntuale al 32′ c’è il pareggio: Maiello recupera palla e la perde subito, Antonelli a sinistra crea il panico e la mette dietro per Zajc che spara forte e Sportiello tocca, ma non può nulla. È uno a uno. Tutto da rifare.

Si riparte. Fiammata di Campbell quando il cronometro dice 36: il costaricano accelera e mette in mezzo, ma la palla ballonzola in area e non entra.

Non entra neanche dopo due minuti nell’altra porta quando Silvestre incorna e colpisce la traversa.

Il Frosinone è in bambola, prova a ripartire in contropiede, ma al 42′ è ancora l’Empoli ad andare vicino al gol con un destro da fuori di Capezzi che sibila di pochissimo a lato.

Il primo tempo finisce così in parità.

 

Subito sotto e poi di nuovo pari

Anche la ripresa inizia come al solito: il Frosinone prende gol dopo due minuti. Campbell perde un pallone bruttissimo su calcio d’angolo e dà il “la” al contropiede di Caputo che tira e trova Sportiello che mette in corner. Sul calcio piazzato Silvestre si fa perdonare e con un pizzico di fortuna la mette alle spalle del portiere giallazzurro. Fa due a uno. I vecchi fantasmi tornano ad aleggiare sulla squadra di Longo.

La reazione del Frosinone è rabbiosa, il pallone arriva più volte nel cuore dell’area, ma la volta buona arriva al minuto numero sei, quando Ciano viene toccato in area da Capezzi. Orsato lascia correre, ma Sacchi dal VAR lo richiama. Dopo due minuti viene assegnato il rigore. Dal dischetto non va il fantasista di Marcianise, ma capitan Ciofani che non sbaglia.

 

Un’altra partita

E’ 2-2. Ora è tutta un’altra partita.

Il Frosinone ci crede, lo “Stirpe” asseconda la squadra di Longo ed il capitano si prende la squadra sulle spalle.

Al 62′ Zampano recupera palla al limite dell’area e fa ripartire Campbell che si libera di due avversari e parte sulla sinistra in quattro contro due, il costaricano alza la testa e vede Ciofani, gli fornisce un pallone col contagiri e Ciofani colpisce con il sinistro. E’ una sberla che Provedel non può fermare: 3-2.

Longo chiama in causa al 65′ l’olandese Vloet e lo inserisce al posto di Campbell: più muscoli, ma stesso modulo; risponde Andreazzoli con un doppio cambio. La gara si gioca tutta qui. E’ proprio uno dei nuovi entrati a provocare diversi attacchi di cuore tra i tifosi del Frosinone: minuto 68 e punizione di Ucan, che sibila di pochissimo alla sinistra di Sportiello dopo una deviazione della barriera.

 

Ancora pari

Quando mancano venti minuti l’Empoli prova a riprendere in mano il controllo della gara, Longo non vuole che la squadra si abbassi troppo e chiama i suoi ad uscire.

Maiello ha i crampi e Mirko Gori in panchina comincia a vestire l’armatura: dopo quattro mesi tocca a lui.

Da un contropiede possibile al 76′ il Frosinone rischia di prendere gol: Ciano perde palla e La Gumina arriva tutto solo davanti a Sportiello che gli dice “no” con una uscita prodigiosa.

Al minuto 79 Ucan pareggia: corner di Pasqual, Molinaro la allunga e la mette sul piede del turco che tutto solo tira al volo e trova una parabola splendida che si insacca nell’angolino. Tutto da rifare. Per gli ultimi dieci minuti Longo inserisce Gori per uno sfinito Maiello.

Ciofani crolla a terra, anche lui in preda ai crampi. Entra al suo posto Pinamonti. Negli ultimi minuti l’Empoli ne ha di più: all’89’ è Caputo a mancare l’aggancio che lo avrebbe portato in porta, mentre il Frosinone era rimasto scoperto ed in ritardo.

Al 95′ doppia occasione per Vloet e Capuano, ma doveva finire così. Tre a tre.

 

E’ un pareggio che non serve a nessuno, soprattutto al Frosinone, ma questa squadra di più oggi non poteva darlo.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright