Frosinone, l’ora del bomber: è fatta per Moro del Sassuolo

Il club giallazzurro in chiusura per il prestito del centravanti autore di 21 gol la stagione col Catania. Un tassello di qualità per colmare le partenze di Charpentier Zerbin. Il portiere De Lucia verso la Virtus Entella, il Catanzaro prova a trattenere Iemmello

Alessandro Salines

Lo sport come passione

Siamo ai dettagli e poi dovrebbe arrivare l’annuncio. Sembra ormai tutto fatto per l’ingaggio del giovane bomber Luca Moro. Nelle ultime ore il Frosinone ha sprintato ed ha chiuso con il Sassuolo per il prestito. Battuta la concorrenza del Bari che ha provato in tutti i modi di soffiarlo ai canarini.

Alla fine Guido Angelozzi l’ha spuntata, consegnando a Grosso un attaccante che dovrebbe garantire quei gol persi con le partenze di Charpentier e Zerbin. Moro è uno dei primi tasselli importanti nella costruzione del nuovo Frosinone che tra meno di 2 settimane riprenderà la preparazione.

Fisico da corazziere e fiuto per il gol

Luca Moro

Classe 2001, 189 centimetri di altezza e 21 gol segnati in 28 gare col Catania prima del ritiro forzato  dei siciliani. Luca Moro è uno degli attaccanti più promettenti del panorama calcistico italiano. Non a caso il Sassuolo ha investito 4 milioni più 1 di bonus (scatterà in caso di convocazione in Nazionale) per prelevarlo dal Padova proprietario del suo cartellino.

Originario di Monselice in provincia di Padova, ha mosso i primi passi nel club della sua città. Il Padova poi lo ha prestato a diverse squadre come il Torino, il Genoa, Spal (ha collezionato 10 presenze in Serie B) ed il Catania. A gennaio scorso la cessione al Sassuolo. Per Moro il Frosinone potrebbe rappresentare una tappa decisiva della sua carriera: cercherà di ripercorrere le orme di Gatti e Zerbin.

Attaccante forte fisicamente, micidiale di testa, bravo tecnicamente in considerazione della sua stazza, in molti lo paragonano a Lewandoski (è il suo idolo tra l’altro) per le sue movenze in area di rigore e l’istinto del killer. Non è solo il classico attaccante centrale ma sa anche giocare senza palla e dare profondità alla squadra. Batte inoltre i rigori con estrema precisione e freddezza.

Asse col Sassuolo

Stefano Turati (Foto: Stefano Turati Official Fan Page)

L’arrivo di Moro rafforzerà l’asse di mercato creato tra il Frosinone ed il Sassuolo. D’altronde Angelozzi è un ex neroverde ed ha mantenuto ottimi rapporti con la dirigenza emiliana.

Oltre al centravanti veneto infatti arriveranno in Ciociaria altri 2 giovani promettenti: l’esterno d’attacco Ciervo ed il portiere Turati. E poi al Sassuolo piace il centrocampista Boloca e chissà che da qui alla fine del mercato l’interesse per il rumeno potrebbe concretizzarsi con un’operazione stile-Gatti. Il Sassuolo lo prenderebbe lasciandolo in prestito al Frosinone.

L’altro mercato

Pietro Iemmello

Sul taccuino degli uomini-mercato del Frosinone è finito un altro centrocampista: è il ventiduenne Leonardo Benedetti di proprietà della Sampdoria ma reduce da un ottimo campionato all’Imolese (35 gare e 5 reti).

Intanto il portiere De Lucia andrà alla Virtus Entella e non al Cesena. Il giocatore rientra dal prestito alla Feralpi Salò. A proposito di portieri, Ravaglia tornato al Bologna per fine prestito dovrebbe accasarsi al Bari.

Infine per Iemmello si lavora ad una cessione a titolo definitivo al Catanzaro dove ha militato in prestito. Il centravanti vorrebbe restare a giocare nella squadra della sua città. Trattativa non facile per i costi ma la volontà del giocatore potrebbe fare la differenza.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright