Frosinone nella stanza dei bottoni: Gualtieri eletto nel Comitato esecutivo

Il direttore marketing-comunicazione del club ciociaro è entrato nell’organismo della Lega composto anche da Carlo Neri e dal presidente Mauro Balata. Si tratta di un ruolo strategico in una sorta di cabina di regia che opera su delega del consiglio direttivo

Alessandro Salines

Lo sport come passione

Un’altra bandiera giallazzurra sventola alta nel palazzo di via Rossellini a Milano.  Il Frosinone sempre più centrale nella politica calcistica italiana ed in particolare in quella della Serie B. La strada aperta dal presidente Maurizio Stirpe (consigliere della Lega di Serie C, poi dell’ex Lega Professionisti e della Figc) è stata proseguita da Salvatore Gualtieri, direttore dell’area marketing & comunicazione-rapporti istituzionali del club ciociaro.

Il dirigente calabrese, consigliere della Lega B dopo esserne stato in passato vice presidente e tra i fondatori, conquista un’altra carica. E’ stato eletto nel Comitato esecutivo: una sorta di cabina di regia che lavora su delega del Consiglio Direttivo come sancito dall’articolo 10-bis dello statuto. Una carica strategica che va arricchire la carriera dirigenziale di Gualtieri che in Lega è anche presidente della commissione marketing.

“Per me è un onore rappresentare le società nel Comitato esecutivo – ha commentato il direttore – Ringrazio Balata, il Consiglio di Lega e tutti i club che hanno riposto in me la fiducia conferendomi un incarico così prestigioso. Le sensazioni sono quelle di aver ricevuto una gratificazione importante e di conseguenza sento il peso e la consapevolezza della responsabilità di un ruolo così delicato”.

Il nuovo Comitato esecutivo

Il nuovo direttivo della lega di Serie B

L’organismo è composto da 2 consiglieri oltre che di diritto dal presidente della Lega. Il Comitato viene nominato dal consiglio direttivo.

L’elezione di Salvatore Gualtieri è avvenuta subito dopo l’assemblea delle società convocata a Milano per il rinnovo dei componenti del Consiglio dopo le promozioni e retrocessioni e delle altre cariche istituzionali. Insieme al direttore del Frosinone è stato scelto il consigliere Carlo Neri, presidente dell’Ascoli. Completa il trio Mauro Balata.

Nel nuovo consiglio invece sono entrati i presidenti del Benevento Oreste Vigorito (sarà anche il vicepresidente di Lega), del Genoa Alberto Zangrillo, del Palermo Dario Mirri e del Pisa Giuseppe Corrado.

“Un consiglio di qualità e spessore” lo ha definito Balata. Quindi il nuovo Consiglio risulta formato dal presidente Mauro Balata, dal vicepresidente e consigliere Oreste Vigorito, dai consiglieri Giuseppe Corrado, Salvatore Gualtieri, Dario Mirri, Carlo Neri, Alberto Zangrillo e dai consiglieri indipendenti Andrea Messuti e Mauro Pizzigati.

Entusiasmo ed impegno

Salvatore Gualtieri e Maurizio Stirpe

Salvatore Gualtieri, 62 anni, già presidente e dirigente del Crotone, non nasconde orgoglio ed emozione malgrado in Lega sia ormai di casa. Ed abbia ricoperto tutti i ruoli.

“Questo incarico è diverso non solo perché non lo avevo mai ricevuto ma soprattutto perché oggi i tempi sono diversi – ha sottolineato – La Lega B ed il calcio stanno cambiando velocemente ed oggi le sfide sono tante, importanti e difficili da affrontare. E’ molto stimolante il Comitato esecutivo di una Lega come la B che a detta di tutti ha una grande identità e compattezza e rappresenta uno dei campionati più belli d’Europa con la presenza di piazze importantissime. Gli incarichi vanno sempre contestualizzati con il momento ed oggi rappresentare il campionato degli italiani e lavorare per far crescere ancora la Lega è entusiasmante”.

E’ motivato come quando 22 anni fa partecipò alla prima assemblea. “Lavorerò al massimo sempre con onestà e trasparenza per ricambiare la fiducia delle società – ha affermato il direttore del Frosinone – Indosserò la casacca della Lega B e non quella del club come è giusto che sia. Se hai la fiducia delle società devi adoperarti per il bene della stessa Lega. Se fai il bene di tutti i club, il tuo è comunque uno dei venti. La priorità e senza dubbio la Lega, straordinariamente unita ed esempio virtuoso”.

Mutualità e riforme dei campionati

Mauro Balata (Foto: Canio Romaniello / Imagoeconomica)

Il presidente Balata nel suo intervento ha posto all’attenzione dell’assemblea il nuovo decreto legislativo sulla redistribuzione della mutualità proveniente dalla commercializzazione dei diritti audiovisivi.

Un provvedimento che rischia di ridurre ulteriormente il contributo alla Serie B in un momento in cui le proprietà soffrono per la crisi economica a livello mondiale: “Abbiamo inviato una nota alla federazione affinché la questione venga discussa nel prossimo Consiglio federale in maniera urgente”, ha detto Balata. Si è infine manifestata la necessità da parte delle associate di procedere con la riforma dei campionati, “che deve essere una riforma strutturale – ha sottolineato sempre Balata e finalizzata per procedere verso la stabilità economico finanziaria tanto auspicata da tutti”.

In assemblea si è parlato pure di licenze nazionali da uniformare con le altre Leghe e di B Solidale. Inoltre Balata ha sottolineato come il mercato delle nuove piattaforme digitali del fantasport attraverso gli NFT sia la direzione verso cui la Lega B intende aprirsi con partner in grado di valorizzarne al meglio le potenzialità di nuovi prodotti in un mondo capace di raggiungere milioni di appassionati. Il consulente del Mise Gianluca Comandini, tra i massimi esperti del settore, ha illustrato all’assemblea i contenuti dei prodotti NFT e il loro valore economico. Comandini inoltre ha informato di aver ricevuto il forte interesse di importanti operatori del settore NFT. Le trattative si terranno nei prossimi giorni in Lega.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright